Definizione classificazione

La classificazione è un concetto legato al verbo classificare, che si riferisce all'azione di organizzare o collocare qualcosa secondo una certa direttiva . Il termine viene anche utilizzato per denominare il collegamento stabilito tra quelli classificati dopo un test .

classificazione

Alcune frasi in cui compare il termine: "Svilupperò una classificazione delle mie bottiglie di raccolta in base al paese", "L'insegnante ci ha chiesto di fare una classificazione delle nostre affermazioni per determinare quali sono le più urgenti", "La classificazione, fino al momento, mostra il corridore italiano in primo luogo " .

Nel mondo dello sport, quindi, la classifica riflette il risultato di una competizione: "Lo spagnolo Fernando Alonso è stato il primo nella classifica del Gran Premio di Monaco" o "Con questa vittoria, Boca Juniors raggiunge il primo posto in classifica del torneo di calcio argentino " .

La classificazione biologica, d'altra parte, è la tassonomia (dai taxi greci, che possono essere tradotti come "ordinamento", e nomos, "regola" ). Nel suo significato più ampio, è la scienza dedicata alla classificazione che ordina i vari organismi all'interno di una struttura o di un sistema.

È noto come classificazione periodica a quella che corrisponde alla cosiddetta tavola periodica degli elementi . Questa è un'organizzazione che consente la distribuzione agli elementi chimici in base alle loro caratteristiche. La tavola periodica è composta da 8 gruppi in cui sono inclusi i 118 elementi . Ogni gruppo è evidenziato da un colore particolare, quindi è molto facile individuarli.

Un altro tipo di classificazione è Universal Decimal Classification, un sistema nato con un obiettivo specifico: organizzare e registrare le diverse opere che fanno parte di una biblioteca. Questo aiuta a rendere più facile l'accesso alle conoscenze.

La classificazione dal punto di vista del business viene utilizzata per stabilire somiglianze e differenze tra le varie organizzazioni imprenditoriali.

In economia, la società è intesa come unità di produzione, che è responsabile della creazione e della generazione di un aumento dei profitti delle attività possedute per soddisfare i bisogni di un gruppo sociale specifico, che è incaricato di controllare ciò che viene fatto con i fattori di produzione.

A questo punto, la classificazione divide questi fattori in terra e lavoro . Senza la classificazione, l' attività economica non potrebbe essere sviluppata in modo ordinato, quindi sarebbe destinata al fallimento totale. Va notato che ogni fattore di produzione a sua volta può essere classificato in sottogruppi che raggiungono una maggiore precisione di ciò che è posseduto e che cosa dovrebbe essere fatto con esso.

A un altro livello, all'interno della classificazione economica viene utilizzato per separare le società in base alla voce che coltivano, alle loro attività economiche, al tipo di struttura aziendale di cui sono governate, alla forma giuridica che hanno adottato, alla laurea partecipazione dello Stato all'attività, o anche la sua dimensione.

Infine, si chiama classificazione gerarchica al modo in cui le differenze del mondo sono identificate nei loro aspetti generali, in base al grado di importanza che ogni cosa ha. Ad esempio, quando sei un bambino impari a indicare le cose con il mignolo e, mentre impari, classifichi le cose in base alle loro caratteristiche, in categorie (categorizzazione). Ad esempio: sedie, sgabelli, sedie a dondolo, amache in tipi di sedie.

In breve, la classificazione è un concetto che sta invadendo tutti gli aspetti della nostra vita, lo usiamo per cose importanti e per organizzare tutto ciò che ci circonda: documenti, libri, vestiti, utensili, musica, ecc. E anche per capire le cose, ci classifichiamo per essere in grado di arrivare fino in fondo ai problemi e apprenderli .

Raccomandato
  • definizione popolare: raggio di luce

    raggio di luce

    La parola latina radius divenne fulmineo , il termine del nostro linguaggio che è usato per nominare la linea che ha origine nel luogo in cui viene prodotto un tipo di energia e che si estende significativamente alla direzione in cui si propaga. La luce , d'altra parte, è un concetto che deriva dal lux .
  • definizione popolare: chiuso

    chiuso

    Closed è un aggettivo che può essere utilizzato in vari contesti. Può essere usato sia per oggetti che per ideologie, come persone, per esprimere che sono ermetici, rigidi, rigidi o rigidi . Ad esempio: "Il pensiero del mio capo è così vicino che non lascia mai spazio all'innovazione" , "L'argomento del furto è un caso chiuso: non intendo continuare a parlarne" . Quan
  • definizione popolare: Sahumerio

    Sahumerio

    Il primo significato del termine disumano nel dizionario dell'Accademia Reale Spagnola ( RAE ) si riferisce al processo e al risultato di disumani . Questo verbo fa menzione per generare un fumo con aroma per ottenere che qualcosa abbia un profumo gradevole o per procedere alla sua purificazione
  • definizione popolare: risignificazione

    risignificazione

    Il significato è il processo e il risultato del significato (ciò che agisce come un segno o una rappresentazione di qualcosa di diverso, o che consente di esprimere un pensiero). Sebbene il concetto di rassegnazione non compaia nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), l'inclusione del prefisso indica che il termine si riferisce alla risignificazione .
  • definizione popolare: soddisfazione del cliente

    soddisfazione del cliente

    L' azione di soddisfacimento o soddisfazione è nota come soddisfazione . Il termine può riferirsi a saziare un appetito, compensare un requisito, pagare ciò che è dovuto, annullare un reato o premiare un merito. Il cliente , d'altra parte, è la persona che effettua un determinato pagamento e accede a un prodotto o servizio . Il
  • definizione popolare: irrequietezza

    irrequietezza

    Per comprendere perfettamente il significato del termine irrequietezza, la prima cosa da fare è stabilire la sua origine etimologica. Quindi, bisogna sottolineare che esso proviene dal latino, in particolare dalla parola "inquietudo", che è composta da tre parti differenti: • Il prefisso "in-", che equivale a "senza". •