Definizione materia organica

Dicono coloro che sono responsabili dell'analisi delle proprietà e delle caratteristiche della materia che il tipo organico è formato da rifiuti di origine animale o vegetale . Queste sono sostanze che di solito sono distribuite sul terreno e che aiutano la loro fertilità. Infatti, affinché un terreno sia adatto alla produzione agricola, deve avere un buon livello di materia organica; altrimenti, le piante non potrebbero crescere.

Materia organica

Vari microrganismi sono responsabili della decomposizione della materia organica grezza e della sua trasformazione in humus . Un terreno con presenza di humus non perde i nutrienti, ha un'alta capacità di ritenzione idrica e contribuisce a migliorare le condizioni biologiche, chimiche e fisiche.

È interessante menzionare che la materia organica è una delle componenti più abbondanti dei rifiuti domestici. Gli avanzi di cibo, le bucce di frutta, le foglie raccolte dal giardino e i pannolini sporchi, ad esempio, sono composti di materia organica.

Un modo per trarre vantaggio da questi rifiuti è quello di riservare la materia organica per fertilizzare le piante domestiche. Naturalmente, per questo scopo, è essenziale che non ci sia contaminazione.

I composti organici (noti anche come molecole organiche ) sono, d'altra parte, gruppi formati da una serie di sostanze chimiche in cui si notano la presenza di carbonio e, in alcuni casi, di ossigeno, azoto e fosforo, per citarne alcuni degli elementi possibili .

Questi composti organici possono essere suddivisi in due tipi principali: molecole organiche naturali (in cui gli esseri viventi sono responsabili dell'esecuzione del processo di sintesi) e natura artificiale (dove sono raggruppate quelle sostanze che sono state fabbricate dall'uomo, come plastica).

In generale, la differenza tra composti organici e composti inorganici è data dalla presenza di carbonio con legami idrogeno nel primo gruppo.

Fattorie ecologiche e riciclaggio di materia organica

L'ascesa delle fattorie ecologiche, negli ultimi anni, ha contribuito a diffondere l'importanza del riciclaggio della materia organica e di sfruttarla nelle colture. Nella maggior parte degli stabilimenti in cui il cibo viene prodotto in un clima di rispetto per l' ambiente, i residui di rifiuti degli esseri viventi vengono utilizzati per preparare fertilizzanti, che serviranno in seguito a rafforzare le caratteristiche del terreno.

È necessario tenere presente che questo tipo di utilizzo non può avvenire solo in grandi stabilimenti, ma anche in abitazioni private. I passi da seguire per gestire i rifiuti provenienti da materiale organico sono:

1) Accumula i resti di prodotti derivati ​​da esseri viventi in uno spazio pulito di altre impurità come plastica, vetro o materiale inorganico di qualsiasi tipo. È importante che i resti di cibo non vengano mescolati con grasso o olio e resti di carne, perché impiegano molto tempo a decomporsi;

2) Assegna un cubo con coperchio, che ha una capacità minima di 1m3, e posizionalo in un'area del giardino dove dà sole e ombra per tutto il giorno;

3) Mettere uno strato di terra o segatura a circa 6 cm sul fondo del secchio;

4) Disseminare i rifiuti organici, coprirli con uno strato di terreno e annaffiarlo un po '(è necessario mantenere sempre l'umidità). Quindi, cospargere l'interno con la calce per prevenire gli odori e coprire di nuovo il secchio;

5) Ogni volta che vengono lanciati nuovi detriti, l'interno deve essere ruotato con un'asta, in modo che tutti i materiali siano ventilati.

Dopo un periodo di tempo, da circa un mese in poi, non sarà più possibile distinguere i rifiuti separatamente, ad eccezione di quelli che sono stati depositati di recente. Il risultato è ciò che è noto con il nome di compost ed è considerato un fertilizzante estremamente ricco per la terra; con una grande varietà di microrganismi che sono incaricati di sintetizzare enzimi, vitamine e ormoni e che collaborano notevolmente con l' equilibrio biotico della terra.

Se la maggior parte delle persone produce il compost con la materia organica dalla nostra spazzatura, potrebbe ridurre considerevolmente la contaminazione, dal momento che i resti organici depositati nelle discariche, quando riscaldati con il sole, eliminano il gas metano (CO2), uno dei componenti più dannosi per il riscaldamento globale.

Raccomandato
  • definizione: linee guida

    linee guida

    Una direttiva è una regola o un'istruzione che viene presa in considerazione per fare qualcosa. Riguarda anche cosa determina come qualcosa verrà prodotto. Le linee guida, quindi, pongono le basi per lo sviluppo di un'attività o di un progetto . Ad esempio: "L'allenatore ha dato al capitano le linee guida per la squadra per giocare nel campo avversario" , "Il manager incontra il proprietario della compagnia per determinare le linee guida da seguire" , "Senza linee guida, questa organizzazione non sarà mai in grado di soddisfare con i tuoi obiettivi . &q
  • definizione: TV

    TV

    La televisione è un sistema di trasmissione di immagini e suoni a distanza attraverso le onde di Hertz. Nel caso della televisione via cavo , la trasmissione avviene tramite una rete specializzata. La nozione di televisione è emersa con la combinazione della parola greca tele ( "distanza" ) e il termine latino visio ( "visione" ).
  • definizione: piena occupazione

    piena occupazione

    Full è un aggettivo che può essere usato per nominare qualcosa che è completo o pieno . L'occupazione , d'altra parte, è un termine che viene usato con riferimento al lavoro o al commercio . La nozione di piena occupazione è stata sviluppata nel campo dell'economia per menzionare la situazione in cui tutte le persone in età lavorativa e che vogliono lavorare hanno un lavoro. La p
  • definizione: attribuzione

    attribuzione

    Se analizziamo l'etimologia del termine attribuzione , dobbiamo affrontare la lingua latina e la sua parola attributio . Si chiama attribuzione all'atto di attribuzione : indica la competenza di qualcosa, assegna qualità o proprietà a una cosa oa qualcuno. L' idea di attribuzione viene solitamente utilizzata in relazione alle facoltà disponibili per un'entità in base ai regolamenti che regolano il suo funzionamento. Ad
  • definizione: porcellana

    porcellana

    Originaria di un termine italiano, la porcellana è una sorta di fine porcellana inventata in Cina tra il VII e l' VIII secolo . È un prodotto ceramico solitamente bianco, traslucido, compatto e duro. La pasta che compone la porcellana ha quarzo (un materiale molto abbondante sulla superficie terrestre), caolino (minerale sedimentario) e feldspato (che appare nella maggior parte delle rocce della crosta).
  • definizione: geranio

    geranio

    La parola greca geranion deriva nel termine latino geranĭon , che al castigliano arrivò come geranio . Questo è il nome dato alla pianta che integra il gruppo familiare di gerani , che a loro volta appartengono alle angiosperme . A causa delle loro caratteristiche, i gerani sono sia angiosperme (i loro carpelli costituiscono un'ovaia che contiene gli ovuli) e fanerógamos (i loro organi di riproduzione possono essere visti nella forma di un fiore , dove si sviluppa la fecondazione) e dicotiledoni (il loro embrione ha due cotiledoni). Qu