Definizione occhiali

Gafa è una nozione che allude agli occhiali il cui fissaggio è fatto dietro la testa o che sfrutta la struttura delle orecchie . Gli occhiali, nel frattempo, sono strumenti ottici che includono due lenti per favorire la visione della persona che li usa.

occhiali

In generale, il termine è usato al plurale: occhiali . È importante tenere a mente che, nel linguaggio colloquiale, gli occhiali, gli occhiali e le lenti sono concetti usati come sinonimi, sebbene ciascuno di essi prevalga in diverse regioni di lingua spagnola.

Ad esempio: "Dove avrò lasciato gli occhiali? Voglio leggere il giornale e non riesco a trovarli ", " Mia madre mi ha dato gli occhiali da sole per il mio compleanno ", " Togliti gli occhiali per giocare a calcio: altrimenti puoi farti del male " .

Gli occhiali sono costituiti da una cornice o cornice che regge le lenti. Il telaio ha due perni che poggiano sulle orecchie e un arco che si trova sul naso. In questo modo, le lenti sono proprio di fronte agli occhi dell'utente, che possono correggere i difetti della sua vista, come l' astigmatismo o la miopia .

Le montature degli occhiali sono state originariamente prodotte in acciaio o ferro. Nel tempo, i produttori hanno iniziato a utilizzare le resine. Al momento, è usuale ricorrere a leghe di titanio o alluminio . Per quanto riguarda gli obiettivi, li possiamo trovare realizzati in vetro, polimeri plastici o policarbonato .

Oltre agli occhiali le cui lenti consentono la correzione di difetti visivi, ci sono altri tipi di occhiali. Gli occhiali da sole hanno lenti scure per bloccare i raggi ultravioletti e proteggere gli occhi dalla luce del sole. Inoltre ci sono occhiali protettivi che vengono utilizzati in determinati mestieri e anche nel campo dello sport.

Gli occhiali da sole sono uno degli accessori più comuni in tempi di riscaldamento, anche se in alcune parti del mondo sono indossati durante tutto l'anno. È un prodotto molto utile in estate per evitare che la luce del sole ostruisca il nostro movimento sulle strade pubbliche, ma serve anche a proteggere i nostri occhi quando siamo all'aperto. Durante le vacanze estive in spiaggia, ad esempio, la maggior parte delle persone li usa.

occhiali La pulizia degli occhiali è un'attività che richiede tempo per imparare a padroneggiare, soprattutto perché all'inizio non è facile lasciarli assolutamente privi di imperfezioni e questo genera disagio che può portare a mal di testa o interferenze in un trattamento. Esistono diversi prodotti progettati specificamente per questo compito, sebbene sia anche possibile eseguirlo indipendentemente da questi.

Uno dei prodotti più comuni viene venduto sotto forma di spray, in piccole bottiglie il cui contenuto è un liquido che pulisce i bicchieri degli occhiali senza lasciare residui che possono causare graffi. In generale, questi spray sono venduti insieme a panni in microfibra, ideali per spargere il liquido e quindi asciugare i cristalli per una buona finitura.

È importante non spruzzare troppo liquido sugli occhiali, per evitare di generare una "pasta". Trovare il punto giusto richiede tempo. C'è anche un prodotto che invece di uno sprinkler consiste in una bottiglia nella cui sommità c'è una spugna che dobbiamo inumidire e poi passarla attraverso ciascuna delle lenti. Il passo finale è sempre quello di asciugare gli occhiali con il panno in microfibra fino a quando non si nota alcuna macchia.

Un'alternativa a questi prodotti è l'uso di acqua di rubinetto e sapone per le mani, anche se nelle zone di alto calce questo può causare segni sul vetro.

Raccomandato
  • definizione: vaguada

    vaguada

    La prima cosa che dobbiamo sottolineare è l'origine etimologica del termine vaguada che ora ci occupa per arrivare prima della scoperta del suo significato. In questo caso, va sottolineato che deriva dal latino, da "vacuus" che può essere tradotto come "vuoto" e che viene, a sua volta, dal verbo "vacare", che è sinonimo di "essere vuoto". È
  • definizione: atto riflesso

    atto riflesso

    Un'azione riflessa è un movimento involontario che una persona fa in risposta a un determinato stimolo. Questi movimenti sono controllati dall'arco riflesso : una serie di strutture che fungono da intermediari tra il recettore sensoriale e l'effettore. È necessario differenziare, quindi, tra l' azione riflessa ( un'azione involontaria e stereotipata) e l'arco riflesso (le strutture che guidano le prestazioni dell'atto riflesso).
  • definizione: privilegio

    privilegio

    Privilegio possiamo dire che è un termine che, etimologicamente parlando, viene dal latino. "Privilegium" è, in particolare, la parola latina da cui emana, ed è formata dalla somma di tre componenti chiari: "privus", che è sinonimo di "privato"; "Legalis", che equivale a "relativo alla legge", e infine il suffisso "-ium", che può essere tradotto come "indicativo di relazione". Il
  • definizione: bicipite

    bicipite

    Il termine bicipite si riferisce, nel suo senso più generale, a qualcosa che ha due estremità o due teste . Il concetto è spesso usato nel campo dell'anatomia per nominare una coppia muscolare che, alla sua estremità superiore, ha due inserti o settori . Il muscolo bicipite brachiale si trova nel braccio, coprendo i muscoli anteriori brachiale e coracobranico. Ne
  • definizione: quintale

    quintale

    Per conoscere il significato del termine quintale, è necessario che, in primo luogo, sappiamo quale sia l'origine etimologica del termine. In questo senso, dobbiamo dire che è un po 'complicato, poiché deriva dall'arabo spagnolo "quintar", che a sua volta emana dalla "qantira" siriana. M
  • definizione: colorante

    colorante

    La tintura è l' atto e la conseguenza della tintura . Il termine, in base al contesto, può essere usato come sinonimo di colorazione o tintura . Ad esempio: "Tra mezz'ora il colorante sarà pronto" , "Mi piace la tintura rossa che hai usato" , "In diversi paesi la tintura ascellare è diventata di moda" . Il