Definizione bioremediation

Il termine bioremediation ha la sua origine nella parola inglese bioremediation . Il concetto fa riferimento all'uso di microrganismi per trattare una sostanza o per ripristinare condizioni ambientali.

bioremediation

Come suggerisce la parola, il biorisanamento si rivolge agli organismi viventi per porre rimedio a un evento. I batteri, i funghi e persino alcune piante possono assorbire e degradare le sostanze inquinanti, in tal modo pulendo il suolo, l'acqua o l'ambiente in generale. Il biorisanamento aiuta la natura a superare uno squilibrio e quindi a recuperare un ecosistema che ha subito qualche tipo di danno a causa dell'inquinamento.

Lo scopo del biorisanamento, quindi, è quello di invertire una situazione in cui la presenza di inquinanti ha alterato le caratteristiche naturali dell'ambiente .

Con l'uso di microrganismi è possibile combattere la contaminazione che in un primo momento è inaccessibile: per esempio, una fuoriuscita di petrolio che è entrata nel terreno e che potrebbe influenzare le acque sotterranee. Scavare, in questo caso, sarebbe più costoso e complesso che fare appello al biorisanamento. Questo è solo uno dei suoi vantaggi, tra i quali possiamo evidenziare la sua vitalità, la sua semplicità e il contributo dei nutrienti attraverso i processi di compostaggio.

In una fuoriuscita di questo tipo si possono aggiungere fertilizzanti con solfati o nitrati che favoriscono la riproduzione dei batteri. Questi microrganismi aiutano a rompere il petrolio greggio.

I processi di biorisanamento possono essere monitorati attraverso il controllo del pH, il potenziale redox, il livello di ossigeno o la temperatura, tra molti altri parametri. La specialità che guida questi processi ed esercita la sua supervisione è la biotecnologia (l'area della tecnologia che utilizza risorse biologiche).

Per quanto riguarda l'uso dell'ingegneria genetica in questo contesto, la sua importanza è molto grande poiché dà origine alla creazione di organismi specificamente progettati per attuare il biorisanamento in un ambiente ben definito e con un obiettivo.

Un esempio molto comune può essere visto nella modifica che gli scienziati hanno apportato al batterio Deinococcus radiodurans, uno degli organismi più capaci di resistere alle radiazioni, in modo che potesse consumare gli ioni di mercurio e il toluene presente nelle scorie nucleari di alto livello. di radiazioni.

Uno dei metodi più noti di biorisanamento è chiamato micorremediation . Il termine è stato reso noto dal micologo e scrittore americano Paul E. Stamets e consiste nell'uso di funghi allo scopo di effettuare la decontaminazione di un terreno . In termini più tecnici, mycorremediation consiste nell'utilizzare micelio fungino, cioè la massa composta da reti di filamenti che fanno parte del corpo vegetativo dei funghi.

L'uso dei funghi nel biorisanamento è molto logico, poiché uno dei loro ruoli più importanti negli ecosistemi è la decomposizione, che viene eseguita da micelia. Secernono acidi extracellulari ed enzimi che contribuiscono alla degradazione della cellulosa e della lignina (le piante hanno questi due componenti nella loro parete cellulare e sono le più importanti).

La cellulosa e la lignina hanno grandi catene di idrogeno e carbonio nella loro composizione, con forti giunture che rendono le fibre legnose e vegetali particolarmente robuste. Le loro strutture chimiche sono simili a quelle dei vari inquinanti attuali e solo uno dei punti principali di mycorremediation è trovare il ceppo fungo più adatto per il trattamento di diversi tipi di contaminanti, un principio che si applica al biorimedio in generale e, perché no, medicina: ogni malattia o disturbo deve essere trattato con il farmaco appropriato.

Raccomandato
  • definizione popolare: pensiero

    pensiero

    Secondo la definizione teorica, il pensiero è ciò che è portato alla realtà attraverso l'attività intellettuale . Pertanto, si può dire che i pensieri sono prodotti elaborati dalla mente , che possono apparire dai processi razionali dell'intelletto o dalle astrazioni dell'immaginazione . Il p
  • definizione popolare: qualità

    qualità

    Le qualità sono le caratteristiche che contraddistinguono e definiscono le persone , gli esseri viventi in generale e le cose. Il termine deriva dalla qualità latina e consente di riferirsi al modo di essere di qualcuno o qualcosa. Una qualità può essere una caratteristica naturale e innata o qualcosa acquisito con il passare del tempo . Qu
  • definizione popolare: logo

    logo

    Un logo è un simbolo che consente l' identificazione di un marchio, un'azienda, un'organizzazione o un prodotto . Conosciuto come logo nel linguaggio colloquiale, è una rappresentazione grafica . Ad esempio: "L'azienda farmaceutica ha presentato il suo nuovo logo in occasione di un evento tenutosi presso l'Hotel Presidente" , "Il comune ha lanciato un concorso per la creazione di un logo" , "Il produttore ha deciso di recuperare il suo vecchio logo per l'uso nel nuovissimo modello di maglia della squadra nazionale di calcio " .
  • definizione popolare: premio

    premio

    Il premio è un concetto che viene utilizzato nel campo del diritto per nominare una risoluzione emessa da un arbitro o un compoundatore amichevole che consente di risolvere una controversia tra due o più parti. La decisione dell'arbitro può essere paragonata alla sentenza dettata da un giudice , sebbene la giurisdizione del giudice sia stabilita dalla legge e la giurisdizione dell'arbitro sia nell'autonomia della volontà. Ci
  • definizione popolare: rielezione

    rielezione

    La rielezione è l' azione e il risultato della rielezione . Questo verbo si riferisce alla scelta di qualcosa di nuovo . L'uso del termine, comunque, è associato all'ambito della politica . La rielezione, in questo senso, consiste nel tornare a votare a un funzionario affinché continui a occupare la stessa posizione. I
  • definizione popolare: suffisso

    suffisso

    La parola latina suffixus deriva in suffisso , un concetto che viene usato in grammatica per denominare l' affisso che viene aggiunto alla fine di una parola . Un affisso, d'altra parte, è una sequenza linguistica che altera il significato di un termine. Suffissi, quindi, sono affissi che vengono posticipati, a differenza dei prefissi (che vengono posti prima della parola).