Definizione cannibale

Un cannibale è una persona che incorre nel cannibalismo : cioè, ingerisce carne umana. I cannibali, quindi, sono esseri umani che mangiano esseri umani .

cannibale

Il concetto, tuttavia, può essere usato in senso più ampio per nominare il membro di qualsiasi specie che si nutre della carne di altri esemplari della stessa specie .

L'origine etimologica del termine si trova nella lingua taíno . Quando gli europei trovarono gli aborigeni americani che erano antropofagi, li chiamarono una parola del popolo nativo che, in realtà, si riferiva ad audacia o audacia.

È probabile che la prima forma della parola cannibale fosse cariba o caniba, e che sia sorta come una deformazione del termine caraibico . Per il popolo di Arawak (noto anche come Arawak ), insediamenti indigeni nella regione circumcaribe del tempo della conquista, il termine in questione significava "nemico", esattamente ciò che i Carabi rappresentavano per loro.

Quando Cristoforo Colombo raggiunse l'attuale continente americano, sull'isola di Hispaniola, incontrò queste tribù e vide per la prima volta l'antropofagia. Secondo i documenti dell'epoca, i Caraibi combatterono contro gli Arawak per rubare i loro averi e approfittarono degli attacchi per catturare i loro figli, che in seguito li castrarono e li nutrirono fino a quando li mangiarono.

Nei tempi antichi, il cannibalismo era una pratica di diversi gruppi umani ereditati dai loro antenati . Con il passare del tempo, l'antropofagia era legata a certi rituali . C'erano persone che erano cannibali solo in certi momenti e per una ragione legata alla cultura.

Attualmente il cannibalismo è una pratica punibile dalla legge e condannata a livello sociale. Tra le ragioni per cui un essere umano può agire in questo modo oggi sono la fame estrema, i disturbi mentali o la partecipazione di un'organizzazione criminale.

La stragrande maggioranza delle persone è disgustata dal pensiero di mangiare carne umana, e ciò rende ancora più difficile capire il cosiddetto carnismo, cioè l'ideologia o l'insieme di credenze organizzate in un sistema che condiziona gli esseri gli umani mangiano carne e altri prodotti animali. Perché qualcuno può divorare una bistecca con gusto e contorcersi disgustato dalla semplice idea di cannibalismo? In parte, perché non caccia con le sue stesse mani o strappa la mucca prima di tagliarla e cucinarla.

Negli ultimi decenni, tuttavia, ci sono stati casi di individui che sono stati costretti ad agire come cannibali in situazioni estreme. Un caso famoso fu quello accaduto nel 1972 nella Cordillera de los Andes, quando un aereo con a bordo giocatori di rugby uruguaiano cadde sulla montagna ei sopravvissuti dovettero mangiare alcuni dei passeggeri morti per sopravvivere.

Ci sono state anche storie di soggetti con squilibri mentali che hanno fatto ricorso al cannibalismo dopo aver commesso un omicidio. Come Dorángel Vargas, un serial killer e cannibale che ha recitato in Venezuela alla fine degli anni '90 .

Il cannibalismo come concetto si oppone all'organizzazione ideale di una specie, poiché la natura si aspetta che tutti noi raggiungiamo l' equilibrio in un altro modo: mangiando gli individui di altre specie, siano essi animali o piante, per impedire che le loro popolazioni aumentino in modo sproporzionato.

Se osserviamo i gruppi di cacciatori naturali, come lupi o leoni, noteremo che le loro popolazioni tendono ad essere considerevolmente più piccole di quelle delle loro prede, e ciò rafforza quanto detto nel paragrafo precedente. Se i lupi mangiassero tra loro, non solo si estinguerebbero, ma gli animali che precedentemente formavano parte della loro dieta si sarebbero riprodotti in eccesso e questo avrebbe avuto molte conseguenze negative.

Raccomandato
  • definizione popolare: guida

    guida

    La guida è l' azione e l'effetto della guida (trasportare, trasportare, guidare, dirigere). Il termine deriva dalla parola latina conductio e ha diverse applicazioni e usi. La conduzione dell'elettricità è la trasmissione della carica elettrica attraverso un cavo o un altro corpo . Il concetto è usato in modo simile per riferirsi alla conduzione del calore . La
  • definizione popolare: risultato

    risultato

    Il risultato è il corollario , la conseguenza o il risultato di una certa situazione o di un processo . Il concetto è usato in modi diversi a seconda del contesto. Nello sport , il risultato è chiamato l' equilibrio che lancia una competizione e ciò significa, alla fine, la determinazione del vincitore. Se
  • definizione popolare: risoluzione

    risoluzione

    È noto come risoluzione dell'atto e conseguenza del risolvere o risolvere (cioè trovare una soluzione a una difficoltà o prendere una decisione decisiva). Il termine può essere usato per indicare il coraggio o il coraggio o la mente per fare una certa cosa. Ad esempio: "L'attaccante si è trovato di fronte alla risoluzione e preso a calci dall'esterno dell'area" , "Ti consiglio di entrare nel tuo ufficio con una risoluzione e informarlo che non hai intenzione di rimanere dopo ore" , "Se non agisci con risoluzione, ti passeranno sopra" . Una
  • definizione popolare: grammatica

    grammatica

    La grammatica è la scienza che ha come oggetto di studio le componenti di un linguaggio e le sue combinazioni. Il concetto trova la sua origine nel termine latino grammatĭca e si riferisce, d'altro canto, all'arte di padroneggiare correttamente un linguaggio , sia dal parlato che dalla scrittura.
  • definizione popolare: lotteria

    lotteria

    Una lotteria è una competizione che prevede di tenere una lotteria tra un gruppo di persone. Quello che viene estratto, è il vincitore della lotteria e, pertanto, viene assegnato il premio stabilito. Ad esempio: "Ieri sera ho vinto la lotteria del club e ho preso una nuova bicicletta" , "Stiamo andando a organizzare una lotteria per raccogliere fondi e quindi essere in grado di coprire le spese del viaggio" , "Abbiamo venduto pochi numeri della lotteria" .
  • definizione popolare: umiltà

    umiltà

    L'umiltà è la virtù che consiste nel conoscere i propri limiti e debolezze e agire secondo quella conoscenza. Il termine deriva dalla parola latina humilitas . Si potrebbe dire che l'umiltà è l'assenza di orgoglio . È una caratteristica caratteristica di soggetti modesti, che non si sentono più importanti o migliori degli altri, indipendentemente da quanto siano arrivati ​​nella vita. Ad esempi