Definizione perfezione

Se vogliamo sapere, in primo luogo, l'origine etimologica del termine perfezione, dobbiamo andare, simbolicamente parlando, al latino. Ed è derivato dalla parola "perfectio", che può essere tradotto come "l'azione di lasciare qualcosa finito" e che è composta da tre parti differenti:
-Il prefisso "per", che equivale a "completamente".
-Il verbo "facere", che è sinonimo di "fare".
-Il suffisso "-ción", che viene utilizzato per indicare "azione ed effetto".

perfezione

La perfezione è un concetto che si riferisce alla condizione di ciò che è perfetto . Il perfetto, d'altra parte, è ciò che non ha errori, difetti o difetti : è, quindi, qualcosa che ha raggiunto il massimo livello possibile.

Ad esempio: "L'evento è stato sviluppato alla perfezione, secondo il piano", "Il gioco progettato dall'allenatore si è riflesso nel campo nella perfezione e la squadra locale potrebbe vincere di un punto", "Ciascuno dei nostri I disegni aspira alla perfezione . "

Nel campo del diritto, il termine con cui ora ci stiamo occupando è molto usato. In particolare, è usato per riferirsi a quel momento di una procedura in cui sono soddisfatti tutti i requisiti stabiliti. Una situazione che conduce, quindi, alla nascita di entrambi i diritti e gli obblighi di coloro che li hanno raccolti.

L'idea della perfezione può variare in base alla concezione filosofica. Per i cattolici, l'unica cosa perfetta è Dio : non esiste la perfezione al di fuori di Lui. In questo senso, è impossibile raggiungere la perfezione in ogni azione o creazione dell'essere umano .

È possibile, tuttavia, affermare che qualcosa ha raggiunto la perfezione quando si sviluppa come era inteso. In questo caso, la perfezione è associata a un obiettivo soddisfatto, senza registrare i fallimenti. Se in un festival artistico il cronogramma viene eseguito senza alterazioni, gli artisti sono soddisfatti della loro partecipazione e il pubblico gode dell'evento, si può dire che tutto è andato alla perfezione.

All'interno della psicologia, c'è ciò che è noto come perfezionismo. È la convinzione che crede che la perfezione possa e debba essere raggiunta. Quindi, è visto come un modo per incoraggiare le persone a lottare, motivare e cercare di ottenere tutto ciò che hanno proposto.

Tuttavia, c'è chi crede che questa idea non faccia altro che danneggiare l'essere umano, opprimerlo e sottoporlo sempre a raggiungere la perfezione nei vari aspetti della sua vita. Tanto che si ritiene che possa portare anche a depressione e stress considerevole.

La perfezione può anche essere soggettiva e legata all'estetica . Un individuo può credere che un certo dipinto o uno scultore rifletta perfettamente ciò che intende trasmettere, mentre un altro soggetto può pensare qualcosa di diverso e considerare che il lavoro in questione ha dei difetti nella sua presentazione.

Raccomandato
  • definizione: biodiesel

    biodiesel

    Il biodiesel è un biocarburante che viene utilizzato come sostituto del gasolio , un carburante noto anche come gasolio o gasolio . È una sostanza prodotta da grassi animali o oli di origine vegetale sottoposti a diversi processi industriali. Il biodiesel viene solitamente miscelato con il gasolio proveniente dal petrolio .
  • definizione: viale

    viale

    Boulevard è un termine francese che non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ). La parola che appare è boulevard , derivata da questo concetto della lingua francese. Comunque, è normale che nella nostra lingua si usi anche la parola viale. Un viale o un viale, in breve, è una strada o un viale alberato che si distingue per essere molto ampio . In
  • definizione: totale

    totale

    Per trovare il significato del termine proferir, la prima cosa da fare è determinare la sua origine etimologica. E in questo senso possiamo stabilire che deriva dal latino, in particolare dal verbo "proferre", che può essere tradotto come "dichiarare o manifestare" e che è composto da due parti differenti: -Il prefisso "pro-", che significa "avanti". -
  • definizione: pensiero magico

    pensiero magico

    Prima di addentrarci pienamente nella spiegazione del significato del pensiero magico, è necessario procedere alla determinazione dell'origine etimologica delle due parole che compongono il termine. Nello specifico, nel fare ciò scopriamo le seguenti caratteristiche: • Il pensiero, emana dal latino. Pi
  • definizione: vivace

    vivace

    Vivace , originario della parola latina vivax , è un aggettivo che può riferirsi a quello o che ha energia , vigore o forza . Ad esempio: "La madre, esausta, si è seduta sulla panchina mentre la sua vivace figlia continuava a correre e saltare" , "Dopo un mese in ospedale, lo scrittore è stato visto sorridente e vivace per il compleanno del suo editore" , " Abbiamo una città vivace e prospera che non smette di crescere " . È m
  • definizione: poligono

    poligono

    In greco. In questa lingua è dove possiamo trovare chiaramente l'origine etimologica del termine poligono che analizzeremo in profondità di seguito. Più esattamente possiamo determinare che quell'origine è nell'unione di due parole: poly , che può essere tradotto come "molti", e gono che è sinonimo di "angolo". Quin