Definizione giustificazione

In latino è dove troviamo l'origine etimologica del termine giustificazione che ora ci occupa. Viene dalla parola "iustificatio", che può essere tradotto come "azione ed effetto di fare qualcosa di giusto" e che è composto dalle seguenti parti:
• La parola "iustus", che è sinonimo di "just".
• Il verbo "facere", che equivale a "fare".
• Il suffisso "-cion", che viene utilizzato per indicare "azione ed effetto".

Una persona può fornire una giustificazione per le proprie azioni e spiegare il loro comportamento in un contesto. In questo caso, parliamo di una giustificazione attiva. Un'altra possibilità è che un'autorità sia responsabile di indicare la giustificazione per le azioni degli altri.

In questo senso, è noto come giustificazione medica di un documento che deve essere scritto da un medico per certificare l'assenza di un paziente nel suo luogo di lavoro o di studio. È una giustificazione con una base scientifica e sostenuta da una persona qualificata che offre il suo nome e la sua esperienza come garanzia, quindi è normale che la sua validità non sia messa in discussione, anche se è noto che molte volte non ce l'ha, ma che la giustificazione si estende in via di favore ad un amico o conoscente.

All'interno del campo educativo, poiché alcuni metodi di valutazione richiedono agli studenti di indicare semplicemente se un'affermazione è vera o falsa, o di scegliere la frase corretta da una serie di opzioni, è normale che sia necessaria una giustificazione, una breve spiegazione. mostra che la scelta non è stata casuale.

Anche nelle scuole, al fine di ridurre al minimo quello che sarebbe l'assenteismo scolastico, è normale che quando gli studenti perdono la lezione, viene loro richiesto di presentare la giustificazione corrispondente. Questo può essere un documento medico che dimostra che hai frequentato una consultazione o che sei malato o una nota fatta e firmata dai tuoi genitori o dal tutore legale che specifica il motivo della mancanza di giovani.

È anche importante stabilire che nell'ambito della filosofia e della scienza parliamo di quella che viene chiamata la teoria della giustificazione. Questo è un termine usato per riferirsi alla parte della teoria della conoscenza che è dedicata allo studio delle tecniche o dei metodi che vengono utilizzati dalle persone al momento di essere in grado di dimostrare una dichiarazione o una qualsiasi proposta.

Al suo interno si stabilisce che esistono tre tipi di giustificazioni o piuttosto fonti che servono come tali. In particolare, si tratta del proprio ragionamento, intuizione ed esperienza.

La giustificazione, infine, può essere un tipo di allineamento che viene applicato alle linee di un testo per far coincidere ciascun punto finale con l'inizio del margine corrispondente, spazia le parole quanto necessario. Un blocco di testo giustificato sembra simile a un quadrato, in quanto non lascia spazi vuoti tra margini e parole.

Vale la pena ricordare che esiste anche la giustificazione verticale dei testi, per i quali vengono utilizzati i margini di composizione superiore e inferiore, sebbene ciò non sia ampiamente utilizzato. A differenza della giustificazione orizzontale, che estende le linee del testo aggiungendo spazi tra le parole, la verticale utilizza la regolazione della spaziatura della linea, cioè lo spazio tra le sue linee.

Raccomandato
  • definizione popolare: libero scambio

    libero scambio

    Il commercio , originario della parola latina commercium , è un termine che si riferisce all'acquisto e alla vendita di servizi e / o prodotti . Libero , nel frattempo, è un aggettivo che può riferirsi a ciò che è indipendente poiché non è subordinato a un'autorità o a un superiore. L'idea del libero scambio è utilizzata nel campo dell'economia per citare l' assenza di ostacoli o ostacoli che impediscono l'accesso all'attività commerciale e al suo sviluppo . È uno de
  • definizione popolare: formazione

    formazione

    Il concetto di formazione viene dalla parola latina formatio . È un termine associato alla forma del verbo (dare forma a qualcosa, organizzare un tutto dall'integrazione delle sue parti). La formazione si riferisce anche alla forma come aspetto o caratteristiche esterne ( "È un animale di eccellente formazione" ) e all'accumulo di pietre o minerali che condividono determinate caratteristiche nella sua geologia .
  • definizione popolare: incidente

    incidente

    Il primo passo che faremo per essere in grado di analizzare in profondità il termine dell'incidente che ora ci occupa è quello di determinare la sua origine etimologica. In questo senso, dovremmo affermare che è una parola che viene dal latino, e più precisamente dalla parola incidens , che può essere tradotta come "cosa succede durante lo sviluppo di un problema". Que
  • definizione popolare: sanzione

    sanzione

    La parola latina sanctĭo giunse alla nostra lingua come una sanzione . Il concetto si riferisce a una punizione che si applica alla persona che viola una regola o una regola . Ad esempio: "La FIFA analizza la sanzione che verrà inflitta all'attaccante per il suo atto di indisciplina" , "Sanzione da un milione di dollari per una compagnia che inquinava un lago in Patagonia" , "Il dirigente scolastico ha deciso che non ci sarà alcuna sanzione per gli studenti chi ha fatto la protesta " . U
  • definizione popolare: cura

    cura

    La cura è l' azione della cura (preservare, salvare, preservare, assistere). Prendersi cura significa aiutare se stessi o un altro essere vivente, cercando di aumentare il loro benessere ed evitare che subiscano alcun danno. È anche possibile prendersi cura degli oggetti (come una casa) per evitare incidenti come danni e furti.
  • definizione popolare: riproduzione asessuata

    riproduzione asessuata

    L'idea della riproduzione è legata al processo e al risultato della riproduzione , un verbo con diversi significati. In questo caso, siamo interessati a concentrarci sul suo significato all'interno del gruppo di esseri viventi: riprodurre è concepire un nuovo organismo che abbia le stesse caratteristiche biologiche del suo genitore.