Definizione terrore

Il terrore è una sensazione molto intensa di paura . La paura è definita come un angosciante disturbo della mente da un rischio reale o immaginario; quando supera i controlli del cervello e il soggetto non può pensare razionalmente, appare il terrore.

terrore

Il terrore può generare sudorazione fredda, paralisi del corpo e, nei casi più estremi, la morte per arresto cardiaco . La chiave per controllare la paura e il terrore è l'autocontrollo . Gli psicologi consigliano di provare a respirare lentamente e cercano di far svanire la mente.

D'altra parte, il terrore è un genere letterario e cinematografico, che riunisce opere che cercano di causare paura nel ricevitore. Così troviamo, per esempio, storie dell'orrore scritte da autori come Edgar Allan Poe o Stephen King, o film horror come Venerdì 13. ( Venerdì 13 o Martedì 13, a seconda del Paese).

Come genere all'interno delle forme di intrattenimento, il terrore presenta solitamente una serie di caratteristiche, secondo la tendenza di ciascun autore. In primo luogo, i personaggi più comuni sono solitamente fantasmi, mostri soprannaturali e psicopatici ; esseri difficili da capire, con menti imprevedibili e che in generale hanno una sete insaziabile di morte e vendetta. Non sapere cosa accadrà nei prossimi secondi, quando l'assassino salterà sulla sua prossima vittima, è un elemento di suspense, intimamente connesso al terrore.

D'altra parte, c'è una risorsa opposta, che può essere ugualmente efficace: dare allo spettatore, al lettore o al giocatore (a seconda del formato della storia) una conoscenza assoluta e costante della posizione e delle intenzioni del nemico . Citando la frase "l'ignoranza è la base della felicità", è facile capire il nervosismo e l' angoscia di un pubblico che sa sempre dove si trova l'assassino .

Ritornando alle classi di personaggi che di solito rappresentano la causa del terrore in queste storie, c'è una chiara distinzione tra un fantasma e un essere tangibile; Indipendentemente dal grado di realismo, uno spettro può apparire e scomparire, attraversare muri, e si prevede che generi uno scompenso psichico nelle sue vittime, portandoli al suicidio oa un'istituzione mentale. Al contrario, un assassino in carne e ossa, venuto da questo mondo o da uno fantastico, può usare altri tipi di armi, che infliggono danni fisici.

Questo segna una delle prime suddivisioni di questo genere, così popolare: il terrore psicologico e il sangue freddo . Il primo usa meno effetti speciali o elementi grafici, alla ricerca di altri che provocano il pensiero e l'analisi del pubblico o che generano disagio e insicurezza; Influenzano la tua mente in modo non diretto. Il secondo, da un termine inglese, è caratterizzato dalla presenza di violenza estrema, sangue, attacchi con pugnali e asce, che lasciano le loro vittime sfigurate.

Esistono anche ibridi di entrambe le tendenze, nonché prodotti di uno o un altro sottogenere che fanno uso di elementi prevedibili e inefficaci. Come per tutte le arti, il segreto del successo di un'opera non è ciò che presenta al suo pubblico, ma come lo fa.

È noto come Il terrore al periodo della rivoluzione francese tra il 1793 e il 1794, dove i rivoluzionari portarono avanti una forte repressione contro gli avversari. Maximilien Robespierre, uno dei leader rivoluzionari, ha affermato che il cosiddetto Terrore era solo giustizia veloce, severa e inflessibile. Va notato che lo stesso Robespierre fu giustiziato senza processo o processo.

Questa concezione politica del terrore ha portato al terrorismo di stato, che si verifica quando coloro che occupano il potere statale usano metodi repressivi e incostituzionali per imporre una dittatura e avere il controllo assoluto della società .

Raccomandato
  • definizione: omeostasi

    omeostasi

    La prima cosa da fare è stabilire l'origine etimologica del termine omeostasi. In questo caso, possiamo determinare che è una parola che emana dal greco e si apprezza che è composta da due parole greche chiaramente definite: homo , che può essere tradotto come "simile" e stasi , che serve come sinonimo di "stabilità" e di "stato". L&#
  • definizione: tasso di cambio

    tasso di cambio

    Quando si parla del tasso di cambio (un'espressione che è anche menzionata come il tasso di cambio ), si fa generalmente riferimento all'associazione di cambio che può essere stabilita tra due valute di nazioni diverse. Questi dati ti permettono di sapere quanta parte di una moneta X può essere ottenuta offrendo una valuta Y. I
  • definizione: violenza intrafamiliare

    violenza intrafamiliare

    La famiglia è il gruppo sociale più importante degli esseri umani . È una forma di organizzazione basata sulla consanguineità (come la filiazione tra genitori e figli) e l'istituzione di legami sociali (legalmente riconosciuti) e legalmente riconosciuti. I membri di una famiglia abitano abitualmente nella stessa casa e condividono la vita quotidiana. La
  • definizione: dendrologia

    dendrologia

    Il concetto di dendrologia non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ). Sì, sembra, invece, la dendrografia : la disciplina che è responsabile della descrizione degli alberi . La dendrologia e la dendrografia sono termini usati come sinonimi. È una specialità della botanica dedicata all'analisi di piante legnose , in particolare quelle che sono rilevanti per l' economia . La
  • definizione: draga

    draga

    Il verbo dragar si riferisce all'uso di una draga per pulire e approfondire un fiume, un lago, un canale o un altro specchio d'acqua. La draga, d'altra parte, è la macchina che consente di sviluppare questo compito quando si estraggono rocce, sabbia e altri materiali e sedimenti. Durante il dragaggio, è possibile aumentare la profondità di un corso d'acqua . I
  • definizione: generale

    generale

    Dal latino generalis , il generale è comune a molti oggetti di diversa natura oa tutti gli individui che fanno parte di un tutto . L'aggettivo permette di nominare quello comune, normale o frequente . Ad esempio: "La pelliccia arancione è una caratteristica generale di questa razza" , "Il popolo italiano è molto chiassoso in generale" , "La violenza è una caratteristica generale di tutte le loro produzioni" . Il