Definizione atteggiamento

La Royal Spanish Academy menziona tre definizioni della parola attitude, un termine che deriva dalla latina actitudo . Secondo il RAE, l'atteggiamento è l' umore che si esprime in un certo modo (come un atteggiamento conciliante). Le altre due definizioni si riferiscono alla posizione : il corpo di una persona (quando trasmette qualcosa in modo efficace o quando la posizione è associata all'umore) o un animale (quando riesce a ottenere attenzione per qualsiasi domanda).

atteggiamento

Tre esempi con questo termine: "Non mi piace l'atteggiamento che Manuel sta avendo con i dipendenti", "Se continui con quell'atteggiamento, sarai fuori dalla squadra", "L'atteggiamento del leopardo ha dimostrato che l'animale non era disposto a farsi prendere con facilità . "

L'atteggiamento è stato definito anche come uno stato di disposizione nervosa e mentale, che è organizzato dalle esperienze e che guida o indirizza la risposta di un soggetto a determinati eventi.

Pertanto, l'atteggiamento è piuttosto una motivazione sociale piuttosto che una motivazione biologica. Dall'esperienza, le persone acquisiscono una certa predisposizione che consente loro di rispondere agli stimoli.
Un atteggiamento è il modo in cui un individuo si adatta attivamente al proprio ambiente ed è la conseguenza di un processo cognitivo, affettivo e comportamentale .

Pertanto, la psicologia sociale è responsabile dello studio dell'atteggiamento degli esseri umani per prevedere i possibili comportamenti. Quando si osservano le attitudini di un individuo, è possibile prevedere la loro modalità di azione.

Gli atteggiamenti soddisfano varie funzioni nella vita sociale. Può essere il caso di qualcuno che adotta un atteggiamento difensivo e, in questo modo, è predisposto in un modo particolare alle interazioni. L'atteggiamento può anche essere orientato verso l' adattamento, nel tentativo di minimizzare i conflitti.

Esistono diversi tipi di atteggiamenti:

Un atteggiamento disinteressato è ciò che porta una persona a tenere a mente un altro non come mezzo per ottenere qualcosa, ma come un fine per ottenere il proprio beneficio. Per raggiungerlo, sono necessarie quattro qualità: disponibilità, apertura, accettazione e richiesta.

L' atteggiamento manipolativo è quello esercitato da una persona per raggiungere un obiettivo personale e prende in considerazione l'altro come un mezzo, dandogli sufficiente attenzione per raggiungere il suo obiettivo.

Atteggiamento interessato : è causato da una situazione di indigenza. Una persona è privata di qualcosa di cui ha bisogno e cerca con ogni mezzo di recuperare o di soddisfare i suoi bisogni. Gli altri sono anche una risorsa che può aiutarla a uscire da questa situazione di impotenza.

Un atteggiamento di integrazione è quello di una persona che cerca non solo il suo beneficio ma anche quello di chi lo circonda. Si basa su una stretta comunicazione tra due persone il cui obiettivo è l'unificazione e l'integrazione.

Nel corso della storia sono state fatte molte teorie sull'atteggiamento, qui ne presentiamo alcune.

Nell'apprendimento delle teorie, gli atteggiamenti vengono appresi proprio come qualsiasi altra cosa nella vita. Catturiamo nuove informazioni e impariamo i sentimenti, le azioni e i pensieri che sono collegati a loro. In questa linea di pensiero, le persone sono concepite come soggetti passivi in ​​cui l'apprendimento è l'innesco dell'atteggiamento che possono assumere. Dipende intimamente dalla quantità di elementi positivi e negativi che il soggetto ha imparato.

Le teorie della coerenza cognitiva affermano che le persone cercano coerenza nella loro vita e che basandosi sul raggiungimento di questo è che i loro atteggiamenti e pensieri variano per sentire un'unicità nel loro essere interiore perché la presenza di due stati di coscienza (incoerenza) li mette a disagio . In questo caso l'atteggiamento avrebbe a che fare con la successione di azioni che assicurano un equilibrio per l'individuo.

Nelle teorie della dissonanza cognitiva, si sostiene che, come spiegato nella teoria precedente, i soggetti si sentono a disagio quando hanno idee o atteggiamenti che contraddicono (dissonanza) e di conseguenza cercano di ridurre questa dissonanza. Lo stesso accade quando si realizza un'azione che va contro ciò che il soggetto crede o non si riferisce alla vita che vuole condurre, con chi è.

