Definizione sistema termodinamico

Il sistema è il modulo di elementi che sono correlati e che mantengono le interazioni. La termodinamica, da parte sua, è il settore della fisica che è responsabile dello studio dei collegamenti tra il calore e altre forme di energia.

Un altro modo per classificare i sistemi termodinamici è di tener conto della loro omogeneità, che si traduce nelle seguenti due classi:

* omogeneo : è quello le cui proprietà macroscopiche corrispondono in una qualsiasi delle sue parti. Questo tipo di sistema può essere presentato in qualsiasi stato di aggregazione. Tre esempi in cui queste caratteristiche sono soddisfatte sono una sostanza solida e pura che si trova nello stato cristallizzato sotto forma di un singolo cristallo, un gas intrappolato in un contenitore chiuso o una quantità di acqua pura.

* eterogeneo : la sua definizione è l'opposto di quella del sistema omogeneo.

Un altro tipo di sistema termodinamico è l' adiabatico, che consente lo scambio di energia sotto forma di lavoro, ma non di energia calorica (né di materia).

Un sistema è in equilibrio termodinamico quando le sue variabili intensive non cambiano nonostante il passare del tempo . Va ricordato che queste variabili sono quelle che non cambiano il loro valore in base alla quantità di materiale o alla dimensione del sistema.

Raccomandato
  • definizione: androgino

    androgino

    L'etimologia dell'androgino ci porta prima alla lingua latina e poi alla lingua greca, dove proviene da una parola composta che combina le nozioni di "maschio" e "femmina" . Il primo significato del termine menzionato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario, in questo contesto, allude all'aggettivo ermafrodita : ha entrambi i sessi
  • definizione: incessante

    incessante

    L' aggettivo incessante è usato per descrivere ciò che non si ferma : cioè, non si ferma, si ferma o si interrompe . Il termine è anche usato per riferirsi a ciò che viene ripetuto o ripetuto frequentemente . Ad esempio: "La violenza politica nel paese centroamericano è incessante e causa grande preoccupazione a livello internazionale" , "Il club inglese continua la sua incessante ricerca di rinforzi per affrontare la prossima stagione" , "Un rumore incessante proveniente dalla casa la porta accanto mi ha impedito di dormire . &quo
  • definizione: delegato

    delegato

    Delegato è un termine che ha la sua origine nella parola latina delegāre . Questa parola latina, che può essere tradotta come "inviare qualcuno in modo legale", è il risultato della somma di diverse parti chiaramente delimitate: il prefisso "de" -, che significa "dall'alto verso il basso"; il verbo "lex", che è sinonimo di "legge", e il suffisso - "ar". Il
  • definizione: protocollo

    protocollo

    Una revisione dell'etimologia del termine protocollo ci porta immediatamente al protocollum , una parola latina. Questo, a sua volta, deriva da un concetto di lingua greca. In particolare, emana dalla parola greca "protokollon", che è il risultato della somma di due elementi diversi: "protos", che può essere tradotto come "primo" e "kollea", che è sinonimo di "colla" o "cola" ". L
  • definizione: dizione

    dizione

    In latino è dove possiamo trovare l'origine etimologica della parola dizione che ora ci occupa. Più esattamente emana da "dictio", che è il risultato della somma dei seguenti componenti: • Il verbo "dicare", che può essere tradotto come "say". • Il suffisso "-ción", che viene utilizzato per esprimere "azione ed effetto". Il modo
  • definizione: programma sorgente

    programma sorgente

    Il programma sorgente è una nozione utilizzata come sinonimo di codice sorgente . Sono le istruzioni che un programma per computer trasmette a un computer in modo che possa essere eseguito. Queste istruzioni sono linee di testo scritte in un linguaggio di programmazione (una struttura in grado di impartire istruzioni informatiche da una specifica base semantica e sintattica).