Definizione signoria

Señorío è il nome che riceve il dominio o il potere di un gentiluomo . Il concetto si riferisce anche al territorio che appartiene a questa persona e allo status o alla dignità di cui gode.

Sebbene la differenziazione della signoria territoriale e giurisdizionale possa generare varie confusioni, è una classificazione che può essere vista nella maggior parte dei documenti storici relativi a questo argomento. Certo, la difficoltà di comprendere giurisdizioni e diritti non è rara in queste pagine della storia: i limiti di titoli come l'uomo con la forca e il coltello (che potrebbero decidere di porre fine alla vita dei suoi figli) non sono molto evidenti. vasallos), o la portata del diritto di pernada (che permetteva ai signori feudali di avere rapporti sessuali con la cameriera che sceglieva).

Prendendo come riferimento il lavoro di ricerca di Fernando García de Cortázar, uno storico spagnolo nato a Bilbao nel 1942, possiamo capire che il dominio territoriale definisce il potere di cui gode un uomo sulle terre e gli uomini che erano sotto il suo dominio eminente, e che la giurisdizione si riferisce a un dominio legale che ha colpito persone che dipendevano da altri signori.

Il rapporto del padrone territoriale con la terra era più vicino di quello giurisdizionale, e l'estrazione dell'eccedenza veniva effettuata per mezzo di prestazioni lavorative o pagamenti in denaro o in natura. Sebbene la differenza possa sembrare sottile, il signore giurisdizionale non era collegato alla terra allo stesso modo, poiché il servo aveva il dominio utile .

Si potrebbe dire che, in sintesi, il maniero perseguiva un obiettivo fondamentale: riscuotere l' affitto delle terre. Non sembra che ci fossero dei limiti per raggiungerlo, dal momento che la storia parla di una miriade di diritti signorili attraverso i quali il signore ha giustificato la tassazione di tutti i segni di produzione da parte dei contadini, senza trascurare le multe e le sanzioni.

Raccomandato
  • definizione: appropriazione indebita

    appropriazione indebita

    Appropriazione indebita è l' atto e il risultato di appropriazione indebita . Questo verbo , che deriva dalla parola italiana defalcare , allude all'appropriazione di fondi che dovrebbero essere custoditi o amministrati . L'azione può anche riferirsi alla rimozione della fiducia o del favore di qualcuno.
  • definizione: ammissione

    ammissione

    L'ammissione è l' atto e il risultato dell'ammissione (tolleranza, accesso, consenso). Basato sulla parola latina ammissione , l' idea di ammissione può essere utilizzata in diverse aree. Ad esempio: "Sono ansioso: domani verrà definita la mia ammissione all'università" , "Per entrare in questa società dovrai superare un esame di ammissione" , "L'ammissione della somma reale del debito è necessaria per iniziare i negoziati con i creditori" . È no
  • definizione: forca

    forca

    La parola latina patibulum deriva, nella nostra lingua , in patíbulo . Il concetto consente di denominare il sito in cui è specificata un'esecuzione . Il patibolo, noto anche come impalcatura, è solitamente una struttura con una piattaforma in cui viene eseguita una persona condannata alla pena capitale . I
  • definizione: indubitabile

    indubitabile

    Il termine indubitabile , che deriva dalla parola latina indubitabĭlis , si riferisce a ciò che non può essere messo in dubbio . D'altra parte, il verbo da dubitare allude a diffidare di qualcosa o di qualcuno o di non decidere su una cosa o l'altra. L'indubitabile, quindi, non accetta i dubbi perché, per le sue caratteristiche o proprietà, è affidabile, preciso, preciso o preciso . Ad e
  • definizione: deperibile

    deperibile

    La deperibilità è un aggettivo che indica che non è molto durevole e che, pertanto, deve perire (smettere di essere, finire) . Ad esempio: "Non illuderti: questo è qualcosa di perituro; la realtà è molto diversa " , " Non puoi uscire nel deserto e portare con te cibo deperibile " , " La ricchezza materiale è deperibile; i valori sono eterni . "
  • definizione: tipicidad

    tipicidad

    La tipicità è la caratteristica di ciò che è tipico (rappresentativo o particolare di qualche tipo ). Il concetto è solitamente usato nel campo del diritto per nominare ciò che costituisce un crimine perché si adatta a una figura che descrive la legge . In altre parole: la tipicità assume l'adeguatezza di un comportamento ai budget che dettaglia la legislazione su un crimine . Se l&#