Dal punto di vista della psicologia, gli atteggiamenti possono essere resi tangibili in tre modi: a livello ideologico, comportamentale o emotivo. Lo spiegheremo con un esempio:

La cassiera di un supermercato si comporta gentilmente con un cliente (l'atteggiamento è espresso in modo comportamentale) ma allo stesso tempo ha un pensiero che non si vede "Devo essere gentile con questa persona" (espressione a livello ideologico); A sua volta, il cassiere non solo lo fa e pensa, ma lo sente (espressione a livello emotivo). Tenere a mente queste tre parti è fondamentale per cambiare un atteggiamento che non va secondo ciò che vogliamo.

È importante anche stabilire la differenza tra atteggiamenti positivi e negativi . Quelli positivi sono quelli che collaborano con l'individuo per affrontare la realtà in modo sano ed efficace, quelli negativi sono quelli che ostacolano questo rapporto dell'individuo con il suo ambiente. La libertà dell'individuo sta nel poter scegliere tra un atteggiamento e l'altro in ogni momento.

Infine, resta solo da dire che gli atteggiamenti non solo modificano il comportamento individuale, ma anche il comportamento di gruppo. Una persona con un atteggiamento positivo di fronte ai problemi, può incoraggiare il gruppo ad andare avanti e migliorare; mentre uno con un atteggiamento negativo, riesce a "infettarlo" ma a guidarlo in un comportamento che porterà al fallimento.

Raccomandato
  • definizione: abile

    abile

    Dal latino peritus , un esperto è una persona esperta, esperta o compresa in una scienza o in un'arte . L'esperto è l' esperto di un determinato argomento che, grazie alle sue conoscenze, funge da fonte di consultazione per la risoluzione dei conflitti. In un processo , è possibile trovare esperti giudiziari (che sono nominati dal giudice) e esperti (proposti dalle parti coinvolte). Q
  • definizione: suscitare

    suscitare

    La parola latina attitiāre è arrivata alla nostra lingua come una mossa . Il concetto può essere usato per alludere all'azione di aggiungere qualche tipo di combustibile al fuoco o di rimuoverlo con l'obiettivo che brucia di più . Ad esempio: "Dì a Miguel di aggiungere più legna da ardere per alimentare il fuoco, quindi non abbiamo freddo" , "taglio la carne e poi inizierò il fuoco " , "Cerca di non muovere le fiamme a meno che tu non voglia causare un incendio " . Un al
  • definizione: poliestere

    poliestere

    Il poliestere è una nozione derivata dal poliestere , un concetto della lingua inglese. È un polimero che deriva dalla polimerizzazione di un idrocarburo chiamato stirene e altri elementi chimici. Il poliestere è una resina che si caratterizza per la sua resistenza ai vari agenti chimici e all'umidità, che ne consente l'utilizzo nella produzione di vari prodotti. La
  • definizione: tassonomia

    tassonomia

    La tassonomia ha la sua origine in una parola greca che significa "ordinazione" . Questa è la scienza della classificazione applicata in biologia per l' organizzazione sistematica e gerarchica di gruppi animali e vegetali . Nello specifico, possiamo determinare che la tassonomia è divisa in due: microtassonomia, che è responsabile della delimitazione e descrizione di alcune specie; e macrotassonomia, che è quella che classifica in base ai criteri concessi dal ramo precedente. È
  • definizione: di tabella

    di tabella

    Tabular è un concetto che può apparire come un aggettivo o come un verbo . Quando il termine deriva dalla parola latina tabulāris , è un aggettivo che si riferisce a quello con un aspetto da tavolo . Ad esempio: "Quel mobile tabulare sarebbe molto utile nello studio" , "Ieri ho acquistato un nuovo dispositivo tabulare nella cui parte superiore è possibile collocare le forniture" , "Il terreno è caratterizzato dal suo rilievo tabulare" . La n
  • definizione: trappola

    trappola

    La trappola viene dal vagabondo onomatopeico. È un dispositivo, artificio o tattica il cui scopo è catturare, rilevare o disturbare un intruso. La trappola può essere un oggetto fisico (come una gabbia o una falsa porta) o una sfida intellettuale (un indovinello). Le trappole sono emerse per aiutare l' uomo nei suoi compiti di caccia. G