Definizione meccanismo

Il concetto di meccanismo ha origine nel termine latino mechanisma e si riferisce alla totalità formata dai vari componenti di un macchinario e che sono nella disposizione che conduce al suo corretto funzionamento.

meccanismo

Nelle macchine, è chiamato meccanismo per il raggruppamento delle sue componenti che sono mobili e sono collegate tra loro attraverso diversi tipi di sindacati; questo rende quella struttura in grado di trasmettere forze e movimenti. Il meccanismo è responsabile di consentire tale trasmissione.

Alcuni esempi in cui compare il termine: "Non capisco il meccanismo di questa macchina: perché non funziona correttamente?", "Ho bisogno di acquistare alcune parti per riparare il meccanismo dell'orologio" .

Perché un meccanismo sia considerato come tale è necessario che sia formato da una serie di componenti, che sono: collegamento (elemento rigido che trasmette il movimento da un punto all'altro fondamentale per il meccanismo da attivare), nodo (unifica due collegamenti tra loro in modo che attraverso di esso il movimento sia comunicato) e insieme, noto anche come coppia cinematica, (consente al link e al nodo di funzionare correttamente, indicando l'unione tra i diversi collegamenti come parti di un tutto).

I meccanismi possono essere classificati in base a molte variabili:

* Secondo il numero di collegamenti possono essere binari, ternari o quaternari
* Secondo la funzione possono essere fissati, conduttori, trasduttori o pilotati
* In base al movimento che provocano possono essere fissati, manovella, biella o scorrevole .

D'altra parte, per quanto riguarda i nodi, a seconda di ciò che viene utilizzato nella struttura, il tipo di meccanismo varierà perché il movimento sarà diverso. Nel caso della manovella, ad esempio, il movimento che fa è rotatorio, mentre il movimento fatto da un meccanismo con uno scivolo è traslazionale .

Altri usi del termine

Ma un meccanismo non si riferisce solo a una struttura fisica e solida che consente di effettuare un movimento continuo, causando conseguenze a catena. Il dizionario dell'Accademia Reale Spagnola aggiunge che la nozione può riferirsi alla composizione strutturale di un corpo (che può essere sia naturale che artificiale) e al modo in cui le parti che lo costituiscono sono combinate.


A volte il termine può riferirsi a qualcosa di astratto, come nel caso dei meccanismi di difesa . Quest'ultimo è un concetto usato in psicologia per esprimere quelle azioni cognitive che si sviluppano nella vita di una persona per difendersi da possibili pericoli esterni. Ad esempio, le persone che hanno subito abusi sessuali, possibilmente da adulti, tendono a boicottare qualsiasi situazione in cui possano essere coinvolti in un atto sessuale o in cui si sentano sessualmente desiderati.

Meccanismi usati nelle arti per realizzare un movimento sociale che genera un cambiamento o le fasi che avvengono all'interno di una certa procedura sono anche noti come meccanismi.

Nel linguaggio colloquiale, la nozione di meccanismo è usata con riferimento a una metodologia o operazione . In questo senso, i meccanismi possono essere fisici o astratti e fare riferimento a problemi reali o simbolici.

Il manager di un'azienda, quindi, può consultare il dipendente che ha fatto una proposta sul lancio di un nuovo prodotto che sarebbe il meccanismo che pensava di realizzare installando la novità sul mercato. L'allenatore di una squadra di calcio, d'altra parte, può progettare diversi meccanismi di difesa per contenere gli attacchi dell'avversario.

Raccomandato
  • definizione popolare: carosello

    carosello

    Prima di conoscere il significato del termine carosello, procederemo a scoprire la sua origine etimologica. In questo caso, dobbiamo affermare che è una parola che deriva dal francese "carrousel", che a sua volta deriva dall'italiana "carosela". Tuttavia, non va trascurato che quest'ultimo deriva anche dall'arabo, in particolare da "kurradj" che può essere tradotto come "gioco di cavalli per bambini".
  • definizione popolare: città

    città

    La città , dalla civitas latina, è l' area urbana che presenta un'alta densità di popolazione , composta da abitanti che di solito non si dedicano ad attività agricole . La differenza tra città e altre entità urbane è data dalla densità della popolazione, dallo stato giuridico o da altri fattori. Va det
  • definizione popolare: lastra

    lastra

    Una lastra è una pietra liscia , di poco spessore, che viene utilizzata nel cantiere . Con le lastre il pavimento è pavimentato, i tetti sono sviluppati e le pareti sono rivestite, per esempio. Le lastre, quindi, sono materiali costruttivi . Oltre il suo uso negli edifici, fin dall'antichità vengono utilizzati per sviluppare diversi tipi di strutture . C
  • definizione popolare: limitazione

    limitazione

    Dal limite latino, la limitazione è l' azione e l'effetto di limitazione o limitazione . Il verbo limitante si riferisce al porre limiti a qualcosa, mentre la nozione di limite è legata a una linea che separa due territori, al punto in cui arriva un certo tempo , all'estremo che può raggiungere il psichico e il fisico o una restrizione. L
  • definizione popolare: membrana plasmatica

    membrana plasmatica

    Una membrana è, nel campo della biologia, un tessuto molle che si sviluppa come un foglio. È classificato come plasma , nel frattempo, ciò che è collegato al plasma (la parte liquida della linfa o del sangue, che presenta le cellule in sospensione). La membrana plasmatica è la struttura laminare che definisce la cellula . È c
  • definizione popolare: nomade

    nomade

    Dal latino nomas , che a sua volta deriva da una parola greca, il termine nomade permette di riferirsi a chi va da un luogo all'altro senza stabilire una residenza fissa . Il concetto è legato alla persona che è in viaggio o spostamento costante e si oppone alla nozione di sedentario . Un popolo nomade è uno che non vive in un territorio stabile come residenza permanente. Q