Definizione paziente

Dal latino patĭens ( "soffrire", "soffrire" ), il paziente è un aggettivo che si riferisce a chi ha pazienza (la capacità di sopportare o soffrire qualcosa, di fare cose meticolose o di saper aspettare).

paziente

Il termine è spesso usato per nominare la persona che soffre fisicamente e che, quindi, è sotto cure mediche . Ad esempio: "Il paziente è stato ricoverato in ospedale questa mattina e alcune ore dopo ha dovuto subire un intervento chirurgico a causa della gravità delle ferite", "Oggi farò tardi a casa: ho ancora dieci pazienti nel reparto. aspetta ", " Sono stato un paziente del Dr. Rubrovich per quindici anni " .

Proprio questa attenzione è composta da diverse fasi che consentiranno al malato di essere trattato nel modo più conveniente e di risolvere la malattia o la ferita con cui ha raggiunto il centro sanitario pertinente. Nello specifico, l'attenzione è divisa nell'identificazione dell'intero insieme di sintomi che ha, la diagnosi che il medico corrispondente svolge, il trattamento, l'intervento chirurgico nel caso in cui sia necessario e infine il risultato.

I professionisti del ramo sanitario è importante che al momento di svolgere il loro lavoro sono molto chiari che ci sono diversi tipi di pazienti per quanto riguarda la personalità, la pazienza e l'empatia con i medici e gli infermieri. Quindi, sulla base di queste qualità, questi esperti dovrebbero sapere che si imbatteranno nei seguenti pazienti:
• Coloro che sanno tutto Queste persone considerano che sanno non solo ciò che accade loro, ma anche il trattamento che dovrebbero ricevere. Monopolizzano la conversazione in ogni momento, si dedicano a "dirigere" i professionisti e manifestano apertamente contro le opzioni e gli esami che non sono conformi a ciò che ritengono appropriato.
• I timidi. Persone silenziose, che accettano tutto ciò che viene detto loro e che non chiedono nulla anche se non capiscono ciò che viene loro spiegato.
• Gli scettici. Sono quelli che diffidano in ogni momento degli argomenti che vengono raccontati e che mettono in discussione la professionalità di coloro che li servono.
• Persone riflessive, che vengono identificate ascoltando i consigli dati a loro e che chiedono molto sul trattamento che stanno per subire.

Un soggetto paziente è colui che è tollerante e può aspettare il tempo necessario per raggiungere un determinato obiettivo senza essere disturbato: "Mio padre mi ha detto di essere paziente, ma la verità è che sono molto ansioso di conoscere il risultato dello studio" "Jorge è sempre stato un uomo paziente: non ha preso le vacanze per dieci anni per salvare ed essere in grado di comprare la sua casa", "L'allenatore ha dimostrato di essere una persona paziente dando opportunità ai giovani ma senza esporli o accelerare il loro sviluppo" .

Per la grammatica, il soggetto paziente è colui che riceve l'azione del verbo. Pertanto, è il sintagma che svolge la funzione sintattica del soggetto dei verbi passivi: "Don Carlos è amato da tutti" è una frase in cui "Don Carlos" è il soggetto paziente.

In un senso simile, la filosofia sostiene che il soggetto paziente è colui che riceve o subisce l'azione di un agente.

Raccomandato
  • definizione: causa onoraria

    causa onoraria

    La frase latina honoris causa può essere tradotta con "onore" . L'espressione è usata per riferirsi al dottorato assegnato con l'intenzione di riconoscere un merito straordinario . Un medico onorario , quindi, è un individuo che un'università si è distinta per i suoi risultati. Que
  • definizione: prisma

    prisma

    Il prisma viene dal prisma latino e ha il suo antecedente più remoto in una parola greca. Nel campo della geometria , un corpo è conosciuto come un prisma i cui limiti sono stabiliti da una coppia di poligoni uguali e piatti, disposti in parallelo, e da vari parallelogrammi, in base al numero di lati che hanno le loro basi.
  • definizione: cifra

    cifra

    Il termine cifra deriva da digĭtus , una parola latina che può essere tradotta come "dito" . Nel campo della matematica , il numero che viene espresso attraverso una singola cifra è chiamato una cifra (le cifre sono le cifre oi segni usati per esprimere una quantità). Ciò significa che, nella numerazione decimale , i numeri delle cifre sono dieci: 0 , 1 , 2 , 3 , 4 , 5 , 6 , 7 , 8 e 9 . Con
  • definizione: australe

    australe

    Con origine etimologica nella parola latina australis , il termine austral può essere usato come aggettivo o come sostantivo . Nel primo caso, è un qualificatore utilizzato in geografia e astronomia con riferimento a ciò che appartiene al sud . Ricorda che il sud è il punto cardinale che si trova dietro la persona che, alla sua destra, ha l'est. Il
  • definizione: tubare

    tubare

    La parola che ora ci occupa, dobbiamo sottolineare che è una parola che emana da una onomatopea. In particolare, viene da ciò che viene espresso come "rrru rrruuu" e che è usato per riferirsi ai suoni fatti dai piccioni. Lullaby è un concetto che può essere utilizzato in diversi contesti e con significati diversi. Il
  • definizione: faro

    faro

    È conosciuto come un segnale di segnalazione che, sia mobile o fisso, è installato in un luogo per fare un avvertimento o con l'intenzione di guidare il traffico del veicolo . L'atto di segnalare con i beacon è chiamato beaconing , mentre il suo risultato è chiamato beaconing . I beacon, in breve, sono elementi che servono ad avvisare di un eventuale pericolo o rischio . La