Definizione tasso di cambio

Quando si parla del tasso di cambio (un'espressione che è anche menzionata come il tasso di cambio ), si fa generalmente riferimento all'associazione di cambio che può essere stabilita tra due valute di nazioni diverse. Questi dati ti permettono di sapere quanta parte di una moneta X può essere ottenuta offrendo una valuta Y. In altre parole, il tasso di cambio indica quanti soldi posso comprare con le valute estere di un altro paese.

Tasso di cambio

In questo modo, ad esempio, possiamo sapere quanto costa un euro in dollari e viceversa. Pertanto, sappiamo che un euro, la valuta attualmente legale nella maggior parte dei paesi dell'Unione europea, equivale a circa 1, 226 dollari statunitensi. Un'operazione che diventa fondamentale affinché le diverse nazioni possano effettuare transazioni economiche tra le loro aziende.

Le operazioni di cambio (cioè l'acquisto e la vendita di più valute) possono essere effettuate in banche e uffici di cambio, che di solito citano due tipi di scambio: uno destinato agli acquisti e, il resto, per le vendite. Per esempio: se voglio comprare dollari, il prezzo che devo pagare alla casa di cambio è di 3, 47 pesos per ogni dollaro. D'altra parte, se voglio vendere la stessa valuta, otterrò 3, 44 pesos per ogni dollaro che consegnerò.

Si possono menzionare due tipi di scambio: uno noto come scambio reale e l'altro chiamato tasso di cambio nominale .

Il vero cambiamento è quello che determina l'equivalenza con cui un soggetto può effettuare uno scambio di benefici o beni di una nazione per quelli di un'altra.

La modifica nominale, d'altra parte, si basa sull'equivalenza tra una certa valuta e una valuta estera. È il tasso di cambio che è contemplato nelle banche e nelle case di cambio.

Allo stesso modo, non possiamo trascurare che esiste un'altra classificazione o terminologia che viene per determinare i tassi di cambio nel mercato. Quindi, si parla anche di ciò che è noto come il tasso di cambio dell'acquirente, che è il prezzo pagato dalla suddetta casa di cambio o dalla banca pertinente. E c'è anche il tasso di cambio del venditore che si riferisce al prezzo al quale vende.

La Banca Centrale di ogni nazione può scegliere tra più sistemi di tassi di cambio. Il tasso di cambio fisso è stabilito dalla Banca Centrale (l'istituzione decide il prezzo della valuta). D'altro canto, il cosiddetto tasso di cambio fluttuante o flessibile consente di stabilire i valori dal sistema in base alla domanda e all'offerta.

In questi momenti, è necessario stabilire che la base delle operazioni di cambio ha come colonna o spina dorsale del dollaro. Tuttavia, nel corso della storia questo non è sempre stato così, perché in un primo momento la valuta che è stata presa come pilastro fondamentale è stata la sterlina, è stata lei a determinare il cambiamento.

Tuttavia, questo fatto è stato completamente modificato a causa della Seconda Guerra Mondiale. Ed è che durante questa guerra l'Inghilterra ne fu devastata e ciò portò con sé il fatto che la loro valuta citata avesse perso valore, quindi fu sostituita in questa area economica e scambiata per il dollaro sopra menzionato.

Raccomandato
  • definizione: estroverso

    estroverso

    Extrovert è un aggettivo che permette di riferirsi alla persona che viene data all'extraversion (il movimento della mente che esce da se stesso attraverso i sensi). Un estroverso ha la tendenza a socializzare facilmente ed eccellere nelle riunioni, per cercare di essere al centro dell'attenzione.
  • definizione: occhio

    occhio

    La parola latina ocŭlus deriva negli occhi , il concetto che nomina l' organo che consente la visione negli animali e nell'essere umano . Il termine, comunque, ha altri significati. Come un organo, l'occhio può rilevare la luminosità e convertire le sue variazioni in un impulso nervoso interpretato dal cervello. A
  • definizione: preistoria

    preistoria

    La preistoria è il periodo della vita umana prima dei documenti scritti . Questo periodo è noto per vestigia come strumenti, costruzioni, pitture rupestri o ossa. Il termine è anche usato per nominare lo studio di quel periodo e il lavoro che si occupa del tempo. La preistoria , quindi, va dall'apparizione del primo essere umano all'invenzione della scrittura (attorno al 3000 aC). I
  • definizione: formazione

    formazione

    In latino è dove possiamo chiarire che si trova l'origine etimologica del termine addestramento. In particolare, questo è il risultato della somma di tre componenti latini come l' annuncio prefisso - che può essere tradotto come "verso", la parola destrezza che è sinonimo di "destra" e infine il suffisso uguale a "risultato di un'azione" ". La
  • definizione: fieno

    fieno

    Il termine fieno deriva dalla parola latina fenum . Il concetto si riferisce a una pianta che fa parte del gruppo di erbe , caratterizzato da sottili canne e foglie strette. Quando è incluso nel gruppo di erbe, il fieno è anche una pianta di angiosperma monocotiledone . Ciò significa che i loro carpelli formano un'ovaia che contiene gli ovuli e che il loro embrione ha un singolo cotiledone (prima foglia). I
  • definizione: beffa

    beffa

    Il termine inglese hoax non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), sebbene il suo utilizzo sia frequente nella nostra lingua. La Fondazione dello Spagnolo Urgente - Fundéu BBVA suggerisce comunque di sostituirlo con bufala , inganno o infedeltà . Una bufala, in breve, è una notizia falsa che viene diffusa per qualche scopo. È