Definizione genuflexo

L' aggettivo genuflexo permette di qualificare coloro che sono in ginocchio . Il termine deriva dal latino genuflexus, a sua volta legato al genuflettere (che si traduce come "inginocchiato" ).

genuflexo

La genuflessione, quindi, è l'atto di abbassare il ginocchio a terra . Nei tempi antichi, questa azione era una venerazione verso qualcuno potente. Per molto tempo, ad esempio, i cristiani sono stati genufletti davanti al tabernacolo che ospita l'Eucaristia.

L'atto di abbassare il ginocchio davanti all'ostia consacrata è considerato un segno di adorazione verso Gesù Cristo . A sua volta riflette la sottomissione del credente alla divinità. Genuflessione appare anche prima del papa .

Precedentemente, c'era anche una genuflessione davanti a un monarca . Oggi, d'altra parte, è raro che un individuo si genufletti di fronte a un altro essere umano, oltre il quale si mantengono i saluti del protocollo come l'inchino.

Allo stato attuale, l'uso del concetto di genuflexo è legato al rispetto di tutti i mandati e alla volontà di qualcuno con potere . Il soggetto genuflessed, in questa cornice, è simbolicamente inginocchiato prima dell'altro.

Un giornalista che, poiché riceve denaro e favori da un sovrano, non lo critica mai e si limita a diffondere notizie positive sulla sua gestione, può essere descritto come genuflex. Gli spettatori, gli ascoltatori o i lettori non possono aspettarsi una visione obiettiva della realtà o un'informazione imparziale, dal momento che il giornalista in questione è subordinato al sovrano e non intende sconvolgerlo. Ciò significa che il giornalista privilegia il rispetto delle indicazioni dei potenti prima dell'adempimento del suo lavoro come comunicatore.

Raccomandato
  • definizione: anacoreta

    anacoreta

    Una parola greca arrivò al latino medievale come anachoreta , che in seguito divenne, nella nostra lingua , il termine anchorite . Questa parola può essere determinata che è il risultato della somma di diverse componenti chiaramente definite: -Il prefisso "ana-", che può essere tradotto come "su". -I
  • definizione: blog

    blog

    Un blog è un sito Web con un blog o un formato di agenda personale . I contenuti vengono solitamente aggiornati di frequente e visualizzati in ordine cronologico (dal più recente al più recente). I lettori, d'altra parte, hanno solitamente la possibilità di commentare ciò che è stato pubblicato. I bl
  • definizione: estradizione

    estradizione

    L'estradizione deriva da un termine latino composto che può essere tradotto come "azione della resa" . È il processo che spinge un'autorità statale a inviare un soggetto a un'altra nazione, consentendo alle autorità di questo secondo stato di sviluppare un processo giudiziario contro l'individuo in questione o consentire alla persona di pagare in questo territorio una sanzione già stabilita. Ciò
  • definizione: piano inclinato

    piano inclinato

    È noto come piatto per una superficie liscia, priva di rilievi e rilievi ; un oggetto che ha solo due dimensioni e che contiene infiniti punti e linee; una rappresentazione schematica e in scala di un territorio o di una costruzione; o la posizione da cui qualcuno analizza una cosa o situazione. Inclinato , d'altra parte, è una parola che deriva dal verbo inclinare (il che significa allontanare qualcosa dalla sua posizione perpendicolare all'orizzonte).
  • definizione: spirale

    spirale

    Il primo passo da compiere per scoprire il significato del termine spirale è determinare la sua origine etimologica. Nel fare ciò, ci imbattiamo nel fatto che proviene dal latino, in particolare da "spiralis", che può essere tradotto come "elicoidalmente". Questa è una parola composta dalle seguenti parti: "spira", che è sinonimo di "cavatappi" e il suffisso "-al". Una
  • definizione: formazione

    formazione

    Andiamo in latino perché è lì che troveremo l'origine etimologica della parola che ora analizzeremo in profondità. Possiamo chiaramente stabilire che è composto dal prefisso inde- che indica che qualcosa o qualcuno è "da lì"; la parola centrale trahere che è sinonimo di "trascina o tira"; e infine il suffisso -miento che equivale a "strumento, risultato o mezzi". La for