Definizione buon senso

Il buon senso è la conoscenza e le convinzioni condivise da una comunità e considerate prudenti, logiche o valide. Si tratta della naturale capacità di giudicare eventi ed eventi in modo ragionevole .

sentenza

Nelle città, per esempio, il buon senso offre una serie di regole e di prevenzione che aiutano i suoi abitanti a muoversi facilmente in ambienti molto affollati e rumorosi, oltre che antigienici e sicuri. Tuttavia, queste regole non hanno necessariamente validità al di fuori del terreno asfaltato: in un insediamento rurale, ad esempio, un piccione è un altro animale e l'oscurità può essere la fonte di ispirazione per un poema, mentre nella città è un messa a fuoco di infezioni e un'altra di rapina a mano armata.

Questo senso è spesso menzionato come una capacità naturale di persone che non richiedono studi o ricerche teoriche, ma piuttosto sorgono nella vita di tutti i giorni dalle esperienze vissute e dalle relazioni sociali, sebbene in gran parte siano nutrite dal retaggio che riceviamo. durante l'allevamento.

La dinamica del senso comune implica conoscere le qualità acquisite dai sensi esterni e confrontarle con le esperienze precedentemente raccolte. Questo processo è realizzato da questo senso interno e configura la percezione.

Non pensare: usa il buon senso

Buon senso Il buon senso ci invita a smettere di pensare, a prendere la via più breve: la saggezza popolare . In ogni comunità, i gruppi più forti decidono giorno per giorno le tendenze da seguire e le norme di comportamento accettabile; ripensano costantemente il design del profilo del modello cittadino, con le sue possibili varianti che ruotano attorno all'età e al genere.

A loro volta, tutti sono basati su certi problemi universali o comuni a molte società : non restare nudi sulle strade pubbliche, non rubare, non suonare musica ad alti volumi dopo una certa ora della notte e non attaccare spontaneamente altre persone. Sicuramente, tutte queste cose suscitano l'espressione "è buon senso".

Il problema inizia quando qualcuno supera la linea stabilita da questa serie intangibile di regole, dato che il loro ambiente di solito non ha abbastanza strumenti per giudicarlo o capirlo; Quante persone si libereranno dei loro vestiti nel mezzo di una strada nel bel mezzo della giornata, quante persone saranno in grado di dire perché hanno agito male? L'ha fatto?

Il buon senso dice che non dovrebbe essere fatto, ma non ne fornisce molte ragioni e di solito è protetto da spiegazioni assolutamente discutibili, come "i bambini non dovrebbero vedere corpi nudi", "nessuno ha interesse a vedere gli altri senza vestiti" o, semplicemente, "è offensivo". A tutto questo si può rispondere perché, perché e perché?

Il fondamento del buon senso può essere così debole, così sottile, che basta una semplice situazione per renderlo obsoleto. E in nessun modo questo testo mira a promuovere la violazione delle norme sociali, ma cerca di raggiungere le ragioni che hanno portato la nostra specie a pensare che il nostro corpo sia fonte di disgusto e vergogna, dal momento che il resto della specie non la considera così e migliaia di anni fa, neanche noi.

Infine, è molto interessante osservare che migliaia di persone mosse dal buon senso finiscono per consumare creazioni di quei pochi che non ce l'hanno o che non la rispettano, che si tratti di dispositivi elettronici, servizi o arte in generale. C'è una sorta di eccezione di cui non si parla, che ci impedisce di giudicare il senso comune delle stelle e dei geni che rinnovano le nostre fonti di intrattenimento e gli accessori che rendono la nostra vita più confortevole giorno dopo giorno.

Raccomandato
  • definizione popolare: cheratina

    cheratina

    Prima di entrare pienamente in quello che è il significato del termine cheratina, possiamo procedere a conoscerne l'origine etimologica. Così, ci imbattiamo nel fatto che, come stabilito nel Dizionario della Royal Academy of the Language, deriva dal greco. Più esattamente deriva da "keratine", che può essere tradotto come "corno". La
  • definizione popolare: rinascita

    rinascita

    Il Rinascimento è la conseguenza dell'essere rinati ( rinascere ). Il concetto è spesso usato per nominare la rinascita o la rivitalizzazione di qualcosa o qualcuno. Ad esempio: "Dopo diversi mesi di scarsi risultati, il tennista vinse tre tornei consecutivi e confermò la sua rinascita" , "La rinascita della città avvenne grazie al boom del turismo" , "Il quarto album segnò la rinascita del cantante" . Qua
  • definizione popolare: probabile

    probabile

    Verosimil è ciò che ha l' aspetto del vero , che è credibile per l'osservatore. Ciò non implica che sia una situazione reale, ma che sia trasmessa in un contesto specifico, rispettando una serie di regole e mantenendo un livello accettabile di coerenza tra i diversi elementi che la costituiscono. Ad
  • definizione popolare: ansia

    ansia

    Il concetto di ansia ha origine nel termine latino anxietas . Riguarda la condizione di una persona che vive uno shock, disagio, nervosismo o preoccupazione . Per la medicina, l'ansia è lo stato di agonia che può comparire accanto a una nevrosi o ad un altro tipo di malattia e che non consente il rilassamento e il riposo del paziente.
  • definizione popolare: musa

    musa

    La musa è ciò che ispira un artista . La nozione viene dalla mitologia greca, dove le Muse erano divinità che vivevano nel Parnaso o nell'Helicon e proteggevano le arti e le scienze . Anche se la loro genealogia varia a seconda della fonte, di solito si considera che le muse fossero figlie di Zeus e Mnemósine , nate ai piedi del Monte Olimpo , a Pieria . An
  • definizione popolare: incentivo

    incentivo

    Entrare nel termine incentivo suppone di iniziare a conoscere qual è la sua origine etimologica. In questo caso, possiamo stabilire che è una parola latina derivata da "allicientis". Inoltre, possiamo determinare che è il risultato della somma di tre componenti chiaramente definiti come questi: -Il prefisso "ad-", che può essere tradotto come "verso". -I