Definizione indirizzo

La direzione è l' azione e l'effetto della regia (prendere qualcosa verso un termine o un luogo, guidare, dirigere le operazioni verso un fine, governare, dare regole, consigliare o guidare). Il concetto ha la sua origine nella parola latina directio .

indirizzo

Il percorso o corso che un corpo segue nel suo movimento e la linea su cui si muove un punto è conosciuta come direzione. Ad esempio: "L'individuo lasciò la casa e camminò in quella direzione prima di perdersi tra i pedoni", "Se vuoi raggiungere la spiaggia, dovrai camminare nella direzione opposta", "Se avessi continuato in quella direzione, avrei precipitato al vuoto " .

Un altro uso della nozione di direzione si riferisce all'insegnamento e ai consigli con cui è diretto a una persona: "Ha un grande talento naturale, ma ha bisogno della guida di un uomo esperto", "Non essere in dubbio: con il mio indirizzo, tu la presentazione sarà un successo . "

La gestione è anche l'attività che consiste nel guidare le azioni di un'azienda, un'organizzazione o una persona verso uno scopo specifico. Il regista deve fissare obiettivi, prendere decisioni e guidare i suoi subordinati: "L'azienda offre prodotti di alta qualità, ma mostra importanti fallimenti nella sua direzione", "La gestione dell'azienda era nelle mani del Dr. Ramón Filkenstein", "Da che il portoghese ha assunto la direzione tecnica della squadra, le vittorie sono molto più frequenti " .

L' indirizzo di una persona, l' ubicazione di un edificio e l' ubicazione di un sito web sono altri significati di indirizzo: "Vorrei salutare tuo fratello, qual è il tuo indirizzo?", "Non ho l'indirizzo del ufficio ", " L'indirizzo del sito NBA è www.nba.com " .

Direzione d'orchestra

indirizzo È noto come orchestra che conduce l'uso di determinate tecniche per guidare un gruppo di musicisti nell'esecuzione di un'opera, con l'obiettivo che il risultato sia fedele alle intenzioni del compositore, come espresso nello spartito .

Questa disciplina iniziò con la direzione dei cantanti durante il Medioevo e divenne più complessa con l'apparizione degli strumenti creati dall'essere umano, la cui combinazione con le voci portò una serie di sfide importanti, data la maggiore varietà polifonica e poliritmica. Fu allora che venne fuori l'idea di usare un bastone per indicare costantemente il ritmo ai musicisti, e questo poteva essere fatto in silenzio o con piccoli colpi.

Tuttavia, poiché il bastone era molto più grande dello strumento usato oggi, che è chiamato un bastone, il suo uso ha causato diversi incidenti di varia gravità, e poco a poco il suo design è stato modificato per adattarsi alle esigenze degli amministratori.

Vale la pena ricordare che durante il XVII e il XVIII secolo, era molto comune per i compositori dirigere le rappresentazioni delle loro opere. Ma questo non era sempre possibile; in quei casi, la cosa più comune era chiedere a uno dei musicisti di svolgere il ruolo di regista (in genere, optavano per il primo violino o per il responsabile del continuo).

Fondamentalmente, la direzione d'orchestra si basa su tre tipi di tecniche:

* gesti : diversi modelli di movimento del testimone per disegnare il ritmo nell'aria e dare varie indicazioni;

* psicologico : si nascondono nella connessione che il regista instaura con i musicisti e il pubblico e cercano di aggiungere all'interpretazione le sfumature emotive delle opere;

* saggio : tutti gli strumenti utilizzati dal regista durante le sessioni pratiche per portare i musicisti interessati al lavoro e superare tutte le sfide tecniche che incontrano lungo il percorso.

Raccomandato
  • definizione popolare: pensiero

    pensiero

    Secondo la definizione teorica, il pensiero è ciò che è portato alla realtà attraverso l'attività intellettuale . Pertanto, si può dire che i pensieri sono prodotti elaborati dalla mente , che possono apparire dai processi razionali dell'intelletto o dalle astrazioni dell'immaginazione . Il p
  • definizione popolare: qualità

    qualità

    Le qualità sono le caratteristiche che contraddistinguono e definiscono le persone , gli esseri viventi in generale e le cose. Il termine deriva dalla qualità latina e consente di riferirsi al modo di essere di qualcuno o qualcosa. Una qualità può essere una caratteristica naturale e innata o qualcosa acquisito con il passare del tempo . Qu
  • definizione popolare: logo

    logo

    Un logo è un simbolo che consente l' identificazione di un marchio, un'azienda, un'organizzazione o un prodotto . Conosciuto come logo nel linguaggio colloquiale, è una rappresentazione grafica . Ad esempio: "L'azienda farmaceutica ha presentato il suo nuovo logo in occasione di un evento tenutosi presso l'Hotel Presidente" , "Il comune ha lanciato un concorso per la creazione di un logo" , "Il produttore ha deciso di recuperare il suo vecchio logo per l'uso nel nuovissimo modello di maglia della squadra nazionale di calcio " .
  • definizione popolare: premio

    premio

    Il premio è un concetto che viene utilizzato nel campo del diritto per nominare una risoluzione emessa da un arbitro o un compoundatore amichevole che consente di risolvere una controversia tra due o più parti. La decisione dell'arbitro può essere paragonata alla sentenza dettata da un giudice , sebbene la giurisdizione del giudice sia stabilita dalla legge e la giurisdizione dell'arbitro sia nell'autonomia della volontà. Ci
  • definizione popolare: rielezione

    rielezione

    La rielezione è l' azione e il risultato della rielezione . Questo verbo si riferisce alla scelta di qualcosa di nuovo . L'uso del termine, comunque, è associato all'ambito della politica . La rielezione, in questo senso, consiste nel tornare a votare a un funzionario affinché continui a occupare la stessa posizione. I
  • definizione popolare: suffisso

    suffisso

    La parola latina suffixus deriva in suffisso , un concetto che viene usato in grammatica per denominare l' affisso che viene aggiunto alla fine di una parola . Un affisso, d'altra parte, è una sequenza linguistica che altera il significato di un termine. Suffissi, quindi, sono affissi che vengono posticipati, a differenza dei prefissi (che vengono posti prima della parola).