Definizione virus

Il virus è una parola di origine latina, il cui significato è veleno o tossina . È un'entità biologica che ha la capacità di auto - replicarsi quando utilizza macchinari cellulari.

virus

Un virus è formato da un capside proteico che circonda l' acido nucleico ( DNA o RNA ). Questa struttura, d'altra parte, può essere circondata dall'involucro virale (uno strato lipidico con diverse proteine).

Nello specifico possiamo stabilire che quando classifichiamo i virus possiamo creare due grandi gruppi. Quindi, da un lato avremmo i cosiddetti virus del DNA che sono identificati dal fatto che prendono come stadio del loro sviluppo qual è il nucleo della cellula in questione. All'interno di questa categoria ci sono anche due classi: quella a singolo filamento, in cui un DNA a filamento singolo assume il comando, e il doppio filamento, che nel suo caso ha il DNA a doppio filamento.

D'altra parte troviamo i virus RNA, che sono così chiamati per il motivo che usano l'RNA (acido ribonucleico) come materiale genetico e perché prendono anche il citoplasma come luogo per procedere alla replicazione. All'interno di questa modalità ci sono quattro gruppi: il singolo filamento positivo, il singolo filamento retrotrascritto, il doppio filamento e il monofilamento negativo.

Il ciclo vitale del virus, un agente potenzialmente patogeno, richiede il meccanismo metabolico della cellula invasa, al fine di replicare il suo materiale genetico e produrre molte copie del virus originale. Questo processo può danneggiare la cellula per distruggerlo.

Questa operazione è stata imitata dai cosiddetti virus informatici, che sono programmi che vengono copiati automaticamente e che il loro scopo è quello di influenzare il normale funzionamento di un computer, senza il consenso dell'utente.

Nel senso stretto del termine, i virus informatici sono programmi che possono essere replicati ed eseguiti autonomamente. Nelle loro azioni, di solito sostituiscono i file eseguibili del sistema con altri infetti da codice dannoso. I virus possono semplicemente infastidire l'utente, bloccare le reti generando traffico inutile o, direttamente, distruggere i dati memorizzati sul disco rigido del computer.

Quando parliamo di virus informatici dobbiamo nominare il più famoso o il più frequente tra quelli che sarebbero, ad esempio, i troiani. Questi sono quelli che possono essere definiti come quelli che rubano informazioni, consentono a un utente esterno di controllare il computer o semplicemente di modificare il dispositivo di cui sopra.

Tuttavia, dobbiamo anche parlare di quelli conosciuti come vermi il cui principale segno distintivo è che si nascondono e si riproducono. E tutto questo senza dimenticare le cosiddette bombe a orologeria che sono quei virus che vengono attivati ​​alla data che è stata determinata o semplicemente quando viene eseguita una funzione specifica.

Esistono due distinzioni principali tra le classi di virus. Da un lato, ci sono virus che infettano i file: questi, a loro volta, sono suddivisi in virus ad azione diretta (l'infezione si verifica nel momento in cui vengono eseguiti) e virus residenti (sono memorizzati nella memoria del computer). e infettare il resto dei programmi nella misura in cui sono accessibili). D'altra parte, compaiono virus di boot o boot sector .

Raccomandato
  • definizione: biodiesel

    biodiesel

    Il biodiesel è un biocarburante che viene utilizzato come sostituto del gasolio , un carburante noto anche come gasolio o gasolio . È una sostanza prodotta da grassi animali o oli di origine vegetale sottoposti a diversi processi industriali. Il biodiesel viene solitamente miscelato con il gasolio proveniente dal petrolio .
  • definizione: viale

    viale

    Boulevard è un termine francese che non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ). La parola che appare è boulevard , derivata da questo concetto della lingua francese. Comunque, è normale che nella nostra lingua si usi anche la parola viale. Un viale o un viale, in breve, è una strada o un viale alberato che si distingue per essere molto ampio . In
  • definizione: totale

    totale

    Per trovare il significato del termine proferir, la prima cosa da fare è determinare la sua origine etimologica. E in questo senso possiamo stabilire che deriva dal latino, in particolare dal verbo "proferre", che può essere tradotto come "dichiarare o manifestare" e che è composto da due parti differenti: -Il prefisso "pro-", che significa "avanti". -
  • definizione: pensiero magico

    pensiero magico

    Prima di addentrarci pienamente nella spiegazione del significato del pensiero magico, è necessario procedere alla determinazione dell'origine etimologica delle due parole che compongono il termine. Nello specifico, nel fare ciò scopriamo le seguenti caratteristiche: • Il pensiero, emana dal latino. Pi
  • definizione: vivace

    vivace

    Vivace , originario della parola latina vivax , è un aggettivo che può riferirsi a quello o che ha energia , vigore o forza . Ad esempio: "La madre, esausta, si è seduta sulla panchina mentre la sua vivace figlia continuava a correre e saltare" , "Dopo un mese in ospedale, lo scrittore è stato visto sorridente e vivace per il compleanno del suo editore" , " Abbiamo una città vivace e prospera che non smette di crescere " . È m
  • definizione: poligono

    poligono

    In greco. In questa lingua è dove possiamo trovare chiaramente l'origine etimologica del termine poligono che analizzeremo in profondità di seguito. Più esattamente possiamo determinare che quell'origine è nell'unione di due parole: poly , che può essere tradotto come "molti", e gono che è sinonimo di "angolo". Quin