Definizione evoluzione

Il concetto di evoluzione deriva dal termine latino evolutio e si riferisce al verbo evolvere e ai suoi effetti. Questa azione è legata a un cambiamento di stato o a una distribuzione o dispiegamento e il suo risultato è un nuovo aspetto o forma dell'elemento in questione.

evoluzione

Possiamo trovare il termine in frasi come: "Dobbiamo aspettare l'evoluzione del paziente nella fase post-chirurgica prima di determinare i passi da seguire", "Il giovane tennista colombiano ha mostrato una grande evoluzione nel suo gioco", "Evolution Il business non era quello che ci aspettavamo e abbiamo dovuto abbandonare il progetto " .

L'evoluzione può essere intesa come un processo che deve attraversare alcune cose e consiste nell'abbandono di uno stadio per passare a un altro, gradualmente o progressivamente. Possiamo esemplificare questo nel processo di pubblicazione di un libro, per citare un caso, dove compaiono fasi successive: un'idea nasce nella testa di uno scrittore, inizia a scrivere alcune bozze, poi passa il testo in modo pulito e alla fine prende finito il lavoro di scrittura. Poi arriva il momento di cercare un editore per la pubblicazione e la commercializzazione del lavoro. A questo punto ciò che rimane di quell'idea emersa nell'autore è un vago ricordo che assomiglia poco al risultato finale.

Un altro modo in cui il termine può essere compreso è come sinonimo di movimento, in termini di quella traiettoria curva eseguita da esseri umani, animali o alcuni oggetti. Ciò significa che analizzando ciascuna delle fasi della vita di un individuo, l'evoluzione raggiunta da esso potrebbe essere conosciuta o compresa.

Possiamo anche parlare di evoluzione biologica . Questo è un processo attraverso il quale le specie vengono modificate nel tempo (modifiche man mano che le generazioni passano). Questa evoluzione genera un'alterazione della genetica di una popolazione che potrebbe portare all'adattamento della specie a un nuovo habitat o all'emergere di una specie diversa.

Aspetti importanti della teoria dell'evoluzione

Quando si pensa al termine evoluzione, il primo nome che emerge è Charles Darwin, tuttavia è importante chiarire che non è stato il primo a parlare della questione evolutiva della specie, nemmeno di chi ha coniato il termine. Lo stesso Charles menzionò una dozzina di autori e scienziati che lo avevano preceduto, i cui studi erano fondamentali per la chiara spiegazione di questa teoria. Tra questi ricercatori c'era suo nonno Erasmo Darwin, che nei suoi libri "Zoonomia" e "Le leggi della vita organica" fece un'analisi approfondita sull'argomento. In ogni caso, è necessario sottolineare che il grande salto verso la concezione dell'evoluzione su cui oggi si basa la scienza è stato dato da Carlo, con la sua teoria sulla selezione naturale .

All'interno della teoria dell'evoluzione ci sono due linee di pensiero ben marcate. Una di queste è la teoria creazionista, che si basa sulle linee guida che la religione impone attraverso la sua Genesi, dove la vita è possibile grazie all'esistenza di un dio ed è lui a decidere quali specie nascono e come lo fanno e quali devono morire L'altra linea è l' evoluzionista che era incline ad affermare che le specie sono cambiate nel tempo e che la loro sopravvivenza dipendeva da ciascuna; e le variazioni nel tempo e il grado di adattamento che ciascuno presentava (il modo in cui si evolvevano) erano gli elementi decisivi per tale sopravvivenza .

La teoria dell'evoluzione di Darwin è stata caratterizzata dall'imposizione di nuovi modelli per analizzare la linea evolutiva della specie . La sua era la prima spiegazione che poteva essere considerata credibile dove gli esseri più adatti ad affrontare le variazioni del tempo riuscivano a sopravvivere e quelli che perirono erano quelli che non potevano farlo. Quelli che sono riusciti ad acclimatarsi a questi cambiamenti erano specie che avrebbero mostrato modifiche di generazione in generazione, in modo che le generazioni future nascessero con le caratteristiche necessarie per sfruttare in modo efficiente le nuove risorse.

A questo punto sorge una differenza importante tra il pensiero di alcuni evoluzionisti come Lamarck e Darwin stesso. I primi evoluzionisti affermarono che il motore del cambiamento di specie era il desiderio di cambiamento, chiamato Besoin. Per esempio, che le giraffe avevano un collo lungo era perché volevano raggiungere le cime degli alberi e quel bisogno o desiderio aveva generato l'estensione del loro collo, una caratteristica che sarebbe stata trasmessa ai discendenti (questa teoria non poteva essere provata e è stato scartato). Darwin, d'altra parte, ha detto che l'evoluzione ha avuto a che fare con l' adattamento alla nuova realtà ; nel caso delle giraffe, si diceva che erano quelli con il collo leggermente più lungo che aveva accesso al cibo, e per questo motivo erano quelli che sopravvivevano, si nutrivano e si riproducevano normalmente.

È necessario chiarire che quando Darwin mostrò la sua teoria, non c'era ancora alcuna conoscenza delle leggi della genetica e della variazione ereditaria (lavoro svolto da Gregor Mendel), teorie che avrebbero potuto aiutarlo in modo significativo a dimostrare i suoi studi. Perché, grazie alla genetica, possiamo sapere ad esempio che l'uso o il non utilizzo di un membro o la sua utilità possono segnare importanti linee guida nell'evoluzione genetica di una specie. Nonostante questo, la sua teoria sull'evoluzione è considerata il modo più chiaro e più ovvio per comprendere le fasi evolutive della vita sul nostro pianeta.

Raccomandato
  • definizione: grande

    grande

    Grande è un termine che deriva dalla parola latina grandis . È un aggettivo che, nel primo significato menzionato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario, si riferisce a ciò che eccede in grandezza, rilevanza, ecc. a ciò che è normale o comune . Supponiamo che, in una certa città , un edificio medio abbia cinque piani o piani. Se u
  • definizione: insicurezza

    insicurezza

    Il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) definisce l' insicurezza come mancanza di sicurezza . Questo concetto, derivato dal latino securĭtas , si riferisce a ciò che è privo di pericolo, danno o rischio, o che è vero, fermo e indubitabile. Più esattamente possiamo determinare che questa parola, a partire dalla sua origine etimologica latina, è costituita dall'unione di più parti: il prefisso - in cui è equivalente alla negazione, la parola che può essere tradotta come "separata", il curus che è sinonimo di "Cura" e infine il suffisso - papà che equivale a &qu
  • definizione: cassero

    cassero

    Il termine latino castra , che può essere tradotto come "campo" , venne in arabo classico e poi in arabo ispanico prima di apparire nella nostra lingua come fortezza . Secondo il dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), una fortezza è una struttura fortificata o la dimora di un principe .
  • definizione: psicologia clinica

    psicologia clinica

    Per capire il significato della psicologia clinica è importante stabilire innanzitutto l'origine etimologica delle due parole che danno forma al termine. Così, la prima parola, psicologia, emana dal greco dove possiamo vedere che è costituita dall'unione di due parti chiaramente delimitate: la psiche , che è sinonimo di "anima", e lodge , che può essere tradotto come "studio di". D&#
  • definizione: torpido

    torpido

    Aletargado è quello o quello che sperimenta un letargo . Questo concetto (letargia), nel frattempo, si riferisce al riposo , alla mancanza di attività , intorpidimento , sonnolenza o intorpidimento . Ad esempio: "La squadra tedesca sembrava letargica, lenta e senza esplosione" , "Il nuovo film del famoso cineasta annoiato a causa del suo ritmo letargico" , "L'attività economica è stata letargica: il governo è preoccupato per il possibile aumento dei licenziamenti" . La
  • definizione: chili

    chili

    Molte volte le confusioni sorgono quando si intende nominare i frutti delle piante che appartengono al genere Capsicum . Secondo la regione, possiamo trovare riferimenti a chili , pepe , peperoncino o morrón : in tutti i casi, l'idea si riferisce allo stesso frutto. Nel caso specifico del termine chili , viene dalla lingua taíno , parlata dai coloni precolombiani nel continente americano.