Definizione ricapitolazione

La ricapitolazione è il processo e il risultato della ricapitolazione . Questo verbo, che ha la sua origine etimologica nella parola latina ricapitolare, si riferisce al riassunto o promemoria che è fatto di qualcosa che è stato espresso oralmente o attraverso una scrittura.

È importante ricordare che i programmi che raggiungono i massimi livelli di audience sono quelli che generano la relazione più stretta tra loro e i canali televisivi; durante le vacanze, la programmazione acquisisce solitamente una tinta più "familiare", soprattutto nel periodo natalizio, e questo può mantenere il legame con una parte del pubblico, ma certamente non lo raggiunge con il cento per cento.

Nel campo della biologia, la teoria della ricapitolazione (nota anche come legge biogenetica ) sostiene che l'ontogenesi è responsabile della ricapitolazione della filogenesi. Diamo un'occhiata a questi due concetti in dettaglio di seguito:

* ontogenesi : è lo sviluppo di un organismo dal momento in cui uno zigote viene fecondato, ciò che avviene attraverso la riproduzione sessuale, attraversando la sua età adulta e raggiungendo la sua senilità. In altre parole, è la storia dei cambiamenti che un'unità attraversa nella sua struttura senza perdere la sua organizzazione;

* filogenesi : è definita come la relazione tra genitori e figli di taxa (gruppi di organismi che hanno una certa parentela) o specie in generale. Questa parte della biologia evolutiva si basa su matrici di informazioni di vario tipo per studiare l'evoluzione di diversi gruppi e le loro relazioni.

Dallo sviluppo della teoria sintetica, che integra la teoria genetica guidata da Gregor Mendel, dalla teoria evolutiva di Charles Darwin e da altri postulati, la teoria della ricapitolazione ha perso forza, sebbene ancora fino ad oggi il legame tra ontogenesi e filogenesi.

Raccomandato
  • definizione: omeostasi

    omeostasi

    La prima cosa da fare è stabilire l'origine etimologica del termine omeostasi. In questo caso, possiamo determinare che è una parola che emana dal greco e si apprezza che è composta da due parole greche chiaramente definite: homo , che può essere tradotto come "simile" e stasi , che serve come sinonimo di "stabilità" e di "stato". L&#
  • definizione: tasso di cambio

    tasso di cambio

    Quando si parla del tasso di cambio (un'espressione che è anche menzionata come il tasso di cambio ), si fa generalmente riferimento all'associazione di cambio che può essere stabilita tra due valute di nazioni diverse. Questi dati ti permettono di sapere quanta parte di una moneta X può essere ottenuta offrendo una valuta Y. I
  • definizione: violenza intrafamiliare

    violenza intrafamiliare

    La famiglia è il gruppo sociale più importante degli esseri umani . È una forma di organizzazione basata sulla consanguineità (come la filiazione tra genitori e figli) e l'istituzione di legami sociali (legalmente riconosciuti) e legalmente riconosciuti. I membri di una famiglia abitano abitualmente nella stessa casa e condividono la vita quotidiana. La
  • definizione: dendrologia

    dendrologia

    Il concetto di dendrologia non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ). Sì, sembra, invece, la dendrografia : la disciplina che è responsabile della descrizione degli alberi . La dendrologia e la dendrografia sono termini usati come sinonimi. È una specialità della botanica dedicata all'analisi di piante legnose , in particolare quelle che sono rilevanti per l' economia . La
  • definizione: draga

    draga

    Il verbo dragar si riferisce all'uso di una draga per pulire e approfondire un fiume, un lago, un canale o un altro specchio d'acqua. La draga, d'altra parte, è la macchina che consente di sviluppare questo compito quando si estraggono rocce, sabbia e altri materiali e sedimenti. Durante il dragaggio, è possibile aumentare la profondità di un corso d'acqua . I
  • definizione: generale

    generale

    Dal latino generalis , il generale è comune a molti oggetti di diversa natura oa tutti gli individui che fanno parte di un tutto . L'aggettivo permette di nominare quello comune, normale o frequente . Ad esempio: "La pelliccia arancione è una caratteristica generale di questa razza" , "Il popolo italiano è molto chiassoso in generale" , "La violenza è una caratteristica generale di tutte le loro produzioni" . Il