Definizione gruppo

Il termine gruppo deriva dal concetto di gruppo italiano e si riferisce alla pluralità di esseri o cose che formano un tutto, sia materialmente che mentalmente. Il termine è usato in diversi campi, come matematica, astronomia, chimica, sociologia, informatica e musica .

gruppo

Per la matematica, un gruppo è una struttura formata da un insieme, sui cui elementi è stata definita un'operazione binaria o legge di composizione interna che soddisfa determinate condizioni algebriche.

In astronomia, un piccolo numero di galassie è chiamato gruppo che si trova l'uno accanto all'altro (ad esempio, il gruppo locale, dove si trova la Via Lattea ).

Nel campo della chimica, il gruppo di parole ha due usi. Da un lato, permette di nominare una colonna della tavola periodica degli elementi . Dall'altro, è un'entità funzionale costituita da certi atomi la cui presenza fornisce una certa proprietà alla molecola ( gruppo funzionale ).

Un gruppo sociale è, invece, un sottoinsieme di culture o società . L'uso del termine è molto comune in sociologia .

Per gli utenti di Internet, un gruppo è un tipo di sito in cui sono presenti forum e in cui i membri possono scambiarsi informazioni.

Infine, possiamo dire che un gruppo o gruppo musicale è un gruppo di persone che eseguono opere musicali. Ci sono gruppi in tutti gli stili musicali, come ad esempio rock, pop, jazz o blues. The Rolling Stones e The Beatles sono gruppi musicali.

Raccomandato
  • definizione: confetto

    confetto

    Il concetto di dragee può essere utilizzato in diversi modi. A livello generale, il termine si riferisce a una porzione molto piccola di qualcosa che viene ingerito. I confetti possono essere confezioni di diversi colori. Sono dolci le cui origini risalgono a diversi secoli, anche se le loro caratteristiche variano a seconda della regione e del tempo.
  • definizione: bifasico

    bifasico

    Bifasico è un aggettivo che si riferisce a ciò che ha due fasi (stati, valori, stadi). Il concetto è solitamente usato nel campo dell'elettricità per qualificare la corrente che è composta da due correnti alternate uguali e provenienti dallo stesso generatore, ma che sono un semiperiodo spostato l'uno dall'altro. La
  • definizione: iperbole

    iperbole

    Dall'iperbole latina, sebbene con antecedenti più distanti in un concetto greco, il termine iperbole si riferisce alla figura retorica che aumenta o riduce in eccesso il soggetto di cui si parla . La nozione è anche usata per nominare l' eccessiva amplificazione di una storia, un evento o un evento .
  • definizione: rinvio

    rinvio

    Il posticipo è l' azione e l'effetto del posticipo . D'altra parte, questo verbo (postpone) si riferisce al fatto che le persone soffrono di ritardi o lasciano qualcosa dietro; per apprezzare qualcuno o qualcosa di meno di un altro soggetto o cosa; o danneggiare qualcuno dando la priorità a un'altra persona .
  • definizione: prossimo

    prossimo

    Neighbor è un termine che deriva dal latino vicīnus (che, a sua volta, deriva da vicus e significa "vicinato" o "luogo" ). Il concetto è usato per nominare qualcuno che vive con gli altri nello stesso edificio , quartiere o città , anche se in case indipendenti. Vale a dire: i membri di una famiglia che vivono nella stessa casa non sono vicini di casa tra loro, ma sono vicini alle famiglie che risiedono nelle case vicine o vicine. Ad
  • definizione: ultraísmo

    ultraísmo

    Per conoscere il significato del termine Ultraismo, la prima cosa che faremo è determinare la sua origine etimologica. In questo senso, possiamo fare in modo che derivi dal latino, poiché è il risultato dell'aggiunta del prefisso "ultra", che equivale a "oltre", e del suffisso "-ismo", che può essere tradotto come "doctrina" o " movimento. &q