Definizione teatro

Il termine teatro proviene dal theatrón greco, che può essere tradotto come lo spazio o il sito per la contemplazione .

Il teatro fa parte del gruppo di arti dello spettacolo . Il suo sviluppo è legato a attori che rappresentano una storia davanti a un pubblico. Quest'arte, quindi, combina vari elementi, come gesti, parole, musica, suoni e scenografia.

D'altra parte, il concetto di teatro è usato per nominare il genere di letteratura che include quei testi progettati per la rappresentazione sul palcoscenico, e anche l' edificio in cui vengono eseguiti i giochi.

Ad esempio: "Un autore argentino ha ricevuto un premio importante per un'opera teatrale in Slovenia", "Propongo che domani andiamo a teatro", "Il mio sogno è essere un attore di teatro e vivere secondo la mia arte" .

La pratica teatrale è formata da un tutto che non può essere diviso. È possibile, tuttavia, distinguere tre elementi di base, come il testo (ciò che gli attori dicono), la direzione (gli ordini dettati dalla persona responsabile della messa in scena) e l' azione (il processo che porta ad assumere un attore la rappresentazione di un personaggio). A questi componenti si possono aggiungere altri elementi molto importanti, come costumi, decorazioni o trucco.

Va notato che coloro che scrivono opere teatrali sono noti come drammaturghi, anche se la definizione specifica del termine si riferisce allo scrittore di drammi o teatro drammatico.

Breve storia del teatro

Le origini storiche del teatro sono associate all'evoluzione dei rituali legati alla caccia e alla raccolta di frutti e alimenti tipici dell'agricoltura, che ha portato a cerimonie drammatiche attraverso le quali le divinità venivano adorate. Questi rituali sedevano e riflettevano anche i precetti spirituali del gruppo sociale.

Ad ogni modo, fu solo nella Grecia classica, quando questa idea religiosa fu portata alla perfezione. Le rappresentazioni teatrali furono poi create, dove la coreografia, la musica, la recitazione e il testo formavano un equilibrio incomparabile. Tra i fondatori del teatro come lo concepiamo oggi sono stati i creatori di tragedie, come Eschilo, Sofocle e Euripide, e la commedia, un genere che Aristofane ha sempre evidenziato. A quel tempo sia la commedia che la tragedia permettevano di esprimere idee politiche, sociali e religiose, necessarie per capire il tempo in cui vivevano.

Nell'antico Egitto (metà secondo millennio aC ), ad esempio, a Osiride venivano spesso raffigurati drammi con morte e risurrezione. A quel tempo, costumi e maschere erano usati nelle drammatizzazioni.

A partire dal XVI secolo, il teatro ha iniziato a raggiungere una grande popolarità in tutto il mondo, auto emergenti che offrivano spettacoli teatrali e anfiteatri creati per lo stesso scopo. In questo periodo sorse il teatro nazionale, che cercò di mostrare valori e elementi popolari sottolineando l'importanza della cosa relativa per la madrepatria. Lo spagnolo occupa un posto importante in questo tipo di teatro e in esso spiccano le figure di Lope de Vega, Tirso de Molina e Calderón de la Barca. Anche in Inghilterra e in Francia il teatro popolare diventa molto importante dove si trovano rispettivamente le opere di Shakespeare e Corneille, Racine e Molière.

In questo modo, il teatro è una delle discipline artistiche che possono essere identificate con il tempo in cui vive. Le rappresentazioni teatrali rispondono al periodo in cui sono state create e permettono di conoscere a fondo gli aspetti sociali, culturali e politici che circondano la vita del suo autore.

Alcuni nomi essenziali nel teatro
teatro Tra gli autori che hanno contribuito maggiormente al teatro c'è William Shakespeare . È nato il 25 aprile 1564 nel Regno Unito e si è dedicato alla scrittura di opere teatrali e poetiche ed è stato attore . La sua vita è stata messa in discussione in più di un'occasione, in particolare la sua sessualità, le sue idee religiose e persino la paternità delle sue opere. In ogni caso, non ci sono prove per sapere se questa voce è vera, quindi per ora è Shakespeare uno dei più prestigiosi autori teatrali. Tra le sue opere figurano "Amleto", "Romeo e Giulietta" e "Otello".

Lope de Vega è conosciuto come uno dei più importanti autori teatrali spagnoli della penisola. Si ritiene che abbia composto più di 1.400 commedie e alcune tragedie. Le sue opere sono caratterizzate da un'originalità insolita nel suo tempo (ha respinto il modello classico imposto dai greci), offrendo un teatro dal carattere puramente nazionale.
Ha anche rotto con gli schemi aristotelici che dividevano il teatro in commedia e tragedia e nelle sue opere ha unito entrambi gli stili ottenendo uno stile assolutamente nuovo e unico. Le sue opere sottolineano l'onore della gente, dei vecchi e dei contadini, per citarne alcuni: "Il migliore sindaco", "Fuenteovejuna", "Il cattivo nel suo angolo", "La stella di Siviglia" e "Il cavaliere di Olmedo. "

Tra gli autori del teatro francese sottolinea Jean Racine e Molière.

Jean Racine nacque nel 1639 e divenne rapidamente famoso con la sua tragedia "Andrómaca". Successivamente ha scritto "Británico", "Mitrídates" e "Fedra", tra gli altri. Si dice che con Racine la tragedia con uno stile classico abbia raggiunto il suo massimo splendore, molti critici lo citano come autore teatrale per eccellenza. Le sue opere sono caratterizzate dalla presentazione di un'azione chiara e semplice in cui gli eventi sono inevitabili conseguenza delle passioni dei personaggi.

Molière, d'altra parte, era nato nel 1622 in Francia ed era un uomo devoto al teatro con tutta la sua anima. Ha fatto un giro del paese con una compagnia teatrale che si è esibita come autrice, attore e regista per oltre 15 anni. Era caratterizzato dall'essere un uomo con capacità innate per il teatro, con un'immaginazione e una fonte inesauribile di accadimenti, che gli permetteva di godere di una grande popolarità, mantenendo il suo pubblico sempre attento, in attesa di nuove buone performance teatrali, dove erano assicurati risate e divertimento dietro a personaggi ironici ma senza sfuggire al realismo del tutto. Tra le sue opere più famose ci sono "Il misantropo", "Don Giovanni" e "L'immaginario malato". Quando viene chiamato, si parla dell'universo di Molière, estremamente ricco e realistico, migliore di qualsiasi altro autore possa aver mai creato.

Raccomandato
  • definizione: ASCII

    ASCII

    ASCII è l' acronimo che corrisponde all'espressione inglese American Standard Code for Information Interchange . Detta frase può essere tradotta come codice standard americano per lo scambio di informazioni . È un modello di codifica che viene utilizzato nel campo della tecnologia dell'informazione. L
  • definizione: senza fili

    senza fili

    Il wireless è una parola in inglese che può essere tradotta come "wireless" o "wireless" . Il suo uso, quindi, potrebbe essere collegato a qualsiasi tipo di comunicazione che non richiede un mezzo di propagazione fisica. Tuttavia, la nozione di wireless è utilizzata principalmente per denominare le comunicazioni wireless nell'ambito delle tecnologie informatiche. I
  • definizione: intrigo

    intrigo

    La nozione di intrigo allude a un atto eseguito con astuzia e cautela , in modo tale che il suo sviluppo o le sue vere intenzioni siano nascoste. Il concetto può anche essere usato in riferimento ad un mistero o ad un dilemma irrisolto . Ad esempio: "Nei progressi della serie si alza l'intrigo che sarà sviluppato in tutti i capitoli" , "L'aspetto di centinaia di pinguini morti sulle spiagge meridionali è motivo di intrighi tra gli scienziati" , "Le dichiarazioni del pugile ha generato intrighi sul suo futuro . &
  • definizione: austerità

    austerità

    Fino al latino dovremmo tornare indietro per trovare l'origine etimologica della parola austerità. In particolare, dobbiamo dire che è il risultato della somma di due componenti di quel linguaggio: l'aggettivo "austerus", che è sinonimo di "grezzo o difficile", e il suffisso "-itas", che può essere tradotto come "qualità" . Aus
  • definizione: eone

    eone

    La parola greca aiṓn venne in latino come eone , che nella nostra lingua deriva nell'eone . Il termine ha diversi usi a seconda del contesto. Nel linguaggio colloquiale , un eone è un periodo temporale molto lungo, sebbene impreciso . Ad esempio: "Eoni fa non ho mangiato questo piatto" , "Sento che sono passati eoni da quando ho parlato per l'ultima volta con Marta" , "Pensavo di essere stato bloccato per eoni, ma in realtà la prigionia non durava più di due ore" . Per
  • definizione: specchio

    specchio

    Il concetto di specchio , che deriva dal termine latino specŭlum , allude a una superficie che riflette ciò che è prima. Di solito è una lastra di vetro che è incorniciata e appesa a un muro. La riflessione è chiamata il cambiamento della direzione di un'onda , prodotta quando, quando incontra una superficie che separa due supporti mutevoli, ritorna al suo luogo di origine. Nel