Definizione antieroe

La nozione di antieroe viene utilizzata per definire il personaggio che, in una storia, presenta comportamenti e caratteristiche che non coincidono con quelli presentati dagli eroi convenzionali . In questo modo, sebbene le loro azioni possano essere considerate eroiche, le loro procedure e i loro scopi non lo sono.

antieroe

Nella finzione, molte volte l'antieroe è egoista, eremita, scontroso e senz'anima finché la sua azione eroica non funziona come la redenzione . Con il riconoscimento sociale e una nuova concezione di se stesso, l'antieroe diventa e conclude la storia in una posizione vicina a quella di un eroe tradizionale.

L' idea dell'anti-eroe è anche usata per nominare il personaggio che non ha le qualità attribuite agli eroi, sebbene i loro obiettivi e risultati siano gli stessi . In generale gli eroi sono coraggiosi, forti e belli: l'anti-eroe manca di questi attributi. Un giovane vigliacco e poco attraente che, grazie ai suoi sforzi, riesce a salvare la sua gente affrontando un cattivo che può essere considerato un antieroe.

Uno dei nomi alternativi che a volte riceve questo tipo di eroe è un protagonista antagonista, e ciò rafforza le differenze che possono essere apprezzate tra le sue caratteristiche e quelle dell'eroe convenzionale, specialmente la natura discutibile dei suoi metodi e delle sue motivazioni.

Due eccezionali esempi di romanzi in cui il protagonista può essere descritto come antieroe sono L'ingegnoso hidalgo Don Chisciotte della Mancia e La vida de Lazarillo di Tormes e le loro fortune e avversità . Nell'acclamata saga di romanzi criminali intitolata Millennium, creata dallo scrittore svedese Stieg Larsson, possiamo apprezzare una versione moderna di antieroe, in questo caso un giovane hacker di nome Lisbeth Salander con una personalità antisociale e poco imparentato con il modello tradizionale dell'eroina.

Nel mondo dei fumetti ci sono molti personaggi che rispondono a questa descrizione, come Red Hood, The Darkness, John Constantine, Deadpool, Ghost Rider, The Punisher e Vegeta. Inutile dire che molti di loro hanno raggiunto il cinema, di solito come protagonisti, e questo movimento può essere molto positivo per quelle persone che si sentono affogate in un mondo che persegue la perfezione come l'unica via di successo o riconoscimento.

L'antieroe ha guadagnato popolarità speciale negli ultimi anni, proprio per l'effetto rivitalizzante che ha su coloro che non vedono Clark Kent quando si guardano allo specchio. Forse l'etimologia della parola non rende possibile esprimere chiaramente il suo significato, poiché ci fa pensare a qualcosa di negativo: a prima vista, l'antieroe sembra sinonimo di personaggio cattivo o antagonista, e questa interpretazione non è necessariamente corretta.

Oltre ai benefici che la messa in scena di un antieroe può portare in modo che le persone rifiutate dalla società possano riflettersi in un personaggio principale, la flessibilità che offre quando si definisce la propria personalità è maggiore, e questo può aprire le porte una dose di umorismo e umanità molto più grande del possibile in personaggi rigidi e freddi come Superman.

Uno degli aspetti che di solito lavorano in profondità per creare un antieroe piuttosto che un eroe è il suo passato, gli eventi e le esperienze che lo hanno portato a diventare estraneo alle imposizioni sociali . Di solito ha storie molto dolorose, ha subito una profonda delusione in alcune relazioni o perdite a causa dell'attività di una banda criminale; partendo dalla sofferenza, decide di ricostruire se stesso, senza prestare attenzione a niente altro che alla sua sete di vendetta o al suo modo particolare di comprendere la moralità e la giustizia . Si dice che l'antieroe sia meno estremo o definito dell'eroe e del cattivo.

Raccomandato
  • definizione popolare: raggio di luce

    raggio di luce

    La parola latina radius divenne fulmineo , il termine del nostro linguaggio che è usato per nominare la linea che ha origine nel luogo in cui viene prodotto un tipo di energia e che si estende significativamente alla direzione in cui si propaga. La luce , d'altra parte, è un concetto che deriva dal lux .
  • definizione popolare: chiuso

    chiuso

    Closed è un aggettivo che può essere utilizzato in vari contesti. Può essere usato sia per oggetti che per ideologie, come persone, per esprimere che sono ermetici, rigidi, rigidi o rigidi . Ad esempio: "Il pensiero del mio capo è così vicino che non lascia mai spazio all'innovazione" , "L'argomento del furto è un caso chiuso: non intendo continuare a parlarne" . Quan
  • definizione popolare: Sahumerio

    Sahumerio

    Il primo significato del termine disumano nel dizionario dell'Accademia Reale Spagnola ( RAE ) si riferisce al processo e al risultato di disumani . Questo verbo fa menzione per generare un fumo con aroma per ottenere che qualcosa abbia un profumo gradevole o per procedere alla sua purificazione
  • definizione popolare: risignificazione

    risignificazione

    Il significato è il processo e il risultato del significato (ciò che agisce come un segno o una rappresentazione di qualcosa di diverso, o che consente di esprimere un pensiero). Sebbene il concetto di rassegnazione non compaia nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), l'inclusione del prefisso indica che il termine si riferisce alla risignificazione .
  • definizione popolare: soddisfazione del cliente

    soddisfazione del cliente

    L' azione di soddisfacimento o soddisfazione è nota come soddisfazione . Il termine può riferirsi a saziare un appetito, compensare un requisito, pagare ciò che è dovuto, annullare un reato o premiare un merito. Il cliente , d'altra parte, è la persona che effettua un determinato pagamento e accede a un prodotto o servizio . Il
  • definizione popolare: irrequietezza

    irrequietezza

    Per comprendere perfettamente il significato del termine irrequietezza, la prima cosa da fare è stabilire la sua origine etimologica. Quindi, bisogna sottolineare che esso proviene dal latino, in particolare dalla parola "inquietudo", che è composta da tre parti differenti: • Il prefisso "in-", che equivale a "senza". •