Definizione tipografia

Conoscete l'origine etimologica della parola tipografia? Se no, e prima di entrare pienamente in ciò che è l'analisi del significato del termine, è importante sapere che è in greco. In particolare, questa parola deriva dall'unione di tre componenti: i tipi di parole che significano "muffa", i grafi concettuali che possono essere tradotti come "scrivere o registrare" e il suffisso - che è equivalente a "qualità o azione".

tipografia

È noto come tipografia per l'abilità, il commercio e l'industria di scelta e l'uso di tipi (le lettere progettate con unità di stile) per sviluppare un lavoro di stampa. È un'attività responsabile di tutto ciò che riguarda simboli, numeri e lettere di un contenuto stampato su supporti fisici o digitali.

Il design, l'aspetto e le dimensioni dei tipi dipendono dalla tipografia. È possibile distinguere vari rami o divisioni in quest'arte, come la tipografia creativa (che esplora le forme grafiche oltre lo scopo linguistico dei simboli), modificando la tipografia (legata alle proprietà normative delle famiglie di tipi), tipografia del dettaglio o del microtipo (centrato sull'interlineare, l'interletrado e il segno visivo) e la macrotipografia (specializzata nel tipo, nello stile e nel corpo dei simboli).

La tipografia imitata, in un primo momento, calligrafia. Con il tempo si è optato per i tipi più leggibili e facili da capire, una decisione legata ai progressi tecnici.

I tipi mobili originali furono sviluppati da Johannes Gutenberg ( 1398 - 1468 ), anche se questi esperimenti furono già effettuati dai cinesi nell'undicesimo secolo. Gutenberg si dedicò all'incisione dei personaggi in rilievo in senso inverso su una matrice in acciaio e, nel 1445, riuscì a creare il primo libro stampato dell'Occidente (la Bibbia ).

Un libro citato, noto anche come Bibbia di 42 righe, in riferimento al numero di linee che davano forma a ciascuna pagina.

Quando parliamo di tipi, che sono ciascuno dei tipi esistenti di lettere o pezzi della stampa utilizzati per evidenziare una lettera o un segno in particolare, dobbiamo sottolineare il fatto che quelli hanno una serie di componenti che formano la tua anatomia. Così, per esempio, hanno un'altezza, palchi, un braccio, una coda, una certa inclinazione, aste e persino un orecchio.

In questo modo, partendo da questo insieme di elementi e molti altri, si stabiliscono due tipi di classificazione: storica o per modulo.

Nel caso della prima modalità citata possiamo dire che è composta da tipi antichi, egizi o moderni, tra gli altri. Nel frattempo, nel secondo caso, questo insieme di lettere è differenziato in base al fatto che abbiano o meno aste che facilitano o ostacolano la lettura.

Nel diciannovesimo secolo, la tipografia optò per due tecniche principali: il monotipo (dove ogni simbolo è fuso in rilievo in isolamento) e il linotype (le linee complete sono fuse separatamente e, alla fine della stampa, tutto si scioglie di nuovo ).

Raccomandato
  • definizione: voto

    voto

    La votazione (dal latino votum ) è l' espressione di una preferenza rispetto a un'opzione . Questa espressione può essere pronunciata pubblicamente o segretamente, a seconda del caso. Il termine è anche usato per nominare la scheda elettorale, il voto o altro oggetto che esprime questa preferenza o apparentemente è spiegato a un assemblea. Ad
  • definizione: ricercare

    ricercare

    Procurar , derivato dalla parola latina procurare , è un verbo con diversi significati. Può essere l'azione di ottenere, ottenere o comprare qualcosa . Ad esempio: "Cercherò di ottenere un posto nelle prime file per guardare il concerto con conforto" , "Non preoccuparti, Juan ha detto che ci fornirà il rifugio per la traversata" , "Abbiamo bisogno della polizia per garantire la sicurezza fuori dai locali " . La
  • definizione: favorito

    favorito

    Preferito è un aggettivo che viene applicato per qualificare quello o quello che è preferito, privilegiato o distinto dall'avere un particolare affetto o considerazione . Ad esempio: "I cioccolatini con liquore con i miei preferiti" , "Se dovessi scegliere, direi che Lionel Messi è il mio calciatore preferito" , "Cancun è il mio posto preferito in vacanza" . Il
  • definizione: arbitro

    arbitro

    Per capire il significato del termine arbitro, dobbiamo prima stabilire quale sia la sua origine etimologica. In questo caso, si può dire che deriva dal latino, più specificamente dal sostantivo "arbitro", che può essere tradotto come "giudice". Il primo significato menzionato nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) del termine arbitro si riferisce all'individuo che ha il potere di prendere certe decisioni per se stesso , senza dipendere da un altro argomento. N
  • definizione: porto di mare

    porto di mare

    Il termine porta può essere utilizzato in diverse aree. Questo è, nella sua accezione più ampia, l' infrastruttura che include vari servizi per la realizzazione di una determinata operazione. Il significato più comune di porto è associato allo spazio che, situato su una spiaggia o sulla costa , consente alle navi di effettuare operazioni di scarico e carico, sbarco e imbarco. Qua
  • definizione: palazzo

    palazzo

    Un palazzo è un edificio progettato per funzionare come la casa di un re , un governante o una persona di grande ricchezza. Di solito sono edifici molto lussuosi, con un gran numero di stanze, giardini e altre strutture. Ad esempio: "L'imperatore ordinò di costruire un palazzo in ogni colonia per rimanere nei suoi viaggi" , "Il Palazzo della Pace è uno degli edifici più belli della città di Buenos Aires" , "L'ambasciata giapponese opera in un palazzo del 18 ° secolo ". Sebb