Definizione continuo

Dal continŭo latino, continuo è un aggettivo che permette di nominare aa che si estende, si fa o dura senza interruzione . Ad esempio: "Questo pomeriggio: cinema continuo nella sala principale del club", "È stata una punizione continua per tre lunghi anni", "L'imputato, sottoposto a continue pressioni da parte dei giudici, ha finito per confessare il crimine", " Quando sei soggetto a rumore continuo, difficilmente riesci a concentrarti . "

continuo

Quando il concetto è applicato a due o più cose, l'aggettivo fa riferimento al fatto che hanno un'unione tra loro : "Ho bisogno di un rotolo di carta continua per stampare tutti i bilanci", "L'idea è di ottenere un film plastico continuo per coprire i lavori", "Questa macchina è in grado di lavorare con rotoli continui" .

Oltre a tutto ciò dovremmo evidenziare l'esistenza di una serie di espressioni che vanno nella stessa linea. Così, ad esempio, è comune usare quella che è nota come corrente continua. Questo può dettare che è la corrente elettrica che ha come principale segno di identità che scorre sempre nella stessa direzione.

Per quanto riguarda una persona, il termine indica chi è perseverante e costante in un'azione o in un progetto : "Pablo sta passando un brutto momento, ma sono certo che ci riuscirà: è un uomo continuo e combattivo", "Devi essere continuo e continuare a sforzarsi: presto vedrai i frutti ", " La capacità di essere continuo nelle mie imprese mi ha permesso di progredire " .

Per la matematica, una funzione continua è quella il cui valore viene modificato gradualmente in base al valore della variabile indipendente.

Nel campo della matematica, c'è anche quella che viene chiamata frazione continua. Possiamo dire che è la somma di un numero e di una frazione. Ma non si tratta di nessuna frazione, no. È una frazione che ha un denominatore che è il risultato, a sua volta, di aver aggiunto un numero e un'altra frazione.

Tutto ciò senza dimenticare l'esistenza di ciò che è noto come proporzione continua. In questa stessa area usiamo quella che diventa una proporzione composta da quelli che sarebbero i tre termini consecutivi che formano una progressione.

Nel campo della fisica, si considera che una funzione, una variabile o un sistema è continuo quando, tra due punti, vi è un numero infinito di punti e, inoltre, viene soddisfatta la proprietà della completezza.

Ma c'è un altro termine importante nel campo della fisica che usa la parola che ora ci occupa. Ci riferiamo al movimento continuo. Possiamo stabilire che è quello che si intende realizzare, senza produrre alcun tipo di spesa energetica, e per un tempo che non è specificato affatto.

Nel campo della musica, viene usata anche questa parola che stiamo analizzando. Nel suo caso, si usa ciò che è noto come continuo, una tecnica usata nel periodo barocco per procedere alla composizione.

La topologia, infine, sostiene che un continuum è un'area topologica connessa e compatta.

Raccomandato
  • definizione: hacendoso

    hacendoso

    L' aggettivo industrioso viene utilizzato per qualificare l'individuo che sviluppa compiti domestici con diligenza e buona predisposizione . Può anche essere qualcuno disposto a fare favori o fornire un servizio tempestivamente ed efficacemente . Ad esempio: "Ho sposato un uomo molto industrioso, quindi condividiamo sempre gli obblighi a casa " , "Secondo gli psicologi, le persone laboriose si sentono piene " , "Ho bisogno di assumere un dipendente responsabile e industrioso per aiutarmi a la compagnia .
  • definizione: epilessia

    epilessia

    Dal termine latino epilessia , che a sua volta deriva da un concetto greco, l' epilessia è una malattia da malattia cronica che si caratterizza per apparire improvvisamente e generare movimenti convulsi , portando la persona a perdere conoscenza . Ad esempio: "Mio nipote soffre di epilessia ed è sotto trattamento" , "L'autista si è scontrato quando ha sofferto di una crisi epilettica nella sua auto" , "Quando una persona sperimenta un attacco di epilessia, devi cercare di evitare di ferire la testa ". L
  • definizione: afferente

    afferente

    L' aggettivo afferente ha la sua origine etimologica nella parola latina affrens . Nel senso più ampio, questo qualificatore si applica a ciò che si muove o porta qualcosa . La nozione viene solitamente utilizzata nel campo della biologia e dell'anatomia . Un afferente è una formazione la cui funzione è quella di trasmettere sostanze o energia da un settore del corpo a un altro più rilevante in questo contesto. Per
  • definizione: presagio

    presagio

    L'etimologia di Augusto ci porta alla lingua latina: augurium . Un augury è un segno o un sintomo di qualcosa di futuro. Il concetto è anche usato per nominare una previsione , una previsione o una previsione . Ad esempio: "La presenza di questi uccelli è di buon auspicio: suppongo che dovremmo essere vicini alla costa" , "L'augurio di un mese complicato per l'economia locale non è stato soddisfatto poiché non ci sono stati disordini importanti" , "L'arrivo di due nuove compagnie nella regione sono di buon auspicio " . Gli
  • definizione: domanda trabocchetto

    domanda trabocchetto

    La domanda che viene svolta con l'obiettivo di ricevere determinate informazioni è nota come una domanda . Quando chiede, la persona cerca di ottenere una risposta che gli permetta di soddisfare il suo dubbio. Capcioso , dal latino captiusus , è un aggettivo che si riferisce a qualcosa che è fallace o che cerca di confondere o ingannare. U
  • definizione: Pasqua

    Pasqua

    Il concetto di Pasqua ha un lungo viaggio etimologico: dall'ebraico è passato alla lingua greca, e da lì al latino fino a diventare Pasqua . È la denominazione di una festa che ha avuto origine ebraica e che, al momento, è la celebrazione più importante del cattolicesimo . Durante la Pasqua, che segna la fine della Settimana Santa , si celebra la risurrezione di Gesù Cristo . La d