Definizione tecnofilia

Tecnofilia è un concetto formato da due termini: tecnologia (le tecniche e le conoscenze che consentono l'uso pratico della conoscenza della scienza) e la philia (attaccamento, simpatia o interesse per qualcosa). La tecnofilia, quindi, è legata all'hobby dei problemi tecnologici.

Questo fenomeno si verifica soprattutto tra gli appassionati di informatica e videogiochi, anche se alcuni tecnofili acquistano anche prodotti che non appartengono necessariamente all'insieme dei dispositivi del loro ramo preferito . Ad esempio, ci sono persone che acquistano ogni versione di una console per videogiochi che arriva sul mercato, anche se differisce solo dalla precedente nel suo colore, semplicemente perché non possono resistere all'idea di avere un nuovo dispositivo. Allo stesso modo, sebbene non sia così interessato alla telefonia mobile, potrebbe anche spendere parte dei suoi soldi sul più recente telefono della sua compagnia preferita, una spesa che di solito non è necessaria dato lo spazio limitato che l'innovazione di solito ha in quest'area.

Alcuni termini usati come sinonimi per i tecnofili sono consumatori compulsivi e dipendenti dalla tecnologia, ma mancano dell'impatto di una singola parola. D'altra parte, ci sono diversi termini con un colorante aggressivo o dispregiativo, come nel caso di tecnobobo, poiché la parola "bobo" è definita come "sciocca, semplice e ingenua".

D'altra parte, a seconda della tecnologia a cui ciascun tecnofilo è dipendente, vi sono profili definiti di ciascuno di essi, poiché vengono trattati separatamente per arrivare al fondo del loro eccessivo bisogno ; È possibile parlare di tossicodipendenti a telefoni cellulari, social network, videogiochi, computer o Internet, tra gli altri e le loro rispettive combinazioni.

Come con altre dipendenze, la tecnofilia può portare a situazioni molto preoccupanti, caratterizzate dall'incuria dell'igiene personale, dall'irregolarità alimentare, dal fallimento scolastico o professionale, dall'aggressività, dalla cattiva comunicazione e, come risultato di tutti loro, solitudine

Raccomandato
  • definizione: omeostasi

    omeostasi

    La prima cosa da fare è stabilire l'origine etimologica del termine omeostasi. In questo caso, possiamo determinare che è una parola che emana dal greco e si apprezza che è composta da due parole greche chiaramente definite: homo , che può essere tradotto come "simile" e stasi , che serve come sinonimo di "stabilità" e di "stato". L&#
  • definizione: tasso di cambio

    tasso di cambio

    Quando si parla del tasso di cambio (un'espressione che è anche menzionata come il tasso di cambio ), si fa generalmente riferimento all'associazione di cambio che può essere stabilita tra due valute di nazioni diverse. Questi dati ti permettono di sapere quanta parte di una moneta X può essere ottenuta offrendo una valuta Y. I
  • definizione: violenza intrafamiliare

    violenza intrafamiliare

    La famiglia è il gruppo sociale più importante degli esseri umani . È una forma di organizzazione basata sulla consanguineità (come la filiazione tra genitori e figli) e l'istituzione di legami sociali (legalmente riconosciuti) e legalmente riconosciuti. I membri di una famiglia abitano abitualmente nella stessa casa e condividono la vita quotidiana. La
  • definizione: dendrologia

    dendrologia

    Il concetto di dendrologia non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ). Sì, sembra, invece, la dendrografia : la disciplina che è responsabile della descrizione degli alberi . La dendrologia e la dendrografia sono termini usati come sinonimi. È una specialità della botanica dedicata all'analisi di piante legnose , in particolare quelle che sono rilevanti per l' economia . La
  • definizione: draga

    draga

    Il verbo dragar si riferisce all'uso di una draga per pulire e approfondire un fiume, un lago, un canale o un altro specchio d'acqua. La draga, d'altra parte, è la macchina che consente di sviluppare questo compito quando si estraggono rocce, sabbia e altri materiali e sedimenti. Durante il dragaggio, è possibile aumentare la profondità di un corso d'acqua . I
  • definizione: generale

    generale

    Dal latino generalis , il generale è comune a molti oggetti di diversa natura oa tutti gli individui che fanno parte di un tutto . L'aggettivo permette di nominare quello comune, normale o frequente . Ad esempio: "La pelliccia arancione è una caratteristica generale di questa razza" , "Il popolo italiano è molto chiassoso in generale" , "La violenza è una caratteristica generale di tutte le loro produzioni" . Il