Definizione demenza

Questo termine deriva da una parola latina correlata a disturbi emotivi; Serve a riferirsi a un disordine nelle funzioni razionali e comunicative. Il suo uso più comune è nel campo della salute psichica ed è usato per parlare di un disallineamento della ragione, che è colloquialmente noto come follia .

demenza

Nel linguaggio quotidiano il concetto folle è usato per riferirsi a tutte quelle persone che hanno uno strano comportamento, senza che sia necessario dimostrare che soffrono di una certa patologia mentale. Alcune frasi in cui viene utilizzato il concetto sono: "L'artista ha iniziato a mostrare segni di demenza in tenera età", "Jorge, nella sua demenza, pensava di aver visto il diavolo e saltò fuori dalla finestra", "A volte mi sento come se fossi al limite di demenza e ho molta paura ", " L'imputato ha denunciato la pazzia temporanea e ha detto di non ricordare nulla di quello che è successo " .

Per la medicina e la psicologia, la demenza è un progressivo e irreversibile deterioramento delle facoltà mentali, che genera condizioni importanti nel comportamento della persona che soffre.

I disturbi cerebrali della demenza causano danni alle funzioni cognitive e finiscono per rendere incapace il soggetto a svolgere le proprie attività quotidiane. La memoria, l'attenzione e il linguaggio sono alcune delle aree che possono essere colpite dalla demenza.

Durante la malattia, il soggetto rischia di perdere l'orientamento spazio-temporale e persino la consapevolezza della propria identità e dei propri cari . Nei casi molto gravi di demenza, i pazienti non conoscono l'anno in cui vivono, il luogo e con chi condividono la loro vita; Capita spesso che ignorino anche la propria identità.

La demenza di solito include delusioni e caratteristiche psicotiche. Il pazzo può assicurare che parli con persone decedute, tra le altre allucinazioni o confusioni.

Dal momento che è un disturbo irreversibile, la demenza non può essere curata. Gli esperti suggeriscono diversi tipi di trattamenti che possono includere farmaci (come analgesici e depressivi del sistema nervoso centrale) e terapia psicologica (con attività per preservare l'attività mentale); tuttavia, hanno obiettivi palliativi, che aiutano il paziente ad affrontare in modo meno violento gli effetti della malattia.

Cause e sintomi

demenza Le cause della demenza possono essere molto diverse: da ictus a condizioni fisiche come tumori cerebrali, bruschi cambiamenti di zucchero o di calcio nel corpo o bassi livelli di vitamina B12.

Tra le condizioni che più comunemente portano alla demenza sono: la malattia di Huntington, la sclerosi multipla, alcune infezioni come l'HIV / AIDS e la malattia di Lyme, la paralisi sopranucleare progressiva, tra molte altre. Alcune di queste condizioni possono essere controllate se vengono rilevate in anticipo, altrimenti potrebbero portare alla perdita assoluta del controllo razionale della persona.

Tra i sintomi più caratteristici di questo disturbo ci sono i disturbi del linguaggio e della memoria, che rendono difficile mantenere un comportamento emotivo e razionale coerente e la distorsione della percezione nell'ambiente. Inoltre, le abilità cognitive (calcolo, pensiero astratto e capacità di discernere) sono chiaramente influenzate. Va detto che fino a quando viene percepito il chiaro deterioramento delle capacità di una persona, si sviluppa un processo che va dall'invisibile al tangibile; lento e graduale.

È noto come mild cognitive impairment (MCI) alla fase caratterizzata dal normale oblio tipico dell'invecchiamento e dalla chiara comparsa della demenza. Molte volte ci sono persone che sembrano dementi ma sono in questa fase, dove è molto difficile dichiarare questa patologia in quanto tale. In effetti, molte persone con lievi disturbi cognitivi non diventano mai dementi.

Raccomandato
  • definizione popolare: nepotismo

    nepotismo

    È noto come nepotismo alla predilezione esagerata che alcuni funzionari pubblici attivi che occupano posizioni pubbliche hanno nei confronti della loro famiglia , amici intimi e amici quando fanno concessioni o assumono dipendenti statali. In questi casi, l' individuo che accede a un lavoro pubblico raggiunge l'obiettivo a causa della sua vicinanza e lealtà al governatore o al funzionario in questione, e non per i suoi meriti o abilità. N
  • definizione popolare: tessuto connettivo

    tessuto connettivo

    Tra i molteplici significati del termine tessuto , questa volta siamo interessati a rimanere con il suo significato in anatomia, zoologia e botanica: un tessuto, in questo caso, è un insieme di cellule che agiscono in modo coordinato con un fine in comune. Connettivo , d'altra parte, è un aggettivo che si riferisce a ciò che collega o collega le parti di qualcosa . L
  • definizione popolare: clinica

    clinica

    Il concetto di clinica viene utilizzato con riferimento alla pratica della medicina (la scienza dedicata a prevenire, diagnosticare e trattare i disturbi, le malattie e i disturbi dell'essere umano). Storicamente, è la diagnosi che viene fatta al paziente in base all'insieme dei sintomi da lui indicati, e secondo criteri medici e completata da un esame fisico e di laboratorio, tenendo conto che la velocità con cui viene effettuata dipende in larga misura il successo del trattamento da seguire.
  • definizione popolare: subcultura

    subcultura

    Il termine sottocultura non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy . La nozione, tuttavia, è molto comune in sociologia e antropologia . Il concetto è usato per chiamare il gruppo di persone che condividono comportamenti e credenze che sono diversi da quelli della cultura dominante nella loro comunità . S
  • definizione popolare: catechesi

    catechesi

    Prima di entrare pienamente nel significato del termine catechesi, scopriremo la sua origine etimologica. In questo caso possiamo stabilire che è una parola di origine latina "catechesi", che, a sua volta, deriva dal greco. In particolare, emana da "katéchesis", che può essere tradotto come "azione per istruire a voce alta". P
  • definizione popolare: collegamento

    collegamento

    Una connessione (dal latino connexĭo ) è un collegamento o un collegamento che unisce una cosa con un'altra. Il termine indica l' azione e l'effetto del collegamento (unire, collegare, stabilire relazioni). Le connessioni possono essere fisiche o simboliche. Il concetto è usato per nominare l'unione di idee o interessi e per designare amicizie. A