Definizione bioetanolo

Il bioetanolo è un combustibile generato dalla decomposizione anaerobica dei rifiuti organici . I batteri sono responsabili della degradazione di questi residui e della produzione dell'elemento in questione.

bioetanolo

È importante ricordare che il bioetanolo ha la stessa composizione chimica dell'etanolo (noto anche come alcool etilico ), condividendo quindi tutte le sue caratteristiche. La differenza è che, mentre il bioetanolo è generato dalla trasformazione della biomassa, l'etanolo è ottenuto da altri tipi di risorse (come l'etilene trovato nella nafta o l' etano del gas naturale ).

Uno dei termini chiave in questo contesto è la fermentazione, un processo di ossidazione incompleto che non ha bisogno di ossigeno e che si traduce in un composto organico. Ad esempio, è corretto dire che qualsiasi liquore alcolico ottenuto dalla fermentazione dello zucchero di una pianta deve essere classificato come bioetanolo.

Come per il resto dei biocarburanti, il bioetanolo è spesso oggetto di dibattito. Molti osservano che, a differenza dei combustibili fossili, il bioetanolo può essere sostenibile in quanto prodotto da colture. In altre parole, è un prodotto che non si esaurisce. Altri, tuttavia, avvertono che l'ottenimento del bioetanolo porta ad un aumento del prezzo del cibo poiché le colture alimentari vengono sostituite da quelle necessarie per la loro produzione. La produzione di bioetanolo può anche influenzare il progresso della deforestazione .

Secondo gli analisti, un aumento della produzione di bioetanolo contribuirà a ridurre al minimo la dipendenza dal petrolio . Il bioetanolo può essere prodotto in qualsiasi regione del mondo: solo la terra è necessaria per le colture. Con i giacimenti petroliferi è diverso perché si trovano in luoghi specifici e possono essere esauriti.

Uno dei motivi per cui l'uso del bioetanolo come carburante per le automobili è in piena crescita è che va di pari passo con le misure che i governi adottano per effettuare il controllo delle emissioni di gas serra . Secondo alcuni studi, le emissioni generate dal bioetanolo dalla sua produzione fino a quando non vengono utilizzate sono compensate da quelle che si verificano durante il suo sviluppo nella coltura.

Nonostante gli aspetti positivi del bioetanolo, è importante sottolineare che per il momento non è possibile rimuovere i combustibili fossili dal mercato poiché con i metodi attualmente utilizzati per produrlo, è necessario utilizzare un volume di energia molto maggiore di quello ottenuto.

La fermentazione anaerobica, cioè senza la presenza di ossigeno, è un processo che l'essere umano ha usato fin dall'antichità con zuccheri e lievito, distillato brevemente prima di metterli in una soluzione acquosa. Una delle applicazioni tradizionali è sempre stata la produzione di bevande alcoliche.

Attualmente, ci sono molti tipi di materie prime che vengono utilizzate per produrre bioetanolo su larga scala e, secondo l' impianto utilizzato, alcune proprietà del cambiamento di combustibile, come le sue prestazioni. Vediamo sotto una classificazione:

* materie prime ad alto contenuto di saccarosio : zucchero di canna, dolci ( dolci, alimenti a base di zucchero), melassa, barbabietola e sorgo dolce;

* materie prime con alte concentrazioni di amido : patata, manioca e mais;

* Materie prime con cellulosa in grandi quantità : rifiuti di origine animale, rifiuti dell'industria agricola (che include i resti di agrumi) e legno.

La complessità del processo di fermentazione varia a seconda della materia prima utilizzata; per esempio, quando iniziare dall'amido è maggiore rispetto al saccarosio, e la cellulosa è ancora più complessa.

Raccomandato
  • definizione popolare: pensiero

    pensiero

    Secondo la definizione teorica, il pensiero è ciò che è portato alla realtà attraverso l'attività intellettuale . Pertanto, si può dire che i pensieri sono prodotti elaborati dalla mente , che possono apparire dai processi razionali dell'intelletto o dalle astrazioni dell'immaginazione . Il p
  • definizione popolare: qualità

    qualità

    Le qualità sono le caratteristiche che contraddistinguono e definiscono le persone , gli esseri viventi in generale e le cose. Il termine deriva dalla qualità latina e consente di riferirsi al modo di essere di qualcuno o qualcosa. Una qualità può essere una caratteristica naturale e innata o qualcosa acquisito con il passare del tempo . Qu
  • definizione popolare: logo

    logo

    Un logo è un simbolo che consente l' identificazione di un marchio, un'azienda, un'organizzazione o un prodotto . Conosciuto come logo nel linguaggio colloquiale, è una rappresentazione grafica . Ad esempio: "L'azienda farmaceutica ha presentato il suo nuovo logo in occasione di un evento tenutosi presso l'Hotel Presidente" , "Il comune ha lanciato un concorso per la creazione di un logo" , "Il produttore ha deciso di recuperare il suo vecchio logo per l'uso nel nuovissimo modello di maglia della squadra nazionale di calcio " .
  • definizione popolare: premio

    premio

    Il premio è un concetto che viene utilizzato nel campo del diritto per nominare una risoluzione emessa da un arbitro o un compoundatore amichevole che consente di risolvere una controversia tra due o più parti. La decisione dell'arbitro può essere paragonata alla sentenza dettata da un giudice , sebbene la giurisdizione del giudice sia stabilita dalla legge e la giurisdizione dell'arbitro sia nell'autonomia della volontà. Ci
  • definizione popolare: rielezione

    rielezione

    La rielezione è l' azione e il risultato della rielezione . Questo verbo si riferisce alla scelta di qualcosa di nuovo . L'uso del termine, comunque, è associato all'ambito della politica . La rielezione, in questo senso, consiste nel tornare a votare a un funzionario affinché continui a occupare la stessa posizione. I
  • definizione popolare: suffisso

    suffisso

    La parola latina suffixus deriva in suffisso , un concetto che viene usato in grammatica per denominare l' affisso che viene aggiunto alla fine di una parola . Un affisso, d'altra parte, è una sequenza linguistica che altera il significato di un termine. Suffissi, quindi, sono affissi che vengono posticipati, a differenza dei prefissi (che vengono posti prima della parola).