Definizione tortura

Dalla tortura latina, la tortura è il tormento inflitto a qualcuno attraverso vari metodi e strumenti . Il suo scopo è di solito ottenere una confessione o di agire come punizione per i torturati, sebbene possa anche essere eseguito come un piacere sadico da parte del torturatore.

tortura

La tortura consiste nel provocare intenzionalmente un grave dolore fisico o psicologico a qualcuno . Con questo dolore, cerchiamo di rompere la resistenza e la morale del torturato, privandolo della sua integrità.

Spezzare ossa, mutilazioni, tagli, ustioni, scosse elettriche e annegamento sono alcune delle torture fisiche più comuni. Per quanto riguarda la tortura psicologica, può includere umiliazione verbale, manipolazione o falsificazione di informazioni sui propri cari, privazione sensoriale e qualsiasi altro meccanismo che cerchi di distruggere la resistenza morale.

La nozione di tortura stava cambiando nel corso della storia dell'umanità; in questo modo, le punizioni che oggi sono considerate tortuose, sono state precedentemente accettate o tollerate. Solo nel 1984 è stato istituito un trattato internazionale chiamato Convenzione contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti, che perseguono la tortura come crimine .

Alcuni governi, tuttavia, trovano il modo di eludere i regolamenti internazionali che proibiscono la tortura. Una procedura comune è quella di considerare un sospetto o un criminale comune come un soggetto altamente pericoloso che richiede alle forze armate di arrestare e custodire. L'esercito procede per interrogarlo secondo i suoi metodi e, se la tortura si svolge lì, è escluso dall'azione criminale poiché la giustizia ordinaria non ha giurisdizione sulle azioni militari.

Vediamo alcune delle torture più atroci nella storia:

tortura La tortura dell'acqua

Consisteva nel legare una persona con un filo spinato e coprirsi la bocca con un panno per prevenire il vomito, quindi introdurre acqua attraverso le sue narici, provocando lo stomaco espandersi e l'infortunio dell'addome con le spine del filo. Inevitabilmente, le vittime si sono mosse bruscamente, prima della terribile sensazione di essere sul punto di scoppiare, e questo ha causato loro ulteriori danni esterni in diverse parti del corpo. Letteralmente, la morte venne a loro quando il loro stomaco esplose.

La goccia cinese

La vittima era immobilizzata sdraiata sulla schiena, sotto un dispositivo che lasciava cadere gocce di acqua fredda sulla fronte a intervalli di 5 secondi. Dopo diverse ore, il gocciolamento costante ha causato danni alla pelle. Tuttavia, l'essenza della tortura risiedeva nella disperazione provata dai torturati prima dell'incapacità di dormire, dato il rumore infinito dell'acqua che colpiva il suo cranio, o bevendo, specialmente dopo alcuni giorni. Infine, la causa della morte fu un arresto cardiaco.

Il toro di Falaris

Per eseguire questa tortura, usata dall'Inquisizione in varie stanze di tortura tra il sedicesimo e il diciottesimo secolo, costruirono un'effigie di toro a un tiranno di nome Falaris e bloccarono il gruppo di vittime al suo interno. Successivamente, li hanno bruciati vivi. Si dice che le sue urla, che potevano essere udite attraverso la bocca della figura, sembrassero essere emesse dall'animale stesso, come se stesse muggendo.

La crocifissione

Indubbiamente, dato il peso del cristianesimo nel mondo, è la prima forma di tortura che molti di noi imparano, probabilmente senza capire quanto fosse terribile in realtà. La crocifissione consisteva nel legare o inchiodare una persona a una croce di legno, oa due tronchi o un muro, e lasciarla lì finché non smetteva di respirare. Fu utilizzato in particolare dagli antichi romani fino al 337 d.C., anche se attualmente è ancora valido in alcuni luoghi.

Raccomandato
  • definizione: grande

    grande

    Grande è un termine che deriva dalla parola latina grandis . È un aggettivo che, nel primo significato menzionato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario, si riferisce a ciò che eccede in grandezza, rilevanza, ecc. a ciò che è normale o comune . Supponiamo che, in una certa città , un edificio medio abbia cinque piani o piani. Se u
  • definizione: insicurezza

    insicurezza

    Il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) definisce l' insicurezza come mancanza di sicurezza . Questo concetto, derivato dal latino securĭtas , si riferisce a ciò che è privo di pericolo, danno o rischio, o che è vero, fermo e indubitabile. Più esattamente possiamo determinare che questa parola, a partire dalla sua origine etimologica latina, è costituita dall'unione di più parti: il prefisso - in cui è equivalente alla negazione, la parola che può essere tradotta come "separata", il curus che è sinonimo di "Cura" e infine il suffisso - papà che equivale a &qu
  • definizione: cassero

    cassero

    Il termine latino castra , che può essere tradotto come "campo" , venne in arabo classico e poi in arabo ispanico prima di apparire nella nostra lingua come fortezza . Secondo il dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), una fortezza è una struttura fortificata o la dimora di un principe .
  • definizione: psicologia clinica

    psicologia clinica

    Per capire il significato della psicologia clinica è importante stabilire innanzitutto l'origine etimologica delle due parole che danno forma al termine. Così, la prima parola, psicologia, emana dal greco dove possiamo vedere che è costituita dall'unione di due parti chiaramente delimitate: la psiche , che è sinonimo di "anima", e lodge , che può essere tradotto come "studio di". D&#
  • definizione: torpido

    torpido

    Aletargado è quello o quello che sperimenta un letargo . Questo concetto (letargia), nel frattempo, si riferisce al riposo , alla mancanza di attività , intorpidimento , sonnolenza o intorpidimento . Ad esempio: "La squadra tedesca sembrava letargica, lenta e senza esplosione" , "Il nuovo film del famoso cineasta annoiato a causa del suo ritmo letargico" , "L'attività economica è stata letargica: il governo è preoccupato per il possibile aumento dei licenziamenti" . La
  • definizione: chili

    chili

    Molte volte le confusioni sorgono quando si intende nominare i frutti delle piante che appartengono al genere Capsicum . Secondo la regione, possiamo trovare riferimenti a chili , pepe , peperoncino o morrón : in tutti i casi, l'idea si riferisce allo stesso frutto. Nel caso specifico del termine chili , viene dalla lingua taíno , parlata dai coloni precolombiani nel continente americano.