Definizione Dio

Dio è l' essere supremo che le religioni monoteistiche considerano come creatore dell'universo . È una divinità alla quale le varie religioni adorano e lodano. La parola deriva dal concetto latino deus ed è scritta con una lettera maiuscola iniziale quando si riferisce alla suddetta idea di essere suprema per le religioni come il cristianesimo, il giudaismo e l' islam, tra gli altri.

Dio

In generale, Dio è considerato onnipresente (è ovunque), onnipotente (può fare tutto) e onnisciente (sa tutto). Secondo la religione, riceve diversi nomi, come Allah (Islam) o Yahweh (Giudaismo). Le religioni che credono in un unico dio sono i monoteisti, contrari ai politeisti .

Il cristianesimo fu la prima religione a concepire Dio come una specie di guardiano che è al di fuori del mondo, che egli osserva dall'alto e con cui stabilisce la comunicazione diretta in certe occasioni. A partire da San Tommaso d'Aquino ( 1225-1274 ), il cristianesimo riconosce che l'esistenza di Dio non può essere verificata con il metodo scientifico, ma è compito della metafisica .

La scienza che è responsabile dello studio delle entità divine è teologia . Ci sono diverse correnti filosofiche che discutono sull'esistenza di un dio, come il deismo (accetta l'esistenza di un essere supremo, ma non l'informazione che si suppone sia rivelata attraverso le scritture o certe persone, come la Bibbia o il Corano), l' agnosticismo (ignora l'esistenza di un dio) o ateismo (nega l'esistenza di un dio o crede che non sia provato).

La paura di non credere in Dio

Nelle società in cui il cristianesimo è la religione ufficiale, è più comune trovare atei che religiosi. I primi rappresentano un gruppo molto interessante di persone che sembrano avere paura di prendere una decisione che li metterà una volta per tutte dalla parte della linea che divide i credenti dai non credenti, proteggendosi dal fatto che il tempo non è ancora arrivato per loro vive per affrontare questo problema.

È curioso che molti atei si sforzano di spiegare che la religione è un'invenzione dell'essere umano a non sentirsi sola nei momenti più critici della sua vita, e d'altra parte non esclude la possibilità di credere in Dio nel futuro. È rispettabile? Certo, con quella posizione non feriscono nessuno e, quindi, hanno il diritto di prenderlo. Tuttavia, sembra esserci una paura diffusa di dire "Non credo in Dio", probabilmente perché non vuole che gli voltiamo le spalle se mai avessimo bisogno di lui per chiedere aiuto in caso di disgrazia o malattia terminale.

Naturalmente, i religiosi non danno sempre il miglior esempio di rispetto per le loro convinzioni; Ogni domenica delle Palme, quando inizia la Settimana Santa, folle di persone soffocano gli ingressi delle chiese per ottenere i loro rami d'ulivo, come se fossero diplomi che dimostrano la partecipazione alla messa. Tuttavia, durante la maggior parte dell'anno, questi stessi templi vedono i due o tre fedeli come sempre; Questi, a loro volta, spesso non sono molto ben informati della religione cristiana o, ancor meno, dei buoni cristiani .

In breve, è possibile affermare che atei e religiosi condividono la paura di non credere in un dio che non hanno mai visto, che ha lasciato i loro amici e familiari gravemente malati, che ha permesso a milioni di persone di morire nei modi più terribili e ingiusti., che non reagisce agli stupri, alle mutilazioni, alle torture e che espone animali e piante ai nostri abusi e alle nostre decisioni, che sono generalmente distruttive per la Terra .

Raccomandato
  • definizione: diritto

    diritto

    La parola latina inversus derivava dagli invenuti francesi, che arrivavano alla nostra lingua come un dritto . Questo termine è usato soprattutto con riferimento a medaglie, gettoni e monete per nominare la faccia o il lato più rilevanti per il disegno che portano . Il dritto è solitamente il volto che esibisce il volto di una personalità, un monumento storico, la rappresentazione di un evento trascendentale o un'allegoria . Il
  • definizione: tatuaggio

    tatuaggio

    Il tatuaggio ha la sua origine etimologica nella parola francese tatouage . Il concetto si riferisce all'atto e al risultato del tatuaggio : lasciando inciso un disegno o un segno sulla pelle attraverso l'uso di determinati aghi o punzoni con inchiostro. Ad esempio: "Quando ero un bambino volevo tatuarmi un braccio, ma non mi sono mai sentito così" , "Juan ha un tatuaggio da Superman sul petto" , "Il criminale è stato riconosciuto dai tatuaggi sul suo volto" .
  • definizione: probabile

    probabile

    Verosimil è ciò che ha l' aspetto del vero , che è credibile per l'osservatore. Ciò non implica che sia una situazione reale, ma che sia trasmessa in un contesto specifico, rispettando una serie di regole e mantenendo un livello accettabile di coerenza tra i diversi elementi che la costituiscono. Ad
  • definizione: punto e seguito

    punto e seguito

    Tra i molteplici significati del termine punto , appare il suo uso come segno di scrittura. In questo caso, i punti sono essenziali per sviluppare il punteggio di un testo. I punti permettono di indicare la fine di una dichiarazione o di fare un'abbreviazione . In alcune nazioni, vengono anche usati per distinguere tra l'intera parte e gli elementi frazionari di un numero (nello stesso modo in cui, in altri paesi , viene utilizzata la virgola )
  • definizione: inattivo

    inattivo

    L' aggettivo inattivo è usato per descrivere quello o quello che manca di attività . L'idea di attività, a sua volta, allude al movimento o all'azione. Ad esempio: "A causa del grave infortunio che ha dovuto subire questa mattina, il giocatore argentino sarebbe inattivo per quattro mesi" , "L'ufficio governativo ha riferito che, a causa di attività di manutenzione dei suoi server, il suo sito web rimarrà inattivo fino a quando Martedì prossimo " , " La società era inattiva da diversi anni fino all'arrivo di un gruppo di investimento e la sua messa in
  • definizione: principale

    principale

    Il principale , con origine nella parola latina principālis , è quello o che gode del primo posto per importanza o stima . La cosa principale, quindi, viene prima ed è preferibile ad altre opzioni. Ad esempio: "La cosa principale in questo momento è pagare il debito per evitare l'asta" , "La mia preoccupazione principale è la salute, il resto è secondario" , "Marcelo López è il candidato principale per avere successo con l'allenatore licenziato" . A caus