Definizione spyware

Lo spyware è un termine inglese che non è incluso nel dizionario sviluppato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ). Il concetto si riferisce a un tipo di software dannoso che accede ai dati di un computer (computer) e lo invia ad altri dispositivi senza che l'utente se ne accorga.

I programmi sviluppati per rilevare lo spyware di solito sono disponibili in due versioni: una gratuita, molto popolare per uso personale, in particolare per coloro che non hanno documenti di grande importanza nei loro computer o che di solito non navigano in luoghi pericolosi; un pagamento, ideale per le grandi aziende, poiché l'investimento economico è necessario dato il volume di informazioni che devono essere gestite e protette .

Ricalcando la funzione di protezione in tempo reale, questo di solito è incluso solo nella versione a pagamento dei programmi, come incentivo a osare per effettuare l'acquisto invece di accontentarsi di quello gratuito. Prima di prendere una decisione, è importante valutare i vantaggi di questo tipo di prodotti e cercare di capire se sono davvero necessari per noi, date le nostre abitudini di navigazione su Internet.

La pirateria è una delle pratiche più spregevoli e comuni, ed è una fonte inesauribile di spyware; rubare sembra gratis, ma ha un prezzo molto alto quando riempie i nostri dispositivi con programmi di questo tipo, dal momento che possono causare gravi sconvolgimenti che non giustificano i "risparmi" dietro cui avremmo deciso di non pagare per un prodotto. Mentre non è normale che uno spyware rovini in modo permanente un computer, può renderlo difficile da utilizzare fino a quando non utilizza un potente antispyware.

Proprio come nelle aree in cui si concentrano grandi quantità di rifiuti, proliferano virus e batteri, nei siti in cui la pirateria è il più spyware che possiamo trovare; ma anche, al di fuori di essi, ed è per questo che è importante scegliere con cura i siti che visitiamo. Allo stesso modo, se scarichiamo solo prodotti gratuiti o open source, e lo facciamo con mezzi ufficiali o affidabili, il rischio diminuisce considerevolmente, così come la necessità di controllare costantemente il nostro dispositivo.

Raccomandato
  • definizione: sala

    sala

    In latino è dove possiamo trovare l'origine etimologica della navata di parole, che è un passo diminutivo. In particolare, deriva dalla parola "pasus". Un corridoio è un ambiente o uno spazio di una costruzione che viene utilizzato come connettore per collegare stanze diverse. È un luogo allungato e stretto , che viene usato di passaggio (cioè non rimane in esso, ma viene usato quando si va in un altro posto all'interno dell'edificio in questione). Ad
  • definizione: PVC

    PVC

    Il PVC è il nome con cui è nota la polivinilcloruro , una plastica che deriva dalla polimerizzazione del cloroetilene monomero (noto anche come cloruro di vinile ). I componenti in PVC derivano dal cloruro di sodio e dal gas naturale o dal petrolio e includono cloro, idrogeno e carbonio. Nel suo stato originale, il PVC è una polvere amorfa e biancastra. L
  • definizione: cristiano

    cristiano

    Gentile , dal latino gentilis , è un aggettivo che si riferisce a qualcuno che mostra cortesia e gentilezza . Ad esempio: "Ho già incontrato il nuovo vicino: è un uomo molto gentile e rispettoso" , "Se vuoi sedurre una donna, devi essere gentile" , "Mi sono stancato di essere gentile e di persone che approfittano della mia buona volontà " , " Il mondo sarebbe un posto migliore se ci fossero più uomini gentili " . La
  • definizione: ammorbidire

    ammorbidire

    Il verbo ammorbidito si riferisce all'azione di fare qualcosa di morbido (flaccido, flaccido, morbido o morbido). Ad esempio: "Per ammorbidire la carne, è meglio colpirla con un impasto o bollirla per un'ora" , "Il nuovo materasso è un po 'duro, ma so che si ammorbidirà con il passare dei giorni" , "La ricetta Indica che la cosa migliore è ammorbidire i ceci in acqua tiepida . &q
  • definizione: impassibile

    impassibile

    La nozione di impassibile , che deriva dalla parola latina impassibélis , si riferisce a chi rimane inalterabile, immutabile o inflessibile . Questo aggettivo è usato per descrivere il soggetto che sembra non avere emozioni o sentimenti . Ad esempio: "Il governo non può rimanere impassibile davanti all'aggravamento della crisi economica e sociale che attraversa il paese" , "La povertà che ho osservato attraversando il territorio nazionale non mi ha lasciato impassibile, così ho deciso di creare un'associazione civile per aiutare il più bisognoso " , " Il deputat
  • definizione: insicurezza

    insicurezza

    Il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) definisce l' insicurezza come mancanza di sicurezza . Questo concetto, derivato dal latino securĭtas , si riferisce a ciò che è privo di pericolo, danno o rischio, o che è vero, fermo e indubitabile. Più esattamente possiamo determinare che questa parola, a partire dalla sua origine etimologica latina, è costituita dall'unione di più parti: il prefisso - in cui è equivalente alla negazione, la parola che può essere tradotta come "separata", il curus che è sinonimo di "Cura" e infine il suffisso - papà che equivale a &qu