Definizione trichinosi

La trichinosi è una malattia causata da un parassita chiamato trichina, le cui larve hanno la capacità di entrare nei muscoli di alcuni animali. Questo disturbo può causare intenso dolore, diarrea e vomito e anche causare insufficienza cardiaca .

trichinosi

Il maiale è uno degli animali che possono essere colpiti dalla trichina. Pertanto, se l'essere umano mangia carne di maiale che non è ben cotta o che è direttamente allo stato grezzo, può contrarre la trichinosi.

Quando la persona ingerisce carne di maiale infettata con trichina, il parassita passa nel proprio organismo. Nell'intestino tenue, le larve diventano esemplari adulti e si riproducono. Nel frattempo, la trichina avanza attraverso il corpo attraverso il sangue, diventando invischiata nei muscoli. È importante sapere che la trichinosi può causare la morte dell'individuo.

Esistono diversi metodi per prevenire la trichinosi. Da un lato, la carne che viene ingerita deve essere acquistata negli stabilimenti controllati e approvati dalle autorità, in quanto vi sono controlli periodici per confermare che la trichina non influisce sugli animali.

D'altra parte, la carne deve essere cotta fino a quando non rimane alcun settore grezzo. Se un soggetto compra carne di maiale e la consuma quando è ancora rossiccia o quando il sangue esce quando viene tagliata, c'è il rischio di contrarre la trichinosi.

Inutile dire che un'opzione conveniente per entrambe le parti è il vegetarianismo: gli animali cessano di essere schiavi del sistema, riprendono le loro vite naturali in libertà, e non dobbiamo più preoccuparci di questa e di molte altre malattie, causate dal cibo basato su sfruttamento Gli esseri umani non hanno artigli con cui uccidere un animale, né denti in grado di strappare carne viva, né siamo abbastanza veloci o forti da diventare cacciatori naturali; invece, siamo pronti a creare e mantenere un giardino.

Tieni presente che cinghiali, cavalli, orsi, ratti e volpi sono anche specie che possono ospitare il parassita che causa la trichinosi.

trichinosi Il virus della trichinosi impiega circa due giorni per iniziare a riprodursi all'interno dell'organismo e ogni femmina può generare fino a 1500 larve, che vengono espulse nel lume intestinale e penetrano nella mucosa, attraversano il flusso sanguigno e i capillari linfatico fino a raggiungere la muscolatura scheletrica e cantonare intracellulare per vivere lì per diversi anni.

Le fasi della trichinosi sono tre:

* di incubazione : è il periodo che intercorre tra il momento di ingestione del cibo infetto da trichinosi e la comparsa dei primi sintomi, e questo può durare in media 25 giorni. In generale, i sintomi iniziali includono febbre, mal di testa e stanchezza, sebbene alcune persone attraversino questa fase senza presentare alcun sintomo;

* di invasione : il 66% dei pazienti con trichinosi presenti durante questa fase un quadro caratterizzato dalla presenza di febbre di varia intensità, un edema palpebrale bilaterale e mal di testa. L'edema non causa dolore e può durare alcuni giorni o alcune settimane. Anche l'iniezione congiuntivale nel canto dell'occhio esterno è comune (comunemente denominata "occhi rossi" e può essere accompagnata da una grande dilatazione e dalla percezione di corpi estranei che causano prurito);

* stato : i sintomi dell'infezione, citati finora, peggiorano nel 90% dei casi. Circa il 50% dei pazienti presenta diarrea, dolore addominale e vomito, oltre a orticaria e altre manifestazioni cutanee di trichinosi. Possono anche apparire, anche se meno frequentemente, aritmia, insufficienza cardiaca e polmonite.

Raccomandato
  • definizione popolare: vicino

    vicino

    Una recinzione è una recinzione , un muro o un muro che viene installato attorno a un sito per la sua divisione o riparo. È possibile trovare recinti nel giardino di una casa, in un campo, in un parco, ecc. Ad esempio: "La nonna ha dipinto il recinto in rosso per abbinare la porta" , "Non hai letto quel cartello?
  • definizione popolare: lussureggiante

    lussureggiante

    L' aggettivo esuberante , dalla parola exubĕrans , permette di qualificare ciò che è eccessivo, profuso o sostanziale . Il termine può essere utilizzato in diversi contesti. Molte volte l'idea di esuberante è associata a una vegetazione abbondante e fertile . Una "giungla esuberante" , in questo quadro, è quella che presenta un gran numero e varietà di specie vegetali. La fo
  • definizione popolare: pandemia

    pandemia

    Il termine pandemia deriva da una parola greca che significa "incontro del popolo" e il cui significato è stato esteso come "malattia di tutto il popolo" . È una malattia epidemica che colpisce diversi paesi e che attacca quasi tutte le persone in una regione geografica. Le epidemie sono malattie che colpiscono contemporaneamente molte persone perché si diffondono durante un certo periodo di tempo in una determinata area. Q
  • definizione popolare: resti

    resti

    Il riposo è ciò che è rimasto o sussiste in un tutto . La nozione è anche usata in matematica , chimica e in vari giochi e sport , con diversi significati specifici. Ad esempio: "Alla fine del pranzo, il giovane raccolse i resti e li diede ai cani" , "I resti del cantante saranno rimpatriati nelle prossime ore" , "Un gruppo di paleontologi scoprì i resti di un grande dinosauro carnivoro in la vicinanza del torrente " . I r
  • definizione popolare: scoperta

    scoperta

    In latino è dove si trova l'origine etimologica del termine scoperta. In particolare, è il risultato dell'aggiunta di diverse radici latine come sarebbe il caso di quanto segue: il prefisso "des-", che può essere tradotto come "negazione"; il verbo "cooperare", che è sinonimo di "copertina"; e infine il suffisso "-miento", che equivale a "strumento". Un
  • definizione popolare: cactus

    cactus

    Il termine cactus deriva dalla lingua latina, anche se la sua radice etimologica si trova nel greco káktos . Il concetto si riferisce a una pianta che appartiene alla famiglia dei cactus . I cactus, detti anche cactus , fanno parte del gruppo di piante grasse o succulente : piante che hanno un organo o un settore modificato per immagazzinare più acqua di quante altre specie possano contenere.