Definizione gesto

Ademán è un concetto con un'origine etimologica molto interessante. Il termine deriva da una parola araba classica che si riferiva a una garanzia di tipo legale . Quando una persona ha cercato di sostituire la garanzia, ha fatto appello a promesse o giuramenti accompagnati da gesti pomposi . In questo modo, il senso del gesto stava cambiando fino a quando non era associato ai movimenti che un individuo compie per trasmettere un messaggio o dare qualcosa da capire .

gesto

Ad esempio: "Il vecchio ha fatto un gesto con la mano per dire al giovane di non continuare a parlare", "Nello stadio nessuno ha capito il gesto fatto dal calciatore dopo aver segnato l'obiettivo", "Un cane deve imparare a interpretare i gesti del suo maestro . "

Prendi il caso di una persona che vuole prendere un taxi . Per questo, ti fermerai ai bordi del marciapiede per aspettare che uno di questi veicoli si avvicini. Quando rilevi che un taxi sta arrivando, devi fare un gesto con la mano per dire al conducente di fermarsi mentre vuoi salire. Il gesto di solito consiste nell'estendere il braccio con una mano aperta.

In questo contesto, possiamo anche usare la parola " segno" per riferirsi a un gesto con il quale una persona intende implicare qualcosa in particolare, di solito fatto con una o entrambe le mani. È importante chiarire che in ogni paese di lingua spagnola ci sono usi diversi per questi e altri termini, come il gesto, che di solito parla di una posizione caratteristica delle sopracciglia e delle labbra, tra le altre parti del viso, sebbene possa anche descrivere un'azione con le mani o le gambe.

gesto I gesti non sono universali, ma sono inevitabilmente connessi a una cultura; per questo motivo, quando viaggiamo in un paese straniero, dobbiamo evitare di comunicare attraverso questo linguaggio, fino ad apprendere i gesti locali e il significato che il nostro ha. Ci sono un sacco di storie di situazioni imbarazzanti in cui un turista fa un gesto che nella sua città natale denota gratitudine o gioia, ma che per la gente del posto ha una connotazione scortese o oscena.

Quando viene usato al plurale, il termine "gesto" serve a riferirsi ai modi di una persona, cioè a tutte quelle azioni che usa per farsi conoscere e distinguere da coloro che lo circondano, dimostrando il suo livello di istruzione . In questo modo, proprio come possiamo parlare delle buone o cattive maniere di qualcuno, è anche possibile descrivere i loro gesti come maleducati o poco maneggevoli, per esempio. È importante chiarire, in ogni caso, che questo uso non è molto comune nel linguaggio di tutti i giorni, ma si trova soprattutto nella lingua scritta.

Un gesto, d'altra parte, può essere una postura del corpo o un'azione che riflette uno stato d'animo, un'emozione o un'intenzione . Supponiamo che un poliziotto intercetti un uomo che camminava in modo sospetto, con la faccia coperta. Quest'uomo prima si ferma alla chiamata dell'agente ma, mentre il poliziotto gli fa alcune domande, fa un gesto di fuga, girando bruscamente il corpo. Poi il poliziotto decide di fermarlo e immobilizzarlo per impedirgli di fuggire.

Come si può vedere nell'esempio precedente, questo uso del gesto serve a descrivere un'azione che non si materializza: l'uomo sospetto cerca di fuggire, ma l'ufficiale di polizia lo ferma in tempo, impedendogli di realizzare il suo obiettivo . Non troviamo spesso il termine gesto con questo significato nel linguaggio quotidiano; per esprimere questo tipo di situazioni, è più frequente ricorrere al verbo dire: "l'uomo è riuscito a fuggire, ma la polizia lo ha catturato prima che potesse iniziare a correre" .

Raccomandato
  • definizione popolare: risultato

    risultato

    Il risultato è il corollario , la conseguenza o il risultato di una certa situazione o di un processo . Il concetto è usato in modi diversi a seconda del contesto. Nello sport , il risultato è chiamato l' equilibrio che lancia una competizione e ciò significa, alla fine, la determinazione del vincitore. Se
  • definizione popolare: omonimo

    omonimo

    Homónimo è un aggettivo che permette di riferirsi a due o più persone o cose che hanno lo stesso nome . Il termine deriva dal latino omonimo , che a sua volta ha la sua origine in una parola greca. Partendo da questo significato, dobbiamo anche sottolineare che l'omonimo, quindi, agisce come sinonimo di omonimo. Q
  • definizione popolare: auto

    auto

    Se vogliamo scoprire quale sia l'origine etimologica della parola auto con cui abbiamo a che fare ora, dobbiamo andare in lingue come il greco. Ed è proprio in esso che possiamo trovare noi stessi con quell'origine, più esattamente ci imbattiamo nel fatto che esso proviene dalla parola auto che può essere tradotto come "da solo". A
  • definizione popolare: mercato monetario

    mercato monetario

    L'istituzione sociale derivante dalla relazione tra venditori e acquirenti che cercano di fare scambi o transazioni è conosciuta come un mercato . Monetario , dal latino monetario , è quello che appartiene o è relativo alla valuta (il pezzo d'oro o altro metallo che viene usato come mezzo di scambio e, per estensione, il conto, la carta o la moneta del corso legale). I
  • definizione popolare: sondaggio

    sondaggio

    Il sondaggio termine non è riconosciuto dalla Royal Spanish Academy ( RAE ), anche se è spesso utilizzato in alcuni paesi del Sud America. Il concetto sembrerebbe derivare dall'alleviare, una parola con diversi significati: sostituire o cambiare qualcosa o qualcuno; rimuovere un carico; scusami Il suo utilizzo, tuttavia, non è collegato a queste azioni. U
  • definizione popolare: resistenza aerobica

    resistenza aerobica

    L'idea di resistenza può essere usata in molti modi: in questo caso, siamo interessati al suo significato come alla capacità di tollerare o sopportare qualcosa . Intesa come capacità fisica dell'essere umano, la resistenza è legata alla possibilità di sviluppare uno sforzo nel più lungo periodo possibile. Il c