Definizione repressione

Dalla repressione latina, la repressione è l' azione e l'effetto della repressione (contenimento, arresto, contenimento o punizione). Il termine è spesso usato per menzionare le azioni prese dal potere di inibire determinate azioni politiche o sociali.

repressione

Ad esempio: "Violenta repressione poliziesca in segno di protesta contro i disoccupati", "La repressione militare ha causato migliaia di morti in questo paese", "Di fronte all'eccesso sociale, è necessaria la repressione" .

La repressione può essere legale (quando è inclusa nella costituzione ) o illegale (le forze statali o parastatali agiscono senza rispettare la legge e commettono crimini nelle loro azioni). In generale, la repressione implica una certa dose di violenza .

L'obiettivo della repressione è di impedire a un gruppo di persone di danneggiare i diritti di altre materie o di praticare pratiche illegali. Quando la repressione supera i limiti legali, i repressori stessi sono quelli che finiscono nell'illegalità e annullano i diritti legittimi come la libertà di espressione o di dimostrazione.

C'è una forza esemplare nell'uso della repressione. Le autorità non solo cercano di impedire a coloro che reprimono di violare la legge, ma anche di assicurare che il resto della società si reprima da sé e non imiti il ​​comportamento represso.

La Spagna è uno dei paesi che è stato oggetto di repressione per molto tempo. In particolare al regime di Franco, come risultato del trionfo della parte nazionale nella Guerra Civile (1936 - 1939) e l'instaurazione di un regime dittatoriale, che ruotava intorno alla figura di Francisco Franco e durava bene nel decennio degli anni 70.

Il terrore bianco fu anche chiamato quel periodo di sottomissione alla dittatura di quel generale. In esso c'era una repressione violenta a diversi livelli: educativo, amministrativo, economico, linguistico, culturale, lavorativo ...

Le conseguenze di tutta questa azione furono la censura, il divieto dei partiti politici e sindacali, le multe economiche, gli embarghi dei conti economici, l'istituzione come religione ufficiale del cattolicesimo e la morte di molte persone che, a causa dei loro ideali politici, erano imprigionato e sparato.

D'altra parte, c'è quella che è nota come repressione sessuale e, di norma, è ciò che un individuo impone a se stesso. Quindi, quando ha certi impulsi di quella natura, prova vergogna per essa e anche colpa. Tutto ciò è chiaramente influenzato dalla moralità, dall'educazione ricevuta e, soprattutto, dall'imposizione di valori imposti dalla loro religione.

Molti sono i ricercatori che hanno analizzato questo tipo di repressione nel corso della storia e tra questi spiccano Michel Foucault o Sigmund Freud. Quest'ultimo è stato il primo a dedicare molto tempo alla sua ricerca e l'ha presentato come un chiaro problema che la società aveva in quel momento.

Per la psicoanalisi, la repressione è un meccanismo psichico usato dall'essere umano per bloccare certi pensieri, ricordi o desideri e tenerli nell'inconscio. Questi contenuti respinti non vengono eliminati, ma conservano la loro efficacia psichica e sono sintomatizzati. Il rimosso può tornare nel regno del conscio da sogni, atti falliti o anche sintomi nevrotici.

Raccomandato
  • definizione: audace

    audace

    L'audacia è senza paura , audacia o incoscienza che riflette il comportamento di una persona . Il soggetto che agisce con audacia riceve la qualifica di audace . Ad esempio: "Quando è scoppiato l'incendio, il ragazzo ha avuto l'audacia di camminare per la casa per salvare il suo gatto" , "Dire qualcosa del genere al proprietario dell'azienda è una vera audacia" , "Con la sua caratteristica audacia, l'attaccante sbilanciato la partita quando si entra nella seconda metà " . Il
  • definizione: impugnatura

    impugnatura

    La prima cosa che dobbiamo sapere sul termine manico che ci occupa è la sua origine etimologica. In questo caso possiamo affermare che è una parola che deriva dal latino e che è il risultato della somma di due componenti chiaramente specificati: -Il nome "ansa", che può essere tradotto come "asa". -I
  • definizione: vettori colineari

    vettori colineari

    Un vettore è, nel campo della fisica , una grandezza che viene definita attraverso il suo punto di applicazione, la sua direzione, il suo significato e la sua quantità. A seconda delle loro caratteristiche e del contesto in cui operano, possono essere differenziati diversi tipi di vettori, come vettori complanari , vettori non complanari , vettori opposti , vettori risultanti , vettori unitari e vettori concorrenti , tra gli altri.
  • definizione: parapsicologia

    parapsicologia

    La prima cosa che deve essere fatta prima di entrare pienamente nella definizione di parapsicologia è determinare la sua origine etimologica. In questo senso, dobbiamo dire che è una parola che deriva dal greco, poiché è il risultato della somma di tre componenti di quel linguaggio: • "Para", che equivale a "accanto a". • &q
  • definizione: bidimensionale

    bidimensionale

    L'aggettivo bidimensionale è usato per descrivere ciò che ha due dimensioni ( 2D ). Un corpo che proietta avanti e indietro, ad esempio, ha due dimensioni. D'altra parte, se ha anche profondità, è un oggetto con tre dimensioni ( 3D ) e riceve la qualifica di tridimensionale . In generale, le dimensioni sono definite dal numero minimo di coordinate necessarie per la specifica di qualsiasi punto in esso. In
  • definizione: dominanza

    dominanza

    Per l' etologia , il dominio è il possesso di un alto status sociale all'interno di un gruppo di animali che esibisce un'organizzazione sociale gerarchica . Questa gerarchia viene solitamente raggiunta e sostenuta attraverso l' aggressione degli individui dominanti verso quelli inferiori.