Definizione giudizio morale

Il giudizio è una facoltà dell'anima che permette di distinguere tra il bene e il male . Quando si esprime a parole, il giudizio è un'opinione o un'opinione. La moralità, d'altra parte, è associata alle usanze, ai valori, alle credenze e alle norme di una persona o di un gruppo sociale. La morale funziona come guida per agire in quanto distingue tra giusto e sbagliato.

Giudizio morale

È noto come giudizio morale, quindi, l'atto mentale che stabilisce se un determinato comportamento o situazione ha un contenuto etico o, al contrario, manca di questi principi. Il giudizio morale è fatto dal senso morale di ogni persona e risponde a una serie di regole e regole che vengono acquisite per tutta la vita.

Durante tutta la nostra vita sempre, attraverso diverse aree ed entità (famiglia, società, scuola ...), ci stiamo dicendo cosa è giusto e cosa è sbagliato. Tuttavia, prima di tutto ciò, siamo stati in grado di reagire in un modo diverso: accettandolo, rifiutandolo o semplicemente ignorandolo.

In questo modo, è come stanno emergendo quelli che sono noti come stadi del giudizio morale che sono eteronoma morale, individualismo, aspettative interpersonali, sistema sociale e coscienza.

Quindi, quando ci troviamo di fronte a un fatto concreto, basato sul nostro giudizio morale, agiamo in un modo o nell'altro quando consideriamo ciò che è giusto o sbagliato. Questo alla fine suppone anche che in seguito il nostro atteggiamento sia un elemento di studio da parte della nostra coscienza che determinerà che dal momento in cui abbiamo agito porta con sé un pentimento, una colpa o un rimorso.

La famiglia, la scuola, la Chiesa e i media sono alcune delle istituzioni sociali che influenzano l'adozione dei precetti che determinano i giudizi morali. Ciò significa che l'ambiente svolge un ruolo preponderante nel pensiero del soggetto su ciò che è buono e ciò che è sbagliato.

Molti sono i casi giudiziari che appaiono nei media e che portano la popolazione a sviluppare un giudizio morale, indipendentemente dalle leggi stabilite. Ad esempio, in Spagna uno dei casi più gravi è quello di un padre che è stato condannato a quarant'anni di carcere per aver drogato e bruciato i suoi figli per vendicarsi della madre, la sua ex-moglie, per non voglio tornare con lui.

Questo fatto ha significato che, prima che il giudice dettasse una frase specifica, la società in generale era già chiaro che doveva andare in prigione, indipendentemente dalle prove che esistevano, per aver commesso un simile atto criminale.

Ad esempio: una madre esce a rubare perché non riesce a trovare un lavoro e non ha le risorse per nutrire i suoi figli. Al di là delle implicazioni legali del caso, alcune persone possono esprimere un giudizio morale che ritiene che le azioni della donna siano giustificate. È chiaro che queste prove non hanno sempre a che fare con quelle sviluppate in tribunale, sebbene, in generale, la magistratura coincida con l'etica prevalente in una società .

Raccomandato
  • definizione: memoria flash

    memoria flash

    La memoria flash è una sorta di chip che viene utilizzato per la memorizzazione e il trasferimento dei dati . Questa tecnologia può essere trovata su schede, dispositivi USB, fotocamere digitali, lettori MP3 e altri elementi tecnologici. Questa è un'evoluzione dell'EEPROM : Memoria di sola lettura programmabile cancellabile elettricamente , ovvero una classe di memoria ROM (sola lettura) che può essere programmata, riprogrammata e cancellata elettronicamente. La
  • definizione: panegirico

    panegirico

    Originario del latino panegyricus (che a sua volta deriva dal greco), panegirico è un termine legato a loa , complimenti o complimenti dedicati a qualcosa o qualcuno. Il concetto può essere usato come sostantivo (parole o testi di lode) o come aggettivo (la qualifica ricevuta da queste espressioni).
  • definizione: psicologia scientifica

    psicologia scientifica

    La parola psicologia deriva dal greco psycho- ( "anima" , "attività mentale" ) e -logy ( "studio" ). Riguarda la scienza che studia i processi mentali attraverso tre dimensioni: cognitiva , affettiva e comportamentale . E mentre intanto, la seconda parola che dà forma al termine che ci riguarda, scientifico, possiamo determinare che ha la sua origine etimologica in latino e più specificamente nella parola scere che può essere tradotto come "sapere". La
  • definizione: allarme

    allarme

    Il termine avviso , dall'italiano all'erta , si riferisce a una situazione di sorveglianza o di attenzione . Uno stato o un segnale di avvertimento è un avvertimento per estrema cautela o maggiore vigilanza. Allo stesso modo, qualcuno che è attento è una persona che è attenta a determinati problemi. Ad
  • definizione: dinamico

    dinamico

    L'aggettivo dinamico è usato per nominare l'una o cosa che può trasmettere dinamismo . Si chiama dinamismo, d'altra parte, a una forza attiva , che promuove un'azione . Il concetto, che è anche usato come sostantivo, può essere trovato in diversi contesti. Molte volte appare nel campo dell'economia , legato al fattore che contribuisce alla crescita economica . Ad
  • definizione: dubbio

    dubbio

    Un dubbio è un'indeterminatezza tra due decisioni o due giudizi . È un'esitazione che può essere vissuta prima di un fatto, una notizia o una credenza. Ad esempio: "La versione ufficiale di questa storia genera un grande dubbio" , "Professore, ho una domanda sul problema che hai appena spiegato" , "Non c'è dubbio: questo è un grande giocatore che andrà a vantaggio della squadra" . Nel