Definizione governo repubblicano

Il governo è chiamato l'organo responsabile dell'amministrazione di uno stato, guidato dal presidente insieme ai ministri, ai segretari, ecc. Il governo è associato al potere esecutivo. Il repubblicano, da parte sua, è quello legato alla repubblica : l'organizzazione statale le cui autorità principali sono elette dagli abitanti o da una camera legislativa.

Governo repubblicano

Un governo repubblicano, quindi, è un modo per organizzare e amministrare lo stato sulla base dei principi della repubblica . L'uguaglianza davanti alla legge, l'applicazione imparziale della giustizia e la ricerca del bene comune sono alcuni di questi precetti.

In un governo repubblicano, il potere ricade sui cittadini, che lo esercitano attraverso i loro rappresentanti (i governanti che scelgono). Ciò significa che le persone delegano l'esercizio del potere, senza che i governanti siano i "proprietari" dello Stato. Le questioni statali, in questo modo, costituiscono una questione pubblica e non una questione privata delle autorità.

Coloro che fanno parte di un governo repubblicano devono agire in conformità con le disposizioni della Costituzione, rendendo conto delle loro azioni. Questi governatori occupano posizioni nello Stato per volontà popolare (diretta o indiretta), ma queste posizioni non sono le loro.

Il normale funzionamento di uno stato organizzato come governo repubblicano richiede che ci sia una divisione dei poteri : quindi è necessaria la coesistenza di un potere esecutivo, un potere legislativo e un potere giudiziario che eserciti controlli reciproci. È anche essenziale che le varie classi sociali siano rappresentate nelle agenzie governative e che tutti i cittadini possano avere una partecipazione politica attiva.

Raccomandato
  • definizione: incorrere

    incorrere

    Con una radice etimologica nella parola latina incurrĕre , incorrere è un verbo che si riferisce a commettere un errore o cadere in un fallimento . Il termine può anche alludere a causare un sentimento negativo . Ad esempio: "Non intendo ripetere lo stesso errore: ho già imparato la lezione" , "Un giudice non può incorrere in pregiudizi, ha l'obbligo di analizzare i fatti e le prove con obiettività prima di emettere una risoluzione" , "Questo il dottore non genera alcuna fiducia da quando ho sentito che di solito si impegna in pratiche dubbie ... &q
  • definizione: ascendenza

    ascendenza

    La parola araba classica kunyah derivava, in arabo ispanico, da alkúnya . L'evoluzione etimologica del concetto continuò nel nostro linguaggio e così sorse il concetto di lignaggio , che si riferisce al lignaggio, alla prosapia, al lignaggio o alla discendenza di una persona . La nozione è utilizzata soprattutto rispetto ai soggetti appartenenti alla nobiltà o alle famiglie più ricche e tradizionali di una regione . In q
  • definizione: sopportare

    sopportare

    Bear è un termine che deriva dal latino ursus e che permette di nominare un certo tipo di animale . Gli orsi appartengono alla famiglia degli Ursidae e sono mammiferi di origine vegetale (perché si muovono sostenendo l'intero pavimento dei loro piedi). Tipicamente, sono classificati come onnivori perché, oltre a nutrirsi di altri animali, tendono a mangiare piante e frutti. L
  • definizione: gufo

    gufo

    Un gufo è un animale che appartiene al clade delle strigidi . È un uccello di abitudini notturne e rapaci , che si caratterizza per avere piume che sembrano orecchie . Questa peculiarità consente di differenziare i gufi da gufi e altre specie simili. Questo animale vale la pena di conoscere una serie di segni di identità come il seguente: • Sebbene tu preferisca vivere in aree boschive, puoi adattarti a qualsiasi luogo. • Si
  • definizione: depressione

    depressione

    La parola depressione deriva dal termine latino depressio che, a sua volta, viene dal depressus ( "downcast" o "knocked down" ). È un disturbo emotivo che rende la persona triste e svogliata, vivendo un disagio interiore e ostacolando le loro interazioni con l'ambiente. Ad esempio: "Non so cosa fare con lo zio Augusto: la depressione non mi fa venir voglia di mangiare" , "ho sofferto di depressione per otto lunghi anni ma, grazie all'amore della mia famiglia, sono stato in grado di andarmene" , "non lascerò il la situazione mi supera: la depr
  • definizione: primogenito

    primogenito

    Il primo passo che faremo è determinare l'origine etimologica del termine primogenito. Quindi, possiamo chiarire che esso emana dal latino, poiché è il risultato della somma di tre componenti di questo linguaggio: la parola "primus", che può essere tradotta come "la prima"; il sostantivo "genere", che è equivalente a "lineage"; e infine il suffisso "-ito", che è quello che riceve l'azione pertinente. Il p