Definizione distribuzione

La distribuzione è l' azione e il risultato della condivisione . D'altra parte, questo verbo si riferisce a frammentare o dividere qualcosa per distribuirlo . Ad esempio: "Credo che la distribuzione dei compiti non fosse giusta: ho avuto i più difficili", "L'uomo d'affari ha deciso di effettuare una distribuzione delle sue cose prima di trasferirsi in India, dove ha intenzione di sviluppare una nuova vita", " Il riporto dell'assistenza alle vittime dell'alluvione si sta svolgendo in modo inefficace " .

distribuzione

In aggiunta a quanto sopra, dobbiamo sottolineare che distribuire è un verbo che deriva dal latino, in particolare "ripartire" e che è composto da due parti chiaramente differenziate: il prefisso "re-", che può essere tradotto come "ripetizione", e il verbo "partire", che è sinonimo di "divide".

Il concetto di ripartizione è anche usato per nominare il documento in cui è stato registrato quanto è stato distribuito: "Secondo il ripartizione, ogni famiglia ha ricevuto un appezzamento di due ettari in modo che possano costruire la loro casa e piantare la terra", "Nella ripartizione il dettaglio dei fondi non viene chiarito, né viene spiegato come sono stati distribuiti", "Dovrebbe realizzare un audit per confermare i dati che appaiono nel ripartizionamento" .

Nell'era coloniale americana esisteva ciò che era conosciuto come repartimiento de indios . Era un sistema di sfruttamento che costrinse gli aborigeni americani a lavorare per gli spagnoli in cambio di un pagamento minimo. I conquistadores distribuirono il lavoro aborigeno tra i proprietari di diverse attività minerarie e agricole, lasciando i nativi obbligati ad obbedire ai loro datori di lavoro. Terminata la stagione lavorativa, gli aborigeni furono rimandati alle loro riduzioni.

Dalla fine del 16 ° secolo fino all'inizio del 19 ° secolo, il rifacimento degli indiani è stato efficace, che è venuto a sostituire l'encomienda stabilito dallo scopritore Cristóbal Colón fin dall'inizio. Va sottolineato che questo sistema di uso forzato di ciò che era lavoro aborigeno si basava su tre principi fondamentali o massime:
-Regolazione forzata, basata sugli importi stabiliti dalle autorità esistenti.
-La rotazione settimanale.
-La coercizione sui nativi.

In paesi come il Guatemala o il Messico era il luogo in cui questo repartimiento citato aveva uno sviluppo e un uso maggiori durante i secoli menzionati. Un sistema che stabiliva che dovevano lavorare con forza nei compiti loro indicati dagli aborigeni che erano maschi e che avevano tra i 16 ei 60 anni.

Quando l'abolizione di questo sistema di lavoro forzato fu veramente efficace, fu nel 1812, attraverso la ben nota Costituzione spagnola di quell'anno che fu popolarmente chiamata La Pepa. Una completa abolizione a cui furono aggiunte anche una serie di sfumature e problemi per assicurare che non solo questa misura fosse resa nota in tutti gli angoli in cui era stata usata la distribuzione degli indiani, ma anche perché diventasse veramente efficace.

Nel medioevo, infine, il repartimiento era un processo che consisteva nel distribuire le case di quelle città riconquistate dai cristiani tra i soldati che partecipavano alla campagna.

Raccomandato
  • definizione: tatuaggio

    tatuaggio

    Il tatuaggio ha la sua origine etimologica nella parola francese tatouage . Il concetto si riferisce all'atto e al risultato del tatuaggio : lasciando inciso un disegno o un segno sulla pelle attraverso l'uso di determinati aghi o punzoni con inchiostro. Ad esempio: "Quando ero un bambino volevo tatuarmi un braccio, ma non mi sono mai sentito così" , "Juan ha un tatuaggio da Superman sul petto" , "Il criminale è stato riconosciuto dai tatuaggi sul suo volto" .
  • definizione: presenza

    presenza

    Scoprire l'origine etimologica del termine presenza significa dover lasciare, simbolicamente parlando, anche il latino. Ed è derivato dalla parola "presentia", che significa "qualità dell'essere di fronte" e che è composta da tre parti differenti: • Il prefisso "pre", che può essere tradotto come "prima". • Il
  • definizione: gene

    gene

    La catena dell'acido desossiribonucleico (DNA) è conosciuta come un gene , una struttura che è costituita come unità funzionale responsabile del trasferimento dei tratti ereditari . Un gene, secondo gli esperti, è una serie di nucleotidi che memorizza le informazioni necessarie per sintetizzare una macromolecola con uno specifico ruolo cellulare. Il
  • definizione: deontologia

    deontologia

    La prima cosa che faremo è determinare l'origine etimologica del termine deontologia. In questo senso dobbiamo stabilire che emana dal greco, perché è il risultato della somma di due componenti di quel linguaggio: • "Deontos", che può essere tradotto come "dovere o obbligo". • &q
  • definizione: google

    google

    Google è una società americana fondata nel settembre 1998, il cui prodotto principale è un motore di ricerca creato da Larry Page e Sergey Brin . Il termine è spesso usato come sinonimo di questo motore di ricerca , il più usato al mondo. La caratteristica più eccezionale di Google come motore di ricerca è la sua facilità d'uso. La pag
  • definizione: demografia

    demografia

    La demografia è l'analisi delle comunità umane basata sulle statistiche . Il concetto deriva da una parola greca composta che può essere tradotta come "descrizione delle persone" . Questa disciplina studia la dimensione, la stratificazione e lo sviluppo di una collettività , da una prospettiva quantitativa . Pe