Definizione forza

Il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) riserva sedici definizioni per la parola forza, un termine derivato dal latino fortia . Secondo la RAE, la forza descrive forza, robustezza, potenza e la capacità di rimuovere o spostare qualcosa o qualcuno che ha il peso o che esercita resistenza (ad esempio, ci vuole forza per tenere una roccia); la concreta canalizzazione del potere fisico o morale ( "Ha molta forza, può riprendersi da questa disgrazia" ); la capacità di resistere a una spinta o sopportare un peso (come la forza di alcune colonne); le caratteristiche intrinseche che gli oggetti hanno per se stessi; e l' atto di costringere qualcuno a fare qualcosa, per esempio.

forza

La forza è anche lo stato più vigoroso di qualcosa (come quando si evidenzia la forza della giovinezza), una piazza attrezzata per compiti di difesa, una cintura cucita allo scopo di fabbricare un tessuto e il popolo di guerra più resistente ( le forze militari).

Per la fisica, la forza è qualsiasi azione, sforzo o influenza che possa alterare lo stato di movimento o il riposo di qualsiasi corpo . Ciò significa che una forza può accelerare un oggetto, modificando la sua velocità, la sua direzione o la direzione del suo movimento.

Il primo fisico a descrivere il concetto di forza era Archimede, sebbene lo abbia fatto solo in termini statici. Galileo Galilei gli diede la definizione dinamica, mentre Isaac Newton era colui che poteva formulare in forma matematica la definizione moderna di forza.

Secondo la definizione che la fisica fa di questo concetto, la forza è il risultato della massa di qualcosa con la sua accelerazione (F = massa x accelerazione) e che a seconda della prospettiva e dei risultati sono divisi in tre tipi di forze:

* Elettrico (è fatto con una fonte di energia che si muove ad una certa velocità all'interno di un campo magnetico, trasformando l'energia in elettricità);
* Meccanica (prodotta da un oggetto meccanico con una certa intensità e che provoca cambiamenti nel ricevitore);
* Magnetico (esercitato da un polo all'altro e come risultato del movimento di particelle cariche, ad esempio elettroni).

Perché questa interazione abbia luogo è necessario che ci sia un agente (entità che esegue la forza) e un ricevente (un corpo che lo riceve). È necessario chiarire che questa azione avrà risultati diversi se ci sono più di un agente o più ricevitori e se la distanza tra i diversi elementi differisce.

L'effetto prodotto dalla forza su un corpo può essere: modifica dello stato di movimento (una palla rotola in una direzione e qualcuno la calcia nella direzione opposta), nella sua velocità (qualcuno spinge un'amaca all'indietro in modo che quando viene lanciata aumenta la sua velocità) o nella forma del ricevitore (l'impasto della pizza che viene impastato cambia forma).

In sociologia esiste un concetto chiamato forza lavoro. Si chiama forza lavoro per le condizioni fisiche e mentali di ogni essere umano e questo le mette in pratica per produrre un bene preciso. Secondo la teoria di Carl Marx, la forza lavoro nella società capitalista diventa una merce il cui valore è lavoro in cambio di salari. In questa teoria la forza lavoro ha anche ricevuto il nome di manodopera.

Infine, si deve notare che si considera che le forze fondamentali sono quelle che non possono essere spiegate in termini di altre più basilari, come quelle gravitazionali, elettromagnetiche, forti nucleari e deboli nucleari.

Raccomandato
  • definizione: contesa

    contesa

    L'etimologia dell'asserzione si riferisce alla parola latina asseveratio . Il concetto è usato per nominare l' atto e il risultato di affermazione : confermare o ratificare ciò che è espresso. Ad esempio: "L'affermazione del vice ufficiale ha sorpreso il resto dei legislatori" , "L'allenatore ha negato l'affermazione del presidente del club" , "Penso che sia una dichiarazione sfortunata dal momento che causa maggiore preoccupazione nei cittadini" . S
  • definizione: zooplancton

    zooplancton

    Lo zooplancton è il plancton formato principalmente da specie animali , che possono essere presenti nell'acqua dolce o nel mare . Tenendo conto di questa definizione, è essenziale sapere qual è il plancton per capire la nozione. Il plancton è chiamato il raggruppamento di organismi molto piccoli che si muovono passivamente attraverso l' acqua , cioè galleggianti. Que
  • definizione: derivato

    derivato

    Dal derivato latino, derivativo è un termine che può essere usato come sostantivo o come aggettivo. Nel primo caso, è una nozione di matematica che definisce il valore limite del collegamento tra l'aumento del valore di una funzione e l'aumento della variabile indipendente . La derivata, quindi, rappresenta il modo in cui una funzione viene modificata poiché il suo input registra anche le alterazioni. Ne
  • definizione: delimitazione

    delimitazione

    La delimitazione è l' azione e l'effetto della delimitazione . Questo verbo si riferisce alla determinazione dei limiti di qualcosa. Ad esempio: "La delimitazione del confine era causa di conflitto tra i due Paesi" , "Il manager di un'azienda deve investire tempo nella delimitazione delle funzioni di ciascun dipendente, per evitare frizioni e incomprensioni" , "Non ho ancora fatto la delimitazione del campo " .
  • definizione: puntata

    puntata

    Un paletto è un bastone che ha una fine tagliente . Grazie a questa particolarità, è un elemento con diversi usi, dal momento che può scavare nel terreno. Le poste in gioco servono a riparare una tenda o una tenda . Quando inchiodi la posta, puoi ancorare le corde che sollevano la struttura. Ad esempio: "Non perdere la posta in gioco mentre monti la tenda" , "Questo tipo di tenda richiede sei puntate" , "Nonostante la posta in gioco, il rifugio è finito a volare a causa dei forti venti" . Nel
  • definizione: deissi

    deissi

    Il deixis , che può anche essere indicato come deixis , è un termine che viene dalla lingua greca e viene usato in linguistica . Il deix è l' indicazione che viene specificata attraverso componenti (chiamati deittici ) che si riferiscono a un soggetto, una cosa, un tempo o un luogo. Il deix, quindi, è collegato a quei termini che sono usati per indicare diversi elementi, che possono essere presenti in un'altra parte di un messaggio o apparire in memoria . &q