Definizione teismo

Per entrare pienamente nella definizione del significato del termine teismo, è necessario, in primo luogo, essere in grado di sapere qual è l'origine etimologica del termine. In tal caso, possiamo dire che è una parola che deriva dal greco, poiché è il risultato della somma di due componenti di quel linguaggio:
-Il nome "theos", che può essere tradotto come "Dio".
-Il suffisso "-ismo", che equivale a "dottrina" o "pensiero".

teismo

Quindi, può essere definito come la "dottrina che crede in Dio".

Il teismo è chiamato il riconoscimento dell'esistenza di un dio che ha creato l'universo e che è ancora coinvolto nella sua conservazione. Il concetto può anche essere collegato alla credenza negli esseri divini .

L'idea di teismo sorse nell'antica Grecia con riferimento alla credenza nelle divinità che facevano parte dell'Olimpo . Nel tempo, diversi teismi iniziarono a essere riconosciuti in base alle qualità attribuite agli dei.

Nel corso della storia si è parlato molto di teismo da parte di figure importanti e riconosciute. Questo sarebbe il caso, per esempio, del famoso francese Voltaire che non ha esitato a dichiarare che i teisti pensano e credono nell'esistenza di un Dio che non è solo creatore di tutto e di tutti ma che ha un potere che è infinito. Determinò anche che quelle persone che credono nel teismo stabiliscono che è stato quel Dio che ha dato loro forma, le ha rese libere e ha dato loro il loro istinto.

Il monoteismo, ad esempio, sostiene l'esistenza di un unico dio. Cattolicesimo, ebraismo e islam sono religioni monoteiste. Il politeismo, d'altra parte, si basa sulla credenza in molti dei, come nell'induismo . In tutti questi teismi, è accettato che il dio o gli dei abbiano creato l'universo e continuino ad esserne coinvolti, anche se lo trascendono.

Allo stesso modo, non possiamo dimenticare l'esistenza di ciò che viene chiamato henotheism. Sotto questo termine si fa riferimento alla credenza che ci siano diversi dei ma poi ce n'è uno che è supremo per tutti.

Il deismo, d'altra parte, riconosce la partecipazione divina alla creazione dell'universo, sebbene scarti il ​​successivo intervento soprannaturale. Per il pandeismo, infatti, Dio e l'universo sono una cosa sola (ecco perché non c'è "intervento" ).

Molti sono stati i deisti importanti che sono esistiti nel corso della storia. Questo sarebbe il caos, ad esempio, dell'inventore Benjamin Franklin, di Montesquieu, di Rousseau o persino del presidente degli Stati Uniti, George Washington.

Il concetto di teismo dà origine anche alla nozione opposta: il non-teismo . Queste posizioni non credono nell'esistenza di un creatore e di un dio assoluto. Il buddismo è una religione non teistica: si basa sugli insegnamenti del Buddha Gautama, un essere umano che visse circa cinquecento anni prima di Cristo .

Nel campo del non-teismo possiamo menzionare l' ateismo (non credono in nessun tipo di dio) e l' agnosticismo (il quale afferma che l'esistenza degli dei non può essere sostenuta, sebbene non la neghi o la scarti).

Raccomandato
  • definizione popolare: fascio

    fascio

    Il concetto di raggio deriva dal latino biga , un termine che era usato per riferirsi al trasporto di un paio di cavalli. La trave, con 'v', consente di identificare il pezzo curvo (che può essere sia in ferro che in legno), presente nelle vecchie vetture con lo scopo di permettere il collegamento tra fronte e retro.
  • definizione popolare: decoder

    decoder

    Il concetto di decodificatore , che può anche essere definito un decodificatore , allude a ciò che decodifica (o decodifica). D'altra parte, il verbo decodificare fa riferimento all'applicazione inversa delle regole di un codice a un messaggio che è codificato per ottenere la sua forma originale. L
  • definizione popolare: distorsione

    distorsione

    La distorsione della parola del tardo latino è venuta nella nostra lingua come distorsione . Il concetto ha diversi significati: il primo menzionato nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) si riferisce a una svolta . Una distorsione, in questo senso, può riferirsi a una distorsione , una lussazione o un altro tipo di lesione fisica legata a un tratto improvviso, violento o forzato.
  • definizione popolare: rifiutare

    rifiutare

    Rifiutare è un verbo che deriva dalla parola latina refusare . Il termine si riferisce al rifiuto di accettare, accettare o ammettere qualcosa . Per esempio: "Mi rifiuterò di testimoniare fino all'arrivo del mio avvocato" , "Bruno ha fatto una proposta a Gustavo che era impossibile rifiutare" , "Il governo sta cercando scuse per poter rifiutare le nuove affiliazioni" .
  • definizione popolare: argilla

    argilla

    Prima di procedere alla conoscenza del significato del termine argilla, dobbiamo intraprendere l'istituzione della sua origine etimologica. In questo caso, dobbiamo determinare che deriva dal latino, esattamente, della parola "argilla", che può essere tradotto come "argilla da vasaio".
  • definizione popolare: centromero

    centromero

    Il centromero è l' area più stretta dei cromosomi , la cui posizione è caratteristica in ciascuna delle coppie. Va ricordato che un cromosoma è una struttura cellulare che ospita l'acido desossiribonucleico ( DNA ). I cromosomi hanno due braccia , distanziati dal centromero; uno di loro è chiamato q ed è lungo, mentre quello corto è chiamato p . Secon