Definizione radio

Il termine radio ha una grande varietà di usi. Originariamente nel raggio latino, la parola è usata in geometria per riferirsi al segmento lineare che unisce il centro di un cerchio con la sua circonferenza.

radio

Il raggio, quindi, è metà del diametro . In questo caso, il termine è usato al singolare e si riferisce alla lunghezza di qualsiasi raggio di una circonferenza o di una sfera. Ad esempio, se un cerchio ha un raggio di 5 centimetri, significa che tutti i raggi di quella cifra condividono la stessa estensione (5 centimetri).

È noto come raggio, d'altra parte, al raggio di una ruota . Si tratta di ciascuna delle barre che uniscono, rigidamente, l'area centrale della ruota con il suo bordo, che è noto come regione perimetrale o, semplicemente, perimetro.

Nel campo dell'anatomia, il raggio è un osso che, insieme all'ulna, forma l'avambraccio. Il raggio è più corto dell'ulna e, inoltre, si trova sotto di esso.

La radio può anche provenire dal latino scientifico radio e fare riferimento all'elemento chimico radioattivo del numero atomico 88 . In questo caso, è un metallo raro nella crosta terrestre che viene utilizzato nell'industria nucleare.

La radio, infine, è il termine colloquiale che permette di riferirsi al ricevitore radio . Questo dispositivo viene utilizzato per raccogliere e trasformare le onde emesse da un trasmettitore radio nel suono .

Storia della radio

radio La radio è un mezzo di comunicazione che è riuscito a rimanere in vigore per decenni nonostante l'emergere di concorrenti più sofisticati, come la televisione e il contenuto digitale in generale. Curiosamente, il nome o la nazionalità dell'inventore non è noto con certezza: tra i potenziali creatori ci sono un russo, un italiano e uno spagnolo.

Per quanto riguarda il suo funzionamento, questo dispositivo rivoluzionario non potrebbe esistere se James Clerk Maxwell, un fisico originario della Scozia, non avesse formulato la teoria sulle onde elettromagnetiche, poiché questo evento è stato seguito dalla scoperta di onde radio, quindici anni dopo, dallo scienziato tedesco Heinrich Hertz.

Solo nell'anno 1894, Nikola Tesla, considerato da molti il ​​vero inventore della radio, fece una dimostrazione pubblica di una trasmissione radiofonica. Un anno dopo, Guillermo Marconi presentò un sistema radio senza precedenti, con il quale riuscì a attraversare l'Oceano Atlantico all'inizio del XX secolo; Vale la pena ricordare che per il suo lavoro ha usato i brevetti che appartenevano a Tesla, che ha messo in dubbio la sua paternità in più di un'occasione.

La radio come mezzo di comunicazione e intrattenimento di massa cominciò ad esistere nel 1920 negli Stati Uniti e in Argentina. Come nel caso della sua invenzione, ci sono opinioni diverse riguardo l'ordine in cui sono comparse le prime stazioni .

La prima generazione della radio era basata sulla tecnologia Modulated Amplitude (AM), mentre nel 1933 fu proposto un sistema basato sulla Frequency Modulation (FM), in grado di produrre una migliore qualità del suono e meno vulnerabile a i parassiti radioelettrici e le interferenze. La radio FM è stata rilasciata alla fine degli anni '30, sebbene ciò non significasse la fine di AM.

Infine, è interessante notare che al momento è possibile ascoltare la radio attraverso Internet ; ciò comporta due cambiamenti fondamentali rispetto all'uso di un dispositivo tradizionale: è possibile utilizzare praticamente qualsiasi dispositivo in grado di connettersi alla rete, purché abbia (o consente la connessione di) altoparlanti; Non è necessario prendere fisicamente il segnale, così tutte le stazioni del mondo possono essere sintonizzate da qualsiasi parte del mondo.

Raccomandato
  • definizione popolare: ricettivo

    ricettivo

    Ricettivo è un aggettivo legato all'idea di ricevere (prendere qualcosa, assumerlo). Con origine nella parola latina receptum , quella o quella ricettiva è in grado di ricevere qualcosa . Ad esempio: "Sono un uomo molto ricettivo, sono sempre aperto ad ascoltare idee e suggerimenti" , "Il presidente ha sorpreso di essere ricettivo nei confronti dei politici dell'opposizione" , "Consiglio di non parlare con il capo: non è affatto ricettivo" . L
  • definizione popolare: clip

    clip

    Pinza è un termine che deriva dalla lingua francese ( pince ) ed è usato per nominare lo strumento che, grazie al suo design, permette di tenere o tenere una cosa tra le sue estremità . Il funzionamento del morsetto obbedisce alla logica delle leve semplici : quando si esercita la forza sulle impugnature dello strumento, le sue punte si chiudono, riuscendo a catturare qualcosa e, di questa forma, a spostarlo, a ruotarlo, ecc. L
  • definizione popolare: corte

    corte

    Il taglio è l' azione e l'effetto del taglio . Questo verbo si riferisce alla divisione di qualcosa con uno strumento da taglio o dando una certa forma con forbici o strumenti. Ad esempio: "Procederò a tagliare la pizza: per favore prepara i tuoi piatti" , "Il taglio dell'albero non era molto preciso e ha finito per danneggiare rami che erano sani" , "Ti piace il mio nuovo taglio di capelli?&
  • definizione popolare: limite di una funzione

    limite di una funzione

    La parola che ci occupa in primo luogo, limite, possiamo dire che è una parola che viene, dal punto di vista etimologico, dal latino. In particolare, emana dal sostantivo "limes", che può essere tradotto come "bordo o bordo". La nozione di limite ha molteplici significati. Può essere una linea che separa due territori, da una fine a cui arriva un certo tempo o da una restrizione o limitazione. P
  • definizione popolare: selfie

    selfie

    Selfie è un termine inglese che viene usato come sinonimo di autoritratto o autoritratto . È una pratica che ha più di un secolo, ma che ha guadagnato una grande popolarità nel XXI secolo grazie alle nuove tecnologie e ai social network. Un selfie consiste nel fare una foto di se stessi . La persona, in questo modo, allunga il braccio e spara verso il suo viso o il suo corpo. Un
  • definizione popolare: oppressione

    oppressione

    Oppressione è un termine che deriva dalla parola latina oppressĭo . Riguarda le azioni e le conseguenze dell'oppressione . Questo verbo, d'altra parte, si riferisce alla pressione o alla sottomissione di un essere umano o di una comunità . Ad esempio: "Dobbiamo venire insieme per combattere l'oppressione e recuperare la libertà" , "Sono stato vittima dell'oppressione dei miei genitori per vent'anni" , "Il nostro paese non tollererà che un'altra nazione intenda sottoporlo all'oppressione" . L&#