Definizione accento

La parola accento deriva dal termine latino accentus, che a sua volta ha la sua origine in una parola greca. È l' articolazione della voce per evidenziare, con la pronuncia, una sillaba della parola . Questa distinzione avviene per intensità maggiore o grazie a un tono più alto.

accento

Nel caso della lingua parlata, questo rilievo della pronuncia è noto come accento tonale . Nei testi scritti, l'accento può essere ortografico e includere una tilde, che è una piccola linea obliqua che, in spagnolo, scende da destra a sinistra della persona che legge o scrive.

La tilde permette di indicare quale è la sillaba tonica della parola, che richiederà una maggiore forza nella sua pronuncia. Questo accento ortografico consente inoltre di distinguere tra due parole che sono scritte nello stesso modo ma che indicano cose diverse: "salta / salta", "lui / lei", "vinci / vinci", "solo / solo" .

D'altra parte, non tutti gli accenti delle parole castigliano sono indicati con accenti. Tuttavia, grazie a una serie di regole, è possibile leggere correttamente qualsiasi parola senza aver bisogno di conoscerla; Va detto che in altre lingue, come l'inglese o il giapponese, ad esempio, l'esatta fonetica di certi termini non è implicita attraverso l'ortografia, motivo per cui è essenziale memorizzarlo. Tornando allo spagnolo, sappiamo che:

* Le parole acute portano accenti quando finiscono in "n", "s" o vocale;

* il basso, quando non finisce in 'n', 's' o vocale;

* le esdrújulas sono le uniche parole che portano sempre l' ortografia d' accento.

Sulla base dei tre punti appena discussi, prendiamo ad esempio la parola "tessere", dal verbo "tessere". È una parola di due sillabe che termina con la lettera 'n'. Poiché non ha un segno di accento, possiamo dedurre che è una parola seria, per cui il suo accento cade sulla sua prima sillaba, cioè "tu".

L'accento si riferisce anche a una particolare intonazione che l'oratore usa in base al loro umore o scopo, o alle particolarità fonetiche che caratterizzano gli oratori di una certa regione . Per quanto riguarda l'ultimo punto, è molto interessante analizzare quante diverse forme la maggior parte delle lingue presenti nelle diverse aree geografiche in cui sono parlate.

Il castigliano, per esempio, ha una grande varietà di accenti, anche all'interno dello stesso paese; in Argentina, il Salta, il Pampean e il Cordovan sono tre accenti distintamente diversi, ognuno con la sua particolare melodia, accompagnati da regionalismi e gesti che li fanno apparire come tre lingue indipendenti. Lo stesso accade in Spagna, dove una persona di Malaga, un Madrid e un barcellonese si distinguono per i campionati per il loro modo di parlare.

Nella musica, l'accento indica dove cade il peso dell'impulso. In questo senso, l'accento può apparire come un segno all'interno della notazione musicale, che indica quale nota deve essere riprodotta con maggiore intensità. Tuttavia, tutti gli spartiti recano un'accentuazione implicita, che viene dedotta osservando il tipo di bussola, indicata all'inizio di ogni parte dell'opera (se si tratta di una composizione come un concerto per pianoforte o una sinfonia) e in ogni alterazione.

Se è una segnatura del tempo di 2/4 (due quarti), è noto che il primo battito di ogni misura dovrebbe suonare con più intensità del secondo. In questo modo, se prendiamo una bussola con due neri (tenendo conto che il nero è la figura 4, e in questo caso ogni bussola è composta da 2 neri) la sua corretta accentuazione è molto semplice. Vale la pena ricordare che una melodia molto complessa può essere difficile da accentuare a prima vista, motivo per cui è essenziale padroneggiare le basi della lettura musicale.

Infine, nella poesia, l' accento ritmico è un dispositivo stilistico che appare come elemento costitutivo del verso.

Raccomandato
  • definizione: omosessuale

    omosessuale

    L'homo è un elemento compositivo che viene dalla lingua greca e che ha come significato l'idea di "uguale" . Ciò significa che questo elemento consente di generare parole composte dal loro significato . Ad esempio: l' omosessualità ( omosessualità ) è una nozione che si riferisce al desiderio o all'attività sessuale tra persone dello stesso sesso (maschio / femmina, femmina / femmina). L
  • definizione: grasso corporeo

    grasso corporeo

    Il grasso è una sostanza organica i cui componenti sono acidi grassi combinati con glicerina. Questa sostanza fa parte di vari tessuti di animali e piante. L'idea del grasso corporeo di solito si riferisce al grasso che una persona ha nel proprio corpo . Ci sono diversi tipi di grassi: c'è il grasso corporeo che è essenziale per il corpo e un altro che non è necessario. Il
  • definizione: emendare

    emendare

    Il verbo emette allusione per risolvere un difetto o riparare qualcosa . Ad esempio: "La principale sfida del governo è quella di modificare i conti pubblici" , "I leader di entrambi i paesi intendono modificare il link" , "Ci sono errori del passato che purtroppo non possono essere modificati" .
  • definizione: predicazione

    predicazione

    L'evangelizzazione è l' azione e l'effetto dell'evangelizzazione . Questo verbo, proveniente dal latino evangelizare, si riferisce alla predicazione delle virtù cristiane e alla fede di Gesù Cristo . Ad esempio: "L'evangelizzazione dei popoli originari dell'America è stata fatta con la Bibbia in una mano e un'arma nell'altra" , "Il sacerdote argentino ha dedicato molti anni della sua vita all'evangelizzazione in Africa" , "Ho sempre considerato che la L'evangelizzazione è uno degli aspetti più importanti del compito sacerdotale &q
  • definizione: agricoltura

    agricoltura

    Stabilendo l'origine etimologica della parola agricoltura ci porta al latino perché in quella lingua si trova il punto di partenza della nascita di quanto sopra. In particolare, possiamo vedere che proviene dalla parola agricoltura , che è composta dalla somma di due parti: il termine agri che è sinonimo di "campo di coltivazione" e il concetto di cultura che può essere tradotto come "coltivato o coltivato". L&
  • definizione: piano operativo

    piano operativo

    Un piano operativo è un documento in cui i responsabili di un'organizzazione (che siano una società , un'istituzione o un ufficio governativo) stabiliscono gli obiettivi che desiderano raggiungere e stabiliscono i passi da seguire. Questi obiettivi si riflettono in un documento simile a quello che è noto come un piano d'azione , che dà la priorità alle iniziative più importanti per raggiungere diversi obiettivi e obiettivi. Entr