Definizione caucasico

L' aggettivo Caucasico si riferisce a chi è originario del Caucaso oa quello o quello che è legato a questa regione che si sviluppa tra l' Asia e l' Europa . In questo modo è possibile parlare di razza caucasica , caucasica, caucasica, ecc.

caucasico

Si dice che una persona sia caucasica quando il colore della pelle è bianco . La nozione nasce da un'ipotesi della sua origine. Un individuo caucasico o caucasoide, quindi, ha una carnagione chiara .

Di solito le persone caucasiche sono naturali dall'Europa, dal Nord Africa, dall'Asia meridionale e da alcune regioni dell'America . In ogni caso, il colore della pelle varia in base a molteplici fattori e non può essere associato esclusivamente a un determinato paese o a un determinato continente.

È importante notare che la divisione dell'essere umano in razze come caucasica, nera e altra non è più utilizzata perché spesso motiva il razzismo (la discriminazione dei soggetti in base alla razza attribuita ad essa). Inoltre, numerosi antropologi affermano che la nostra specie non ha razze.

L'uso del termine "bianco" per designare una razza sorse nel 1781 quando fu proposto da un socioantropologo tedesco di nome Johann Friedrich Blumenbach per distinguere la popolazione europea dalle altre. Nella sua ipotesi, sosteneva che persone di pelle chiara erano apparse sulle montagne del Caucaso e che da lì si erano diffuse in altre terre.

Il razzismo è stato e continua ad essere uno dei problemi più gravi e deplorevoli della nostra specie. Già nell'anno 1855, un diplomatico e filosofo francese di nome Joseph Arthur de Gobineau propose la superiorità della razza nordica al di sopra di tutti gli altri, nel suo saggio sull'ineguaglianza delle razze umane . Allo stesso modo, sosteneva che la miscela tra diversi gruppi etnici era dannosa in quanto poteva degenerare la purezza delle razze.

I popoli caucasici, d'altra parte, sono i gruppi etnici che risiedono nella regione del Caucaso . Queste potrebbero essere comunità che vivono in aree della Russia, Georgia, Azerbaigian, Armenia, Turchia o Iran .

Le lingue parlate da questi gruppi etnici sono conosciute come lingue caucasiche . Georgia, Cecenia e Abaza sono tra queste lingue, utilizzate da migliaia di persone nella regione del Caucaso .

Dato che tutte le lingue parlate nel Caucaso hanno qualche relazione filogenetica con gli altri (sia della stessa regione che dall'estero), si dice che nessuna lingua caucasica è isolata, cioè non sono naturali e mancano di collegamenti con altre lingue., vivo o morto.

Grazie al lavoro di confronto tra le lingue caucasiche, gli specialisti hanno stabilito l'esistenza di tre famiglie disgiunte, che a prima vista non sembrano essere correlate: il sud, il nord - ovest e il nord - est .

La famiglia delle lingue caucasiche meridionali è anche chiamata Sud caucasica, georgiana o georgiana, e in essa vi sono Suano (noto anche come Svan ), georgiano, mingreliano (o Maghreliano ) e lazo (o laz ). ; questi ultimi due sono molto vicini l'uno all'altro.

Le altre due famiglie fanno parte della famiglia del nord . Rispetto alle lingue caucasiche del nord-ovest, ha tre rami : l' ubijé, l' adigué e l' abaza . Secondo gli studi di alcuni specialisti, questa famiglia dovrebbe includere anche l' hatti, una vecchia lingua, già scomparsa, che veniva pronunciata in Anatolia.

Infine, c'è la famiglia caucasica nel nord-est, chiamata anche Nakh-Daghestan, che distingue tra le lingue del Daghestan e quelle del centro settentrionale, dove troviamo Ingush, Cecenia e Bácic .

Raccomandato
  • definizione: appropriazione indebita

    appropriazione indebita

    Appropriazione indebita è l' atto e il risultato di appropriazione indebita . Questo verbo , che deriva dalla parola italiana defalcare , allude all'appropriazione di fondi che dovrebbero essere custoditi o amministrati . L'azione può anche riferirsi alla rimozione della fiducia o del favore di qualcuno.
  • definizione: ammissione

    ammissione

    L'ammissione è l' atto e il risultato dell'ammissione (tolleranza, accesso, consenso). Basato sulla parola latina ammissione , l' idea di ammissione può essere utilizzata in diverse aree. Ad esempio: "Sono ansioso: domani verrà definita la mia ammissione all'università" , "Per entrare in questa società dovrai superare un esame di ammissione" , "L'ammissione della somma reale del debito è necessaria per iniziare i negoziati con i creditori" . È no
  • definizione: forca

    forca

    La parola latina patibulum deriva, nella nostra lingua , in patíbulo . Il concetto consente di denominare il sito in cui è specificata un'esecuzione . Il patibolo, noto anche come impalcatura, è solitamente una struttura con una piattaforma in cui viene eseguita una persona condannata alla pena capitale . I
  • definizione: indubitabile

    indubitabile

    Il termine indubitabile , che deriva dalla parola latina indubitabĭlis , si riferisce a ciò che non può essere messo in dubbio . D'altra parte, il verbo da dubitare allude a diffidare di qualcosa o di qualcuno o di non decidere su una cosa o l'altra. L'indubitabile, quindi, non accetta i dubbi perché, per le sue caratteristiche o proprietà, è affidabile, preciso, preciso o preciso . Ad e
  • definizione: deperibile

    deperibile

    La deperibilità è un aggettivo che indica che non è molto durevole e che, pertanto, deve perire (smettere di essere, finire) . Ad esempio: "Non illuderti: questo è qualcosa di perituro; la realtà è molto diversa " , " Non puoi uscire nel deserto e portare con te cibo deperibile " , " La ricchezza materiale è deperibile; i valori sono eterni . "
  • definizione: tipicidad

    tipicidad

    La tipicità è la caratteristica di ciò che è tipico (rappresentativo o particolare di qualche tipo ). Il concetto è solitamente usato nel campo del diritto per nominare ciò che costituisce un crimine perché si adatta a una figura che descrive la legge . In altre parole: la tipicità assume l'adeguatezza di un comportamento ai budget che dettaglia la legislazione su un crimine . Se l&#