Definizione plasticità

Secondo il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE), la plasticità è una caratteristica di qualità dei materiali plastici . Vi sono, tuttavia, vari usi del concetto.

plasticità

Si può dire che la plasticità è una proprietà meccanica di alcune sostanze, in grado di subire una deformazione irreversibile e permanente quando sottoposta a una tensione che supera il suo raggio o limite elastico . Quando si tratta di metalli, è possibile spiegare la plasticità in base ai movimenti delle dislocazioni impossibili da invertire. Dobbiamo differenziare, in questo senso, la plasticità e ciò che è noto come comportamento elastico, che può essere invertito a livello termodinamico.

La nozione di plasticità cellulare, d'altra parte, è una proprietà che caratterizza le cellule staminali e che consente loro di differenziarsi. È stato dimostrato che una cellula non solo può essere differenziata da un'altra, ma ha anche la possibilità di ritornare al suo stato precedente.

Gli ioni che sono comuni all'ambiente e la posizione nel sistema omeostatico sono responsabili della regolazione delle facoltà elettrolitiche delle cellule. Quando si registra una differenza di potenziale tra l'interno della cellula e il mezzo, si verifica una precipitazione molecolare che consente di ottenere la compensazione accoppiando le molecole ionizzate alla membrana plasmatica.

In biologia, c'è il concetto di plasticità fenotipica che si riferisce alle proprietà dei genotipi che consentono loro di creare altri fenotipi per far fronte a una determinata condizione ambientale. Questo concetto è intimamente legato al concetto di evoluzione.

Esistono due tipi di plasticità fenotipica: plasticità dello sviluppo e flessibilità fenotipica . Il primo è quello che si riferisce ai cambiamenti che avvengono in una specie per non perire, è assolutamente legato all'evoluzione ; mentre il secondo è ciò che si verifica nello stesso individuo e che è reversibile.

Plasticità neurale

La plasticità neurale, che è anche conosciuta come plasticità sinaptica , plasticità neurale o neuroplasticità, è la proprietà naturale e funzionale dei neuroni nello stabilire la comunicazione.

Se cerchiamo la definizione fatta dall'Organizzazione Mondiale della Sanità possiamo dire che la plasticità neuronale è descritta come la capacità delle cellule che compongono il sistema nervoso di ricostituirsi anatomicamente e funzionalmente, dopo determinate patologie, malattie o persino traumi .

È una capacità adattativa dell'intero sistema nervoso per risolvere o contrastare gli effetti che una lesione può causare nelle cellule. Questa qualità suppone la modulazione della percezione degli stimoli in entrata e in uscita rispetto al loro ambiente in modo tale che alcuni neuroni possano fornire i difetti e prendere il posto di altri neuroni che non funzionano correttamente. A sua volta, la plasticità neuronale consente la crescita di nuove sinapsi prendendo come punto di partenza un neurone che è danneggiato.

È necessario ricordare che questa capacità del cervello è più efficiente quando la persona affetta ha qualche anno di età rispetto a quando è in età adulta. D'altra parte, il processo di ricostruzione neuronale si sviluppa gradualmente, ei suoi risultati si possono notare nei piccoli miglioramenti che il paziente mostra nella sua mobilità e nel recupero di movimenti o funzioni persi.
Il cervello è costituito da miliardi di neuroni, che sono collegati l'un l'altro da sinapsi. Sebbene i neuroni non possano riprodursi da soli, esiste una cosa chiamata rigenerazione dendritica, che si verifica quando le lesioni appaiono nel cervello.

Le lesioni al cervello possono cambiare radicalmente la vita di un individuo producendo conseguenze drastiche, come deficit motori, sensoriali o cognitivi. Per questo motivo, lo studio della plasticità neuronale è così importante da consentire la ricostruzione delle cellule in modo che l'organismo riprenda i compiti che ha svolto senza alcun problema prima dell'incidente.

Raccomandato
  • definizione popolare: fascio

    fascio

    Il concetto di raggio deriva dal latino biga , un termine che era usato per riferirsi al trasporto di un paio di cavalli. La trave, con 'v', consente di identificare il pezzo curvo (che può essere sia in ferro che in legno), presente nelle vecchie vetture con lo scopo di permettere il collegamento tra fronte e retro.
  • definizione popolare: decoder

    decoder

    Il concetto di decodificatore , che può anche essere definito un decodificatore , allude a ciò che decodifica (o decodifica). D'altra parte, il verbo decodificare fa riferimento all'applicazione inversa delle regole di un codice a un messaggio che è codificato per ottenere la sua forma originale. L
  • definizione popolare: distorsione

    distorsione

    La distorsione della parola del tardo latino è venuta nella nostra lingua come distorsione . Il concetto ha diversi significati: il primo menzionato nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) si riferisce a una svolta . Una distorsione, in questo senso, può riferirsi a una distorsione , una lussazione o un altro tipo di lesione fisica legata a un tratto improvviso, violento o forzato.
  • definizione popolare: rifiutare

    rifiutare

    Rifiutare è un verbo che deriva dalla parola latina refusare . Il termine si riferisce al rifiuto di accettare, accettare o ammettere qualcosa . Per esempio: "Mi rifiuterò di testimoniare fino all'arrivo del mio avvocato" , "Bruno ha fatto una proposta a Gustavo che era impossibile rifiutare" , "Il governo sta cercando scuse per poter rifiutare le nuove affiliazioni" .
  • definizione popolare: argilla

    argilla

    Prima di procedere alla conoscenza del significato del termine argilla, dobbiamo intraprendere l'istituzione della sua origine etimologica. In questo caso, dobbiamo determinare che deriva dal latino, esattamente, della parola "argilla", che può essere tradotto come "argilla da vasaio".
  • definizione popolare: centromero

    centromero

    Il centromero è l' area più stretta dei cromosomi , la cui posizione è caratteristica in ciascuna delle coppie. Va ricordato che un cromosoma è una struttura cellulare che ospita l'acido desossiribonucleico ( DNA ). I cromosomi hanno due braccia , distanziati dal centromero; uno di loro è chiamato q ed è lungo, mentre quello corto è chiamato p . Secon