Definizione variabile continua

Una variabile è chiamata un simbolo che agisce su proposizioni, formule, funzioni e algoritmi di statistica e matematica e ha la particolarità di poter adottare valori diversi .

Tutti i sacchetti di 1 kg di riso hanno la stessa quantità di grani e pesano esattamente lo stesso? Per la prima risposta è possibile rispondere, poiché è sufficiente contare i grani; Tuttavia, il secondo riguarda il problema degli errori di misura, poiché secondo il bilancio utilizzato potremmo dire sì o no.

Quando lavoriamo con variabili continue ci preoccupiamo soprattutto dei limiti, che possiamo chiamare "minimo" e "massimo", e del margine di errore, che deve essere applicato anche per sapere se abbiamo raggiunto quei punti. Avendo stabilito questa struttura, è possibile trarre vantaggio da questo concetto per realizzare una miriade di posti di lavoro.

Nella programmazione di videogiochi, ad esempio, il concetto di variabile continua può apparire in vari casi, come l'accelerazione di caratteri o oggetti: è sempre necessario avere una gamma di valori possibili, come la velocità minima e massima, tra cui compaiono molti altri, la cui precisione è determinata in base alle risorse della macchina.

Maggiore è la precisione, che in questo caso potrebbe essere legata al numero di decimali, più fluida sarà la rappresentazione grafica sullo schermo, poiché le regolazioni fatte per localizzare gli oggetti non possono essere facilmente percepite dai giocatori.

Raccomandato
  • definizione: adware

    adware

    L'adware è un concetto che viene utilizzato nel campo dell'informatica . È un tipo di software che visualizza automaticamente annunci pubblicitari all'utente . In questo modo, il produttore del software guadagna da questi annunci pubblicitari. Il termine adware è composto da due parole inglesi: pubblicità (che può essere tradotta come "pubblicità" ) e software (il concetto che, anche nella nostra lingua, si riferisce a un programma per computer). La p
  • definizione: tassa

    tassa

    Onorario , onorario, è ciò che serve per onorare qualcuno. In generale è usato come aggettivo per indicare che una persona ha l'onore, anche se non la proprietà, di una posizione, di una dignità o di un lavoro. Ecco perché possiamo parlare di un dottorato onorario , che è un titolo onorifico che un'università conferisce ad una personalità eminente anche quando questa persona non ha una laurea. Ciò sig
  • definizione: acidi nucleici

    acidi nucleici

    L'acido è la sostanza che, in soluzione, aumenta la concentrazione di ioni idrogeno. Quando gli acidi si combinano con le basi, consentono lo sviluppo di sali . Tra i diversi tipi di acidi, compaiono gli acidi nucleici . Questi sono polimeri formati da alcuni monomeri che sono collegati attraverso legami fosfodiesteri .
  • definizione: l'outsourcing

    l'outsourcing

    L'outsourcing è un termine inglese ampiamente usato nella lingua spagnola, ma non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) . Il suo termine equivalente è il subappalto , il contratto che una società fa ad un altro in modo che svolga determinati compiti che, in origine, erano nelle mani del primo. L
  • definizione: preconscio

    preconscio

    La nozione di preconscio fu coniata dall'austriaco Sigmund Freud , l'inventore della psicoanalisi . Nel suo tentativo di scoprire un modello che spiega il funzionamento della psiche, Freud distingue tra tre sistemi: il conscio , l' inconscio e il preconscio . Il preconscio è un'area della psiche che, anche se non è cosciente , non è nemmeno parte dell'inconscio . C
  • definizione: peso

    peso

    Il termine peso deriva dal termine latino pensum e ha usi diversi. Può riferirsi, per esempio, alla forza con cui la Terra attrae un corpo e l' entità di quella forza. In un senso simile, un peso è un oggetto pesante che bilancia un carico o un equilibrio . Il peso è anche usato per classificare gli atleti per determinate attività (come il peso mosca nella boxe). Nel