Definizione costrizione

La prima cosa che faremo è conoscere l'origine etimologica del termine coercizione che ora ci occupa. In questo caso, possiamo affermare che si tratta di una parola che deriva dal latino, in particolare "coactio", che può essere tradotto come "forza che viene fatta per costringere qualcuno a fare qualcosa". È una parola composta dalle seguenti parti chiaramente differenziate:
-Il prefisso "con", che equivale a "insieme".
-Il verbo "agere", che è sinonimo di "atto" o "continua".
-Il suffisso "-cion", che viene utilizzato per indicare "azione ed effetto".

costrizione

Il concetto si riferisce alla violenza, all'intimidazione o alla pressione che viene esercitata su una persona con l'intenzione di costringerla a fare o dire qualcosa.

Ad esempio: "La coercizione ha dato i suoi frutti: l'uomo alla fine ha rifiutato di testimoniare contro i poliziotti accusati di corruzione", "Non accetterò alcun tipo di coercizione", "Nonostante i tentativi di coercizione, i lavoratori dell'industria della pesca hanno preso la tua protesta davanti alle porte del Palazzo del Governo . "

La coercizione è sviluppata affinché un individuo esegua o smetta di compiere un'azione contro la sua volontà . È importante ricordare che la coercizione può essere legittima (se imposta dallo Stato in determinati contesti) o illegittima (quando è esercitata da un soggetto privato).

Un governo democratico ha diversi strumenti per l'esercizio della coercizione con mezzi legali . Supponiamo che un gruppo di persone avanzi per le strade lanciando pietre agli automobilisti, colpendo i passanti e distruggendo negozi e case. Lo Stato, attraverso le forze di sicurezza (come la polizia), può fare appello alla coercizione per costringere queste persone a cessare le loro azioni. In questo contesto, la polizia può lanciare gas lacrimogeni per disperdere la mobilitazione e arrestare con la forza le persone che commettono crimini.

Prendi invece il caso di una donna che va in una stazione di polizia per denunciare il suo capo per molestie sessuali. Sulla strada, viene intercettata da tre uomini che la spingono, la insultano e le dicono che se lei denuncia l'uomo in questione, apparirà morta in un fosso. Questa coercizione, che cerca che la donna, per paura, non parli, è illegittima e illegale .

All'interno del campo culturale, troviamo diverse opere che usano il termine che ora ci occupa nei loro titoli. Un buon esempio di questo è il film "Coercion a un jurado", pubblicato nel 1996. Brian Gibson è il regista di questo film, incorniciato all'interno del genere thriller, con attori come Demi Moore, Anne Heche, Alec Baldwin e Joseph Gordon-Levitt.

Si tratta di raccontare la storia di una madre single, Annie, che viene scelta per far parte di una giuria che dovrebbe essere responsabile di un processo contro un pericoloso assassino. La sua vita sarà complicata perché quella scelta lo porterà a diventare una vittima della coercizione. Ed è che un criminale assunto dalla mafia lo esporrà o dichiarerà innocente all'imputato, ricevendo come risarcimento una grossa somma di denaro, o la sua vita e quella di suo figlio saranno in serio pericolo.

Raccomandato
  • definizione: testimone

    testimone

    Un testimone è una persona che dà testimonianza o che testimonia direttamente un determinato evento. Ad esempio: "Mia zia è stata testimone di una rapina e ora deve andare a testimoniare in tribunale" , "Sono stato testimone dell'arrivo di Perón a Ezeiza" , "Il testimone ha dichiarato di aver visto il sospetto entrare nell'edificio alle nove in punto. la
  • definizione: trattato

    trattato

    Dal latino tractatus , un trattato è la chiusura o la conclusione di una trattativa o di una controversia, dopo aver discusso e raggiunto un accordo. La nozione di trattato viene utilizzata per denominare la documentazione che registra tale conclusione e, in senso più ampio, il testo o il manuale su un determinato argomento .
  • definizione: privilegio

    privilegio

    Privilegio possiamo dire che è un termine che, etimologicamente parlando, viene dal latino. "Privilegium" è, in particolare, la parola latina da cui emana, ed è formata dalla somma di tre componenti chiari: "privus", che è sinonimo di "privato"; "Legalis", che equivale a "relativo alla legge", e infine il suffisso "-ium", che può essere tradotto come "indicativo di relazione". Il
  • definizione: soggetti

    soggetti

    I soggetti (dal latino assignatus ) sono le materie che formano una carriera o un curriculum e vengono insegnate nelle scuole. Alcuni esempi di argomenti sono letteratura , biologia e chimica . D'altra parte, quando qualcuno fa riferimento a un argomento in sospeso , stanno parlando di un progetto o di un ideale che è ancora in attesa di risoluzione.
  • definizione: disegno geometrico

    disegno geometrico

    Esistono diversi tipi di disegni (tratti o delimitazioni che consentono di rappresentare una figura): ci sono disegni artistici , disegni tecnici , disegni architettonici , disegni meccanici e disegni elettrici , tra gli altri. In questa occasione ci concentreremo sui disegni geometrici . Geometrico è quello legato alla geometria , che è la specialità della matematica orientata all'analisi delle grandezze e delle proprietà delle figure nello spazio o in un piano. Un
  • definizione: girato

    girato

    Restituito , come nome , è utilizzato in diversi paesi dell'America Latina con riferimento all'importo che un venditore restituisce all'acquirente quando ha consegnato più denaro di quanto fosse necessario per pagare un prodotto o un servizio. Ad esempio: "Ecco il tuo turno: cinque pesos con venticinque centesimi" , "Per favore, basta pagarmi: non ho monete per darti il ​​ritorno" , "Penso che il fruttivendolo abbia sbagliato a darmi il turno" . Supp