Definizione vanteria

Il verbo jactar, che deriva dalla parola latina iactāre, era usato nell'antichità per riferirsi all'azione di scuotere o scodinzolare . Oggi il termine è usato nei confronti di una persona quando elogia o esalta se stesso o il suo popolo in modo esagerato, vantandosi anche di azioni vergognose o ripugnanti.

vanteria

Ad esempio: "Esteban è stato sanzionato per vantarsi della sua amicizia con il manager", "Penso che l'allenatore possa vantarsi del livello mostrato dalla sua squadra durante il torneo", "L'attore è stato criticato duramente dalla stampa per vantarsi avere soldi da spendere per soddisfare tutti i suoi capricci " .

Prendi il caso di un gruppo di amici. Uno di loro lo spende parlando del lavoro che ha, affermando che gli permette di ottenere grandi entrate e privilegi di accesso. Commenta costantemente anche i prodotti che compra e i viaggi che gli piacciono. Si può dire che questo ragazzo non smette di vantarsi della sua posizione economica, cercando di generare invidia negli altri.

Una nonna, d'altra parte, può vantarsi dei suoi nipoti . Per tutto il tempo parla alle persone dei risultati ottenuti da questi ragazzi, sottolineando i buoni voti che ottengono a scuola, i loro successi sportivi, il loro talento artistico, ecc. Tuttavia, la donna non è consapevole della sua vanteria: è semplicemente naturale per lei condividere il suo orgoglio nella sua famiglia.

Come puoi vedere, vantarsi non ha sempre un obiettivo o una fine. Colui che di solito si vanta di provocare l' invidia assume un atteggiamento negativo, mentre chi si vanta di averlo realizzato non sta cercando di provocare qualcosa di specifico.

Raccomandato
  • definizione: vaguada

    vaguada

    La prima cosa che dobbiamo sottolineare è l'origine etimologica del termine vaguada che ora ci occupa per arrivare prima della scoperta del suo significato. In questo caso, va sottolineato che deriva dal latino, da "vacuus" che può essere tradotto come "vuoto" e che viene, a sua volta, dal verbo "vacare", che è sinonimo di "essere vuoto". È
  • definizione: atto riflesso

    atto riflesso

    Un'azione riflessa è un movimento involontario che una persona fa in risposta a un determinato stimolo. Questi movimenti sono controllati dall'arco riflesso : una serie di strutture che fungono da intermediari tra il recettore sensoriale e l'effettore. È necessario differenziare, quindi, tra l' azione riflessa ( un'azione involontaria e stereotipata) e l'arco riflesso (le strutture che guidano le prestazioni dell'atto riflesso).
  • definizione: privilegio

    privilegio

    Privilegio possiamo dire che è un termine che, etimologicamente parlando, viene dal latino. "Privilegium" è, in particolare, la parola latina da cui emana, ed è formata dalla somma di tre componenti chiari: "privus", che è sinonimo di "privato"; "Legalis", che equivale a "relativo alla legge", e infine il suffisso "-ium", che può essere tradotto come "indicativo di relazione". Il
  • definizione: bicipite

    bicipite

    Il termine bicipite si riferisce, nel suo senso più generale, a qualcosa che ha due estremità o due teste . Il concetto è spesso usato nel campo dell'anatomia per nominare una coppia muscolare che, alla sua estremità superiore, ha due inserti o settori . Il muscolo bicipite brachiale si trova nel braccio, coprendo i muscoli anteriori brachiale e coracobranico. Ne
  • definizione: quintale

    quintale

    Per conoscere il significato del termine quintale, è necessario che, in primo luogo, sappiamo quale sia l'origine etimologica del termine. In questo senso, dobbiamo dire che è un po 'complicato, poiché deriva dall'arabo spagnolo "quintar", che a sua volta emana dalla "qantira" siriana. M
  • definizione: colorante

    colorante

    La tintura è l' atto e la conseguenza della tintura . Il termine, in base al contesto, può essere usato come sinonimo di colorazione o tintura . Ad esempio: "Tra mezz'ora il colorante sarà pronto" , "Mi piace la tintura rossa che hai usato" , "In diversi paesi la tintura ascellare è diventata di moda" . Il