Definizione retorica

La retorica è la disciplina che studia e sistematizza il linguaggio utilizzato in diversi campi della conoscenza (come scienze naturali, narratologia, scienze politiche e scienze dell'educazione), consentendo la comunicazione in ogni area per raggiungere gli obiettivi che sono pone, sia comunicativo che estetico.

retorica

Questa disciplina permette che in ogni campo la lingua utilizzata (sia orale che scritta) permetta la semplice associazione di concetti e, allo stesso tempo, che soddisfi i tre requisiti fondamentali della comunicazione: delizia, movimento e persuasione .

Si dice che la retorica sia "l'arte del buon dire" o "la capacità tecnica di esprimersi in modo appropriato" poiché ha un sistema di risorse che serve per la costruzione discorsiva e l'arricchimento del messaggio . Gli elementi utilizzati nel discorso, a loro volta, sono strettamente correlati tra loro.

È importante chiarire che la retorica non studia solo l'efficacia della comunicazione, ma anche gli aspetti estetici di essa . Ciò significa che, dal punto di vista della retorica, il discorso mira a qualcosa di più del semplice atto di comunicare.

La base della retorica attuale si basa sulla struttura imposta dagli antichi greci. Per loro, la composizione del discorso consisteva in due fasi principali: l' inventio (l'oratore analizzava i contenuti di un repertorio predeterminato - che poteva essere nella sua memoria o apparteneva alla società in generale - e li stabiliva come contenuto del suo discorso) e il dispositio (il modo in cui sono stati organizzati quei contenuti). A loro volta, hanno strutturato il discorso in quattro parti: l' exordium (la parte iniziale che ha cercato di attirare l'attenzione dell'ascoltatore e presentare la strutturazione dei contenuti), la narratio (l'esposizione del soggetto e della tesi), l' argumentatio (la presentazione dei motivi che hanno sostenuto la tesi) e la peroratio (il riassunto di ciò che è stato detto).

Quali sono le figure retoriche?

retorica Le figure retoriche sono quelle risorse che permettono di alterare la sintassi per dare un certo significato all'affermazione . Servono a deviare l'interlocutore verso un senso figurato di ciò che viene espresso, evitando di concentrarsi sul senso letterale o sul reale ordine delle parole.

Esistono quattro tipi di figure retoriche.

Dizionari : modificando la composizione di parole o frasi, è possibile ottenere un determinato effetto nell'interlocutore. Le figure della dizione possono essere di trasformazione o metaplasmos (le parole sono alterate e non i significati), della ripetizione (la reiterazione di certe parole è usata nello stesso discorso), dell'omissione (alcuni elementi sono eliminati) e della posizione ( cambiare determinati elementi all'interno della stessa frase).

Tropes : una espressione è sostituita da un'altra per dare un significato figurato alla frase. Tra i tropi più noti vi è la metafora (un confronto in cui l'elemento comparativo non è chiamato), l' allegoria (rappresentazione di un'idea usando forme umane, animali o di oggetti comuni), iperbole (esagerazione della verità per dargli un peso maggiore o minore di quello che ha effettivamente), l' enfasi (uso di un termine in un senso specifico e limitato) e ironia (espressione che rende possibile comprendere il contrario di ciò che viene detto).

Figure di ripetizione : attraverso la ripetizione di un suono, una parola o una frase, al messaggio può essere dato un certo peso. Tra le figure più note c'è l' allitterazione (lo stesso suono è ripetuto per provocare una certa sensazione), la concatenazione (ripetizione di parole che sono unite nel discorso per dare un certo ritmo o colore ad essa) e l' epifora ( ripeti una parola che è già stata usata nel discorso per dare una chiusura al paragrafo causando una certa impressione).

Figure di costruzione : consiste nell'aggiungere o rimuovere certe parole o suoni al discorso senza che ci sia una rottura nel senso. Una delle più conosciute è la ripetizione, che può essere utilizzata in diversi momenti del discorso per enfatizzare e far comprendere all'interlocutore il significato del messaggio, attraverso la costante reiterazione di alcuni termini e strutture discorsive.

Raccomandato
  • definizione popolare: circolare

    circolare

    Circular ha la sua origine nella parola latina circularis e permette di nominare ciò che appartiene o relativo al cerchio . Come aggettivo, è usato per riferirsi a qualsiasi oggetto che abbia una forma arrotondata, anche quelli che non sono perfettamente circolari, poiché serve principalmente ad alludere alla mancanza di angoli o angoli. I
  • definizione popolare: rimpatrio

    rimpatrio

    Il rimpatrio è il processo e il risultato del rimpatrio . Questo verbo si riferisce a far tornare qualcuno o qualcosa in patria e ha origine in latino, poiché deriva dal verbo "repatriare", che è composto da tre parti chiaramente differenziate come sono: -Il prefisso "re-", che equivale a "indietro". -
  • definizione popolare: rifiuto patologico

    rifiuto patologico

    I rifiuti sono rifiuti, rifiuti o rifiuti che non sono utili. Patologico , d'altra parte, è un aggettivo legato a una patologia (il gruppo di sintomi che caratterizzano una malattia o la specialità della medicina focalizzata sull'analisi delle malattie). I residui patologici sono quelli potenzialmente infettivi .
  • definizione popolare: relazione di coppia

    relazione di coppia

    La relazione della coppia è un legame romantico sentimentale che unisce due persone . All'interno di ciò che è inteso dal rapporto di coppia appaiono il corteggiamento , il concubinato e il matrimonio . Un rapporto di coppia può essere formato da un uomo e una donna , da due uomini o da due donne . Pe
  • definizione popolare: polarità

    polarità

    La polarità è la proprietà fisica disponibile per quegli agenti che si accumulano ai poli di un corpo e che si polarizzano. Secondo il campo, è possibile distinguere tra diversi tipi di polarità. La polarità elettrica è la proprietà dei terminali (poli) di una batteria o di una batteria, che può essere positiva o negativa. La corr
  • definizione popolare: unità

    unità

    Da unĭtas latina, la parola unit consente di nominare una certa proprietà delle cose che è collegata all'impossibilità di divisione o separazione . Pertanto, non è possibile dividere o separare un'unità senza modificare la sua integrità o essenza. Per esempio: "Nella polizza assicurativa, l'abitazione è considerata un'unità, al di là delle sue varie stanze e spazi" , "prenderò tre unità di quell'articolo" , "Il nostro governo difenderà l'unità territoriale dello Stato" . L'unità