Definizione geografia

La geografia (dalla geografia latina, che a sua volta deriva da un termine composto greco) è la scienza che è responsabile della descrizione della Terra . La parola può anche essere usata per riferirsi al territorio o al paesaggio .

geografia

La geografia, quindi, studia l' ambiente ecologico, le società che lo abitano e le regioni che si formano quando si verifica questa relazione. In altre parole, è responsabile dell'analisi della relazione uomo-terra e dei fenomeni geografici della superficie terrestre.

Attualmente nelle università di tutto il mondo esiste una laurea in geografia. Con esso gli studenti avranno una formazione approfondita su questo argomento da diversi punti di vista. Così, ad esempio, studieranno a fondo e acquisiranno le conoscenze e le abilità necessarie nelle discipline manuali fondamentali nel caso di cartografia o telerilevamento.

Tuttavia, oltre a quelli citati, impareranno anche una moltitudine di domande sull'identificazione delle cause che originano processi umani come l'emigrazione o lo spopolamento. E tutto questo senza dimenticare né quali sono le aree legate alla comprensione di eventi naturali come la climatologia o l'idrologia.

A livelli di istruzione inferiori come Primaria o Secondaria c'è anche un soggetto in Geografia e in esso gli studenti imparano su temi come i Pianeti, i movimenti della Terra, come situare un paese all'interno del globo, le capitali di paesi, città del mondo o tipi di clima esistenti.

Questa scienza ha diversi principi, stabiliti dagli specialisti nel corso della storia . Il principio di localizzazione, ad esempio, è stato supportato da Federico Ratzel e consiste nel localizzare il fatto geografico, che consente anche di identificare il fenomeno geografico.

Il principio del confronto, analizzato da Carl Ritter, spiega la relazione che esiste tra un fatto e un fenomeno geografico. Possiamo anche menzionare all'inizio della spiegazione, studiata da Alexander von Humboldt, che indaga sul fenomeno basato sulle verifiche; il principio di descrizione, fornito da Vidal de la Blanche, che consente di decifrare il fatto geografico analizzando la sua causalità; e il principio dell'osservazione geografica, che consente la visualizzazione di fenomeni geografici basati sul riferimento che origina sulla superficie o nello spazio.

Per quanto riguarda le tradizioni geografiche (correnti o linee di studio esistenti in questa scienza), la tradizione fisica (responsabile degli aspetti fisici, come il rilievo e la vegetazione), la tradizione corologica (studia i sistemi territoriali, entrambi gli spazi naturali) come sociale), la tradizione ecologica (si concentra sull'interazione tra i gruppi umani e l'ambiente fisico), la tradizione paesaggistica (analizza i paesaggi naturali e culturali), la tradizione spaziale (posizione e distribuzione dei fenomeni naturali e culturali) e tradizione sociale (responsabile per le società e i media in cui vivono).

In aggiunta a quanto sopra, dobbiamo sottolineare che uno dei principali romanzi della scrittrice Almudena Grandes prende il termine che ci occupa come pezzo fondamentale del suo titolo. Stiamo parlando di "Atlas de la Geografia Humana", un romanzo del 1998 che ruota intorno alla vita di quattro donne che lavorano insieme in una casa editrice e il cui progetto è quello di creare un atlante di geografia.

Un compito che durante lo sviluppo sta permettendo allo stesso tempo che il lettore conosce a fondo la vita di ognuna di queste donne.

Raccomandato
  • definizione: bioelementos

    bioelementos

    I bioelementi sono i diversi elementi chimici che una specie deve essere in grado di sviluppare normalmente. Gli elementi chimici, d'altra parte, sono tipi di materia che sono formati da atomi della stessa classe. Conosciuto anche come elementi biogenici , i bioelementi si trovano in tutti gli organismi viventi
  • definizione: dactilar

    dactilar

    Nel rivedere l' etimologia del termine dito , arriviamo alla parola greca dáktylos , che può essere tradotto come un dito . Diteggiatura, quindi, è un aggettivo che si riferisce al digitale (ciò che appartiene alle dita). Va ricordato che le dita sono le appendici articolate in cui terminano il piede e la mano dell'essere umano . Te
  • definizione: abete

    abete

    È importante conoscere, in primo luogo, l'origine etimologica di questa parola. E questo ci porta a determinare che derivi dal latino, in particolare, da "abies" - "abietis", che era quello che ai vecchi tempi veniva chiamato una specie vegetale della famiglia delle pinacee. Un abete è un albero che appartiene alla famiglia degli abietáceas o pináceas . È
  • definizione: malattia

    malattia

    La malattia è chiamata il processo e la fase in cui gli esseri viventi attraversano quando soffrono di una condizione che minaccia il loro benessere modificando la loro condizione di salute ontologica . Questa situazione può essere scatenata da molteplici ragioni, intrinseche o estrinseche all'organismo con evidenza di malattia.
  • definizione: gel

    gel

    Il gel è chiamato lo stato di una sostanza che, nella dispersione colloidale , si ispessisce o solidifica dopo un processo di coagulazione . Mentre la densità di un gel è simile a quella di un liquido, la sua struttura è simile a quella di un solido. Un gel è una soluzione colloidale : un composto che nasce dalla dissoluzione di un colloide in un fluido. Que
  • definizione: parcero

    parcero

    Se cerchiamo la parola parcero nel dizionario prodotto dalla Royal Spanish Academy (RAE) , non la troveremo. Ciò non significa, tuttavia, che il termine non sia usato. In alcuni paesi, è un concetto abbastanza popolare che viene utilizzato nel linguaggio colloquiale. L'origine del parcero è in mezzadro , nozione che è stata usata in diverse nazioni per nominare un amico, alleato o amico . At