Definizione testa

Il concetto di intestazione viene utilizzato in vari modi. Sia nel suo femminile (testa) o maschile (testa), può riferirsi al mobile che si trova nella zona del letto in cui sono collocati i cuscini .

testa

Questa testata può avere uno scopo estetico o essere utilizzata per proteggere il muro dalle macchie causate dallo sfregamento. Ad esempio: "Mi piacerebbe avere un grande letto matrimoniale con testiera", "Ho comprato una testata in legno per nascondere la vernice sporca sul muro", "Quando ho provato ad accendere la luce, ho colpito la mia mano con la testiera" .

I tavoli rettangolari hanno anche intestazioni, che sono le due estremità più piccole. Se prestiamo attenzione ai problemi del protocollo, in questi due punti dovrebbero sedere le persone più importanti del gruppo, quelle che si trovano nelle posizioni più alte della gerarchia . All'interno di una famiglia tradizionale, ad esempio, è la madre e il padre che devono occupare questi posti, mentre in una società vengono assegnati a manager e direttori.

Nel campo dell'architettura, la parte di un edificio religioso che è opposto all'afronte (la facciata) è chiamata la testa. Di solito la testa è orientata ad est e ospita abitualmente l'altare. Lo stile dell'intestazione, tuttavia, varia in base all'ora.

L'idea di intestazione appare anche nel campo delle telecomunicazioni e della tecnologia dell'informazione . In un sistema televisivo via cavo, la centrale è la struttura che riceve i segnali per elaborarli e quindi distribuirli via cavo.

L'intestazione o intestazione, d'altra parte, è l' informazione complementare che si trova all'inizio di un blocco di dati e che indica come devono essere trattati i dati in questione.

C'è anche il termine file di intestazione (con le sue varianti, come il file di intestazione o inclusione, tutto derivato dal file di intestazione di concetto inglese), che si riferisce a un file che il compilatore deve includere automaticamente durante l'elaborazione di un altro, secondo le indicazioni di gli sviluppatori. I linguaggi di programmazione in cui viene utilizzata questa pratica sono C e C ++, tra gli altri.

In generale, un file di intestazione consiste in una dichiarazione diretta di determinati identificatori, come variabili, classi e subroutine. Quando un programmatore deve dichiarare un identificatore standard in diversi file di codice, può inserirli in un singolo file di intestazione e quindi includerlo quando necessario. La dichiarazione delle funzioni standard nelle librerie C e C ++ viene solitamente eseguita nei file di intestazione.

Uno dei vantaggi dell'utilizzo dei file di intestazione è che contribuisce alla divisione dei programmi in piccole parti che possono essere organizzate e riutilizzate con grande praticità, invece di utilizzare un singolo file di notevole estensione. Al momento, questa pratica è la più comune, quindi non è una tattica che solo l'uso più abile, ma un aspetto fondamentale della programmazione in alcune lingue.

Naturalmente, come tutto, i file di intestazione hanno i loro svantaggi. Ad esempio, costringono lo sviluppatore a apportare le modifiche in due posizioni diverse ogni volta che desiderano modificare una definizione (cosa che accade quando aggiungono o rimuovono i parametri, tra gli altri casi). Alcune lingue, come Java, sostituiscono i file di intestazione con schemi di nomi, anche se una delle conseguenze negative è un aumento dello spazio richiesto e dei tempi di esecuzione.

Nell'organizzazione amministrativa o politica di un territorio, infine, una città che funge da capitale di una regione, che ospita le istituzioni governative, è chiamata la testa. Si dice anche che sia il principale centro urbano di un'area.

Raccomandato
  • definizione: estroverso

    estroverso

    Extrovert è un aggettivo che permette di riferirsi alla persona che viene data all'extraversion (il movimento della mente che esce da se stesso attraverso i sensi). Un estroverso ha la tendenza a socializzare facilmente ed eccellere nelle riunioni, per cercare di essere al centro dell'attenzione.
  • definizione: occhio

    occhio

    La parola latina ocŭlus deriva negli occhi , il concetto che nomina l' organo che consente la visione negli animali e nell'essere umano . Il termine, comunque, ha altri significati. Come un organo, l'occhio può rilevare la luminosità e convertire le sue variazioni in un impulso nervoso interpretato dal cervello. A
  • definizione: preistoria

    preistoria

    La preistoria è il periodo della vita umana prima dei documenti scritti . Questo periodo è noto per vestigia come strumenti, costruzioni, pitture rupestri o ossa. Il termine è anche usato per nominare lo studio di quel periodo e il lavoro che si occupa del tempo. La preistoria , quindi, va dall'apparizione del primo essere umano all'invenzione della scrittura (attorno al 3000 aC). I
  • definizione: formazione

    formazione

    In latino è dove possiamo chiarire che si trova l'origine etimologica del termine addestramento. In particolare, questo è il risultato della somma di tre componenti latini come l' annuncio prefisso - che può essere tradotto come "verso", la parola destrezza che è sinonimo di "destra" e infine il suffisso uguale a "risultato di un'azione" ". La
  • definizione: fieno

    fieno

    Il termine fieno deriva dalla parola latina fenum . Il concetto si riferisce a una pianta che fa parte del gruppo di erbe , caratterizzato da sottili canne e foglie strette. Quando è incluso nel gruppo di erbe, il fieno è anche una pianta di angiosperma monocotiledone . Ciò significa che i loro carpelli formano un'ovaia che contiene gli ovuli e che il loro embrione ha un singolo cotiledone (prima foglia). I
  • definizione: beffa

    beffa

    Il termine inglese hoax non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), sebbene il suo utilizzo sia frequente nella nostra lingua. La Fondazione dello Spagnolo Urgente - Fundéu BBVA suggerisce comunque di sostituirlo con bufala , inganno o infedeltà . Una bufala, in breve, è una notizia falsa che viene diffusa per qualche scopo. È