Definizione Dio

Dio è l' essere supremo che le religioni monoteistiche considerano come creatore dell'universo . È una divinità alla quale le varie religioni adorano e lodano. La parola deriva dal concetto latino deus ed è scritta con una lettera maiuscola iniziale quando si riferisce alla suddetta idea di essere suprema per le religioni come il cristianesimo, il giudaismo e l' islam, tra gli altri.

Dio

In generale, Dio è considerato onnipresente (è ovunque), onnipotente (può fare tutto) e onnisciente (sa tutto). Secondo la religione, riceve diversi nomi, come Allah (Islam) o Yahweh (Giudaismo). Le religioni che credono in un unico dio sono i monoteisti, contrari ai politeisti .

Il cristianesimo fu la prima religione a concepire Dio come una specie di guardiano che è al di fuori del mondo, che egli osserva dall'alto e con cui stabilisce la comunicazione diretta in certe occasioni. A partire da San Tommaso d'Aquino ( 1225-1274 ), il cristianesimo riconosce che l'esistenza di Dio non può essere verificata con il metodo scientifico, ma è compito della metafisica .

La scienza che è responsabile dello studio delle entità divine è teologia . Ci sono diverse correnti filosofiche che discutono sull'esistenza di un dio, come il deismo (accetta l'esistenza di un essere supremo, ma non l'informazione che si suppone sia rivelata attraverso le scritture o certe persone, come la Bibbia o il Corano), l' agnosticismo (ignora l'esistenza di un dio) o ateismo (nega l'esistenza di un dio o crede che non sia provato).

La paura di non credere in Dio

Nelle società in cui il cristianesimo è la religione ufficiale, è più comune trovare atei che religiosi. I primi rappresentano un gruppo molto interessante di persone che sembrano avere paura di prendere una decisione che li metterà una volta per tutte dalla parte della linea che divide i credenti dai non credenti, proteggendosi dal fatto che il tempo non è ancora arrivato per loro vive per affrontare questo problema.

È curioso che molti atei si sforzano di spiegare che la religione è un'invenzione dell'essere umano a non sentirsi sola nei momenti più critici della sua vita, e d'altra parte non esclude la possibilità di credere in Dio nel futuro. È rispettabile? Certo, con quella posizione non feriscono nessuno e, quindi, hanno il diritto di prenderlo. Tuttavia, sembra esserci una paura diffusa di dire "Non credo in Dio", probabilmente perché non vuole che gli voltiamo le spalle se mai avessimo bisogno di lui per chiedere aiuto in caso di disgrazia o malattia terminale.

Naturalmente, i religiosi non danno sempre il miglior esempio di rispetto per le loro convinzioni; Ogni domenica delle Palme, quando inizia la Settimana Santa, folle di persone soffocano gli ingressi delle chiese per ottenere i loro rami d'ulivo, come se fossero diplomi che dimostrano la partecipazione alla messa. Tuttavia, durante la maggior parte dell'anno, questi stessi templi vedono i due o tre fedeli come sempre; Questi, a loro volta, spesso non sono molto ben informati della religione cristiana o, ancor meno, dei buoni cristiani .

In breve, è possibile affermare che atei e religiosi condividono la paura di non credere in un dio che non hanno mai visto, che ha lasciato i loro amici e familiari gravemente malati, che ha permesso a milioni di persone di morire nei modi più terribili e ingiusti., che non reagisce agli stupri, alle mutilazioni, alle torture e che espone animali e piante ai nostri abusi e alle nostre decisioni, che sono generalmente distruttive per la Terra .

Raccomandato
  • definizione: dispositivi di input

    dispositivi di input

    Una voce è, nel campo della tecnologia dell'informazione , una serie di dati che viene ricevuta da un determinato sistema per un'ulteriore elaborazione. Questo concetto appare sempre collegato all'output , che implica la presentazione delle informazioni in modo che l'utente ne faccia uso secondo necessità.
  • definizione: diva

    diva

    L' idea della diva , derivata dal latino divus , è spesso usata per descrivere una figura dello spettacolo che è molto famosa . Queste sono grandi star che si distinguono dal resto per la loro popolarità e / o talento. Ad esempio: "La diva di Hollywood ha speso dieci milioni di dollari per ristrutturare la sua villa" , "Solo una diva come lei può riempire cinque stadi cantando vecchie canzoni" , "La diva televisiva ha sorpreso di partecipare all'evento senza trucco" . L&
  • definizione: variabile continua

    variabile continua

    Una variabile è chiamata un simbolo che agisce su proposizioni, formule, funzioni e algoritmi di statistica e matematica e ha la particolarità di poter adottare valori diversi . In base alle sue caratteristiche, è possibile parlare di diversi tipi di variabili, come variabili quantitative , variabili qualitative , variabili indipendenti , variabili dipendenti e variabili casuali . I
  • definizione: partito politico

    partito politico

    La politica comprende tutte quelle attività che sono orientate ideologicamente al processo decisionale per raggiungere gli obiettivi . Il termine è anche usato per nominare l'esercizio del potere per la risoluzione dei conflitti. L'idea di una festa , d'altra parte, ha più significati. U
  • definizione: zar

    zar

    Dallo zar russo e originario di Cesare latino (di Giulio Cesare ), lo zar è il titolo dato all'imperatore di Russia e al sovrano di Bulgaria e Serbia . La sua forma femminile è Tsarina . È importante sottolineare che questo titolo nobiliare non suppone un rango imperiale, ma che è equivalente alla voce slava krol ( "re" ). Ol
  • definizione: influenza

    influenza

    L'influenza è l' azione e l'effetto di influenzare . Questo verbo si riferisce agli effetti che una cosa produce su un'altra (ad esempio, il vento sull'acqua) o al predominio esercitato da una persona ( "Juan ha una grande influenza sulle decisioni del fratello minore" ).