Definizione massimizzare

Massimizza è un termine che si riferisce alla ricerca delle massime prestazioni . La massimizzazione consiste nel sfruttare o sfruttare il più possibile determinate risorse o funzioni .

massimizzare

Ad esempio: "Dobbiamo acquistare nuovi macchinari per massimizzare lo sfruttamento dei cereali", "Ridurre i costi è una necessità se vogliamo massimizzare i profitti", "Gli imprenditori sbagliano se vogliono massimizzare i loro profitti attraverso il licenziamento dei dipendenti" .

L'azione di massimizzazione può essere sviluppata in modi diversi nel campo dell'economia e della produzione . Alcune delle opzioni per massimizzare un certo sfruttamento sono l'introduzione della tecnologia, il taglio dei costi e qualsiasi decisione che tende ad aumentare la produttività.

In questo senso, massimizzare le prestazioni di un'azienda può essere uguale all'ottimizzazione dell'uso delle sue risorse, ovvero trovare il modo migliore per trarne vantaggio. Il concetto di ottimizzazione è molto presente al giorno d'oggi, anche nel mondo dei computer, dove diventa necessario fare una manutenzione frequente dei dispositivi e cercare nuovi e più efficienti modi di usare la memoria per evitare che le loro prestazioni diminuiscano dopo un tempo di utilizzo.

Al di fuori del regno dell'economia e della matematica, il termine massimizzare può essere usato con un senso simile all'esagerazione, portando una situazione ai suoi estremi o, addirittura, al di là di essi. Chiedere a qualcuno di non massimizzare un problema può essere lo stesso implorandolo di non prendere le cose fuori dalla scatola, non di distoglierle dal loro corso naturale.

massimizzare La nozione di massimizzazione viene utilizzata anche nell'informatica . I programmi per computer ( software ) che funzionano con Windows, come nei sistemi operativi come Windows, offrono la possibilità di ingrandire o ridurre l'area di lavoro. In questo modo, è possibile che la finestra occupi l'intero schermo o, nella direzione opposta, scompaia dalla vista dell'utente e si riduca a una piccola icona nella barra delle applicazioni.

Massimizzare una finestra, in questo senso, è portare la finestra alla sua massima implementazione. Questa azione si sviluppa facendo clic sul pulsante corrispondente, che ingrandisce la finestra. Altre opzioni legate alla gestione delle finestre sono di minimizzare (al contrario di massimizzare) e chiudere: "Per vedere tutti gli effetti disponibili, devi massimizzare la finestra", "Non posso lavorare in questo modo: massimizzerò la finestra per avere tutti i dati sullo schermo . "

Vale la pena ricordare che in alcune applicazioni con contenuti grafici e in alcuni videogiochi, l'azione di massimizzazione può distorcere l'immagine. Ad esempio, se un programma con risoluzione A x B viene eseguito in un ambiente che lo supera ma mostra anche una proporzione diversa (noto anche come nome del rapporto di formato ), tra i più popolari sono 4: 3, 16 : 9 e 16:10) il design può subire un'importante deformazione. Per evitare situazioni di questo tipo, gli sviluppatori hanno sempre la possibilità di impedire il ridimensionamento della finestra.

Una delle prime differenze superficiali che si possono vedere tra i popolari sistemi operativi Windows e Mac OS è la posizione dei pulsanti minimizzare, ingrandire e chiudere le finestre: nel primo sono a destra mentre nel secondo, a la sinistra. Questo può sembrare un dettaglio minore, ma il cambiamento è particolarmente difficile dopo essersi abituato a uno di essi. Molti potrebbero chiedersi perché le aziende non sono d'accordo e stabilire una convenzione in materia, ma la risposta potrebbe risiedere proprio in quella piccola seccatura che, come nazionalismo, attrae ogni utente al suo vecchio e ben noto sistema operativo.

Raccomandato
  • definizione popolare: cordofono

    cordofono

    Prima di entrare pienamente nel significato del termine cordófono, procederemo a conoscere la sua origine etimologica. In questo caso, possiamo affermare che è una parola che deriva dal greco, esattamente da "chordae", che può essere tradotto come "cuerda". Il termine cordófono non compare nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ). Il
  • definizione popolare: favola

    favola

    La parola favola deriva dal termine latino fabŭla . Come spiegato nel dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) , è una storia di finzione che manca di grande estensione, può essere sviluppata in versi o in prosa e ha come caratteristica principale la volontà didattica . In genere, la favola insegna attraverso una morale che chiude la storia in questione. Ad
  • definizione popolare: tono

    tono

    Il concetto di tono viene dal tono latino, che a sua volta deriva da una parola greca che significa "tensione" . Il termine ha diversi usi e significati, essendo il più frequente legato ai suoni . Nel campo dell'acustica, quindi, il tono è la proprietà dei suoni che possono essere ordinati da acuti a gravi in ​​base alla loro frequenza . La pe
  • definizione popolare: cubo

    cubo

    In geometria , un cubo è un corpo formato da sei facce che sono quadrate. La particolarità di questi corpi è che tutti i volti sono congruenti, sono disposti in modo parallelo e in coppia, e hanno quattro lati. Tenendo conto di queste caratteristiche, è possibile posizionare i cubi in gruppi diversi. Qu
  • definizione popolare: vertice

    vertice

    Il vertice parola deriva dalla summa latina e significa il punto più alto di qualcosa . Dall'analisi topografica, è il punto di una superficie che è più alta di altitudine rispetto a tutti i punti immediatamente adiacenti ad essa. Per la matematica , d'altra parte, la cima è il massimo locale di una funzione . Nel
  • definizione popolare: medievale

    medievale

    La nozione di medievale allude a quella legata al Medioevo , chiamata anche Medioevo e Medioevo . Questo è il periodo storico iniziato nel V secolo e durato fino alla fine del XV secolo . L'inizio del periodo medievale è di solito stabilito nel 476 , quando l' Impero Romano d'Occidente cadde